In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Dottor fungo

popular

Trending Topics

Change privacy settings

Carlo Freccero: «Per far cacciare Renzi sto con la destra»

Il vero oppositore di Matteo Renzi non è un politico di lungo corso assetato di rivincita. Non è uno showman leader di un movimento. Non è un comico televisivo molto in auge. È Carlo Freccero. Un filosofo dei media, utopista e disinteressato, consigliere d'amministrazione Rai suggerito dal Movimento 5 stelle, uomo di televisione tra i più carismatici e vulcanici in circolazione. Con un curriculum pieno di cicatrici e medaglie: dalla partecipazione alla genesi della tv commerciale come consigliere del primo Silvio Berlusconi alla prestigiosa parentesi come direttore di La Cinq e poi di France 2, quindi da oppositore sui canali Rai del Cavaliere sceso in politica. Colpito ma non affondato dall'editto bulgaro. Autore a tutto campo di saggi su media e tv. Ecco, si capisce come mai l'intellettuale contro il premier, ribattezzato «il ragazzo del contado di Firenze», sia una guerra asimmetrica che sta creando problemi a chi ha più potere.

Carlo Freccero, perché ce l'ha a morte con Renzi?

«Perché è autoritario, accentratore, governa con i suoi quattro amici e le lobby».

Di premier accentratori ne sa qualcosa...

«In confronto a quello che sta facendo Renzi l'editto bulgaro era un atto poetico».

Addirittura.

«Massì, un impeto, una stizza, una reazione frontale. Qui subiamo manovre scientifiche, calibrate. La censura berlusconiana nella tv generalista è ruspante, mentre quella dei politici 2.0 è subdola, invisibile, avvolgente».

Lei si sente in missione per conto del No?

«Sono in tour. Sono stato a Pescara da quelli di Sel, a Roma con Massimo D'Alema, a Matera con Forza Italia, a Savona… Adesso voglio andare anche ai raduni della Lega. Per mandare a casa Renzi mi alleo anche con la destra».

Un'alleanza strategica, ma temporanea, immagino.

«Non si tratta di rapporti personali, si tratta di idee. Nei giorni scorsi Salvatore Merlo sul Foglio ha sostenuto che anche per il referendum la scelta non è sulle idee e i contenuti, ma sulle persone. Ancora una volta il discorso non riguarda la riforma della Costituzione, ma la presunta simpatia-antipatia, credibilità o involontaria comicità del No e del Sì. Come dire: “Vuoi mettere Renzi rispetto al baffuto D'Alema e all'ipercinetico Brunetta?". Come se il referendum si risolvesse in un concorso di simpatia tra due testimonial».

Ammetterà che Renato Brunetta e Massimo D'Alema formano una strana coppia.

«La coppia dei testimonial del No suscita l'ironia dei renziani proprio perché tra loro profondamente diversi, eterogenei, non omologati. Il pensiero unico trova divertente e deride ciò che non è formattato, riproducibile industrialmente. Come l'orata da porzione, l'hamburger rigorosamente stampato, il prodotto standard. In questo momento la differenza non è tra destra e sinistra, ma tra pensiero unico, diktat del governo, e opposizione. Tutto ciò che si oppone a questa schiforma mi va bene. E che il fronte del No sia fatto di differenze, anche eccessive, non è solo bello, ma anche didascalico».

Al Festival di Camogli dov'era stato invitato per una lectio su Media apocalittici e integrati in omaggio a Umberto Eco, Freccero ha condito di citazioni la critica a «.it», «.com» e «.net»: «Ricordatevi, accade sempre così: quando appare un nuovo media, il telefono, la televisione, ora la Rete, sembra una fatina. Ma dopo un po' la favola si trasforma in incubo…». Chissà cosa ne pensa l'amico Beppe Grillo. Dopo l'intervento ecco l'assalto di ex allievi, signore estasiate, telespettatori dei talk di La7. «Mi raccomando, votiamo No. Così lo mandiamo a casa».

Un mantra. Una missione che sembra un'ossessione.

«Macché ossessione. Renzi governa con le lobby e la propaganda. Un caro amico che parla per metafore e di cui non faccio il nome, dice che il premier pubblica troppi dischi e così non va più in classifica».

Sarà mica Pierluigi Bersani questo amico?

«No, è un uomo di spettacolo. Comunque, la tecnica è la propaganda, ormai è parte integrante della politica. E io rispondo con le stesse armi».

Va bene, mettiamo che la sua missione abbia successo. Chi mette al posto di Renzi? Disfare è facile.

«Uno migliore si trova. Il popolo è sovrano e non devono decidere le banche o la JP Morgan che ha chiesto esplicitamente una riforma delle costituzioni dei Paesi dell'Europa meridionale. Su questo mi trovo d'accordo con Giulio Tremonti».

Qualche sera fa su Rai 3, a Gianluca Semprini che gli chiedeva delle pensioni, Tremonti ha risposto parlando della riforma del Senato.

«Meraviglioso. È una gag, una goliardata stile Amici miei. Con Tremonti abbiamo un patto, andiamo in tv e tiriamo fuori il referendum a prescindere. Tremonti vede l'apocalisse del capitalismo».

Adesso anche Maurizio Gasparri parla di pensiero unico.

«C'è una collaborazione politica. Con Gasparri ci chiamiamo per nome. Con Brunetta ci scambiamo messaggini».

Che cosa fa l'avversione per Renzi...

«Qualche sera fa ero a Matera a un evento del centrodestra. Alla sera In Onda invita in collegamento me e Gaetano Quagliariello. In studio c'erano Alessandra Moretti e Renata Polverini. Si parla della riforma costituzionale e del referendum. Alla fine Quagliariello fa la sintesi: “Vedi, Moretti, voi avete come alleato Verdini, noi abbiamo Freccero…"».

Da Bari, però, Renzi l'ha bacchettata dicendo che lei parla della riforma costituzionale come di una «riforma mussoliniana».

«Me l'hanno detto. Io però non ho mai usato quell'espressione. Magari ho detto di peggio. Ma, come ho risposto all'agenzia che me l'ha riferito, bisogna ricordarsi che anche Pinocchio è originario del contado di Firenze. Al tempo del fascismo gli italiani avevano affidato la gestione del Paese a un uomo forte, che però aveva i suoi interessi nel Paese stesso. Oggi si vuole rafforzare un esecutivo che è espressione di interessi in conflitto con i nostri, come le banche e le multinazionali».

Con l'endorsement dell'ambasciata americana e i suggerimenti di Angela Merkel, la battaglia si è fatta parecchio seria.

«È esattamente ciò che volevo dire. Le multinazionali americane sono disposte a investire da noi solo a condizione che gli eventuali profitti che da questi investimenti scaturiranno non ricadano sul territorio, ma ritornino integri alla patria di provenienza della multinazionale o, addirittura, giungano ai paradisi fiscali dove hanno fittiziamente posto la residenza. Il caso Apple insegna».

Perché il referendum unisce destra e sinistra?

«Non c'è niente di strano nel fatto che destra e sinistra si alleino in nome del No. In un regime culturale - in cui la storia è morta, la differenza soppressa e solo il pensiero unico è considerato legittimo - è naturale che le frange del No si uniscano. In Grecia, Alexis Tsipras è riuscito a fare il governo con la destra, per evitare di unirsi a quelli che la crisi l'avevano prodotta. Io non mi sento in contraddizione con la sinistra. Possiamo dare al termine sinistra tantissimi significati. Ma, come diceva il grande sociologo Raymond Aron, su un unico punto c'è certezza: il termine sinistra deriva dalla collocazione fisica che aveva l'opposizione nel Parlamento post-rivoluzionario francese. Stare a sinistra significa opporsi».

A proposito di opporsi, non trova che, a differenza della sinistra del suo partito che vivrebbe perennemente in congresso, Renzi stia facendo qualcosa di concreto per il Paese?

«In questi anni, la propaganda del fare con cui siamo stati bombardati ha trasformato la Costituzione in un reperto archeologico da rottamare perché si oppone alla governabilità. Questo fare incessante ci chiede solo di spogliarci continuamente dei nostri diritti».

Lei è stato suggerito per il consiglio di amministrazione Rai dal Movimento 5 stelle. Pensa che la débàcle della giunta Raggi a Roma sia recuperabile o che i grillini abbiano perso definitivamente in credibilità?

«I grillini hanno imparato che le bugie fanno parte della gestione del potere. Hanno fatto molti pasticci, è chiaro. Mi auguro che trasformino la scivolata in una rincorsa per risalire. Magari approfittando dell'occasione del referendum».

Quante chance dà al tentativo di Stefano Parisi per rifare il centrodestra?

«Malgrado non sia prodiano, ha dei modi prodiani e in questo momento non è uno stile adatto alla destra. Tuttavia, ho visto che tra i suoi sponsor c'è Antonio Pilati. E dove c'è Pilati c'è potere».

Come andrà a finire? Tracci uno scenario da qui a fine anno.

«Decenni di centrismo, di dittatura della maggioranza, hanno livellato le differenze sino a provocarne l'estinzione. Io sto parlando adesso non da sinistra, ma prendendo come modello il pensiero liberale. Il terzismo e l'unanimismo hanno affossato le libertà. Perché non si può glorificare l'individuo e, insieme, la maggioranza. È quanto, per esempio, teorizzavano i radicali. Non esiste libertà senza tutela dell'individuo e delle minoranze. Oggi se sei politicamente scorretto desti scandalo. Invece, per conto mio, il vero scandalo è, al contrario, quando la maggioranza non rispetta la libertà di espressione delle minoranze. E quindi spero che rinascano la destra e la sinistra e non tutto finisca nel grigiore del Partito della Nazione».

Post scriptum. L'intervista è finita, ma, prima di salutarci, Freccero butta lì l'ultima cosetta da niente: «Prima o poi spero di rivedere Silvio Berlusconi. Siamo alla fine della Seconda Repubblica, alla fine di un percorso…».