Carofiglio affianca Saviano nella sbobba dei luoghi comuni - La Verità
Le Firme
In primo piano

Carofiglio affianca Saviano nella sbobba dei luoghi comuni

ANSA

Si indigna in tv, elogia Antonio Gramsci, taccia di cialtroneria il governo. Spocchioso esempio del malmesso pensatoio della sinistra. Più che ad Albert Camus, somiglia a un maestrino dalla penna rossa. I suoi sono freghi fatti alla lavagna, intorno a parole e grammatica.
In primo piano

Il mago Renzi trova 120 miliardi inesistenti

Getty

Per cercare di schiodarsi dal 4%, il Bullo organizza una convention in cui annuncia di avere un piano di investimenti «più ambizioso di quello tedesco». Peccato che si sia dimenticato di dirlo a Giuseppe Conte, che tassa pure zucchero e plastica pur di recuperare gli spiccioli.
In primo piano

Mose non completo, la catastrofe sì. A inondare Venezia sono i commissari

Ansa

Ai due già in carica si è aggiunta la supermanager. Con relativi stipendi. E da 30 anni l'opera continua a essere sperimentale.
In primo piano

Il Mose poteva già salvare la città. Mancano un decreto e il coraggio...

Getty Images

Adesso che Venezia è allagata, l'Italia piange sull'acqua versata. Peccato che gli stessi che ora lacrimano e si indignano per i capolavori e i palazzi sommersi, siano in gran parte gli stessi che hanno ostacolato l'unica soluzione ritenuta possibile, dopo anni di studi e discussioni, per fermare l'alta marea: il Mose. Già, la grande diga che doveva evitare l'inondazione è combattuta da quasi 35 anni, cioè da quando il progetto viene presentato ad Amburgo. Dopo un dibattito senza sosta, che dura dal 1966, quando l'aqua granda invade la città, fino al 1985, Bettino Craxi dà il via libero definitivo e Gianni De Michelis, che a Venezia è nato e ha casa, assicura che entro dieci anni le paratie mobili avrebbero protetto la città.In realtà, tra polemiche e contestazioni, nel 1995 si riesce appena a costituire un comitato per valutare l'impatto ambientale dell'opera. (...)
In primo piano

«Uso esperto di schemi criminosi»: arrestata l’ex eurodeputata Comi

Ansa

Seconda puntata dell'inchiesta Mensa dei poveri. Per il gip l'esponente di Forza Italia, ora ai domiciliari con il candidato leghista di Varese Paolo Orrigoni, è «giovane» ma già «esperta di schemi criminosi». In carcere l'ex direttore dell'agenzia per il lavoro Afol.
In primo piano

Perché nessuna Procura muove un dito?

Getty

La magistratura, vi prego, ficchi il naso nella storia che riguarda Joseph Mifsud. Da giorni, in solitaria, stiamo percorrendo chilometri alla ricerca di questo strano professore maltese che fino a poco tempo fa insegnava alla Link, l'università romana fondata dall'ex ministro dell'Interno Vincenzo Scotti. All'improvviso il docente, che gli americani sospettano di saperla lunga sul Russiagate, l'affaire che doveva incastrare Donald Trump e costringerlo alle dimissioni, è scomparso. Guarda caso la sparizione coincide con il suo coinvolgimento nel gran complotto contro il presidente americano.

In primo piano

Riscrittura orwelliana di George Orwell: sparisce il comunismo

iStock

Esce la nuova edizione italiana del capolavoro 1984. E il traduttore Nicola Gardini trasforma il totalitarismo sovietico in un regime «fascista».

In primo piano

I giudici Ue ci impongono i profughi violenti

Getty

La Corte di giustizia dell'Unione ha accolto il ricorso di un afgano cacciato da un centro di accoglienza in Belgio per il suo comportamento. La protezione non si può perdere, anche se si mette a rischio l'incolumità altrui. Nuovo schiaffo alla sicurezza.
In primo piano

Dottor Google entra in ospedale (con tanti saluti alla privacy)

iStock

Accordo tra l'azienda e 150 nosocomi americani per la gestione delle cartelle cliniche. I dubbi sul trattamento dei dati personali.
In primo piano

La Roma fascista che brucia le librerie? Era un’altra balla

Ansa

Dovete sapere che ho un amore spassionato per Christian Raimo, scrittore all'insaputa dei lettori che passa il proprio tempo a escogitare espedienti per farsi notare. La prima volta che ho saputo della sua esistenza fu un paio d'anni fa, durante un programma televisivo che all'epoca conducevo su Rete 4. Raimo si era portato da casa un cartello che espose all'improvviso in favore di telecamere, mentre Alessandro Sallusti stava parlando di immigrati: «Non c'avete un altro servizio sui negri cattivi?».