Affamarsi è peccato prima che malattia

Affamarsi è peccato prima che malattia
(IStock)
All’origine dei «disturbi alimentari psicogeni» c’è sempre una scelta. Sbagliato ridurre tutto a patologia: così si svaluta il libero arbitrio e con esso l’importanza delle regole. Che invece sono un magnifico argine al dilagare di anoressia e dipendenze varie.
  • Sacerdoti e battezzati crescono a ritmi sbalorditivi, al punto che nel 2050 un fedele su tre vivrà nel continente. E a differenza della vecchia Europa, la loro fede resta ancorata alla dottrina, come mostra l’opposizione (trasversale) alle benedizioni delle coppie gay.
  • Il fondatore dell’associazione Steadfast Emmanuele Di Leo: «In Nigeria le messe durano tre o quattro ore, ho visto anche veglie notturne durante la settimana partecipate da migliaia di ragazzi. Col piano Mattei finalmente l’Europa tratta i suoi interlocutori da pari a pari».
  • Da Pio XII in poi i papi del Novecento «riscoprirono» la «terra del sole». Wojtyla viaggiò in 41 dei 56 Stati.

Lo speciale contiene tre articoli.

«Grazie a Instagram oggi suono coi miei eroi. Io influencer? Mai»
Matteo Mancuso (Paolo Terlizzi/Sixhats Studio)
Il chitarrista siciliano Matteo Mancuso osannato da Steve Vai: «Per chi fa musica strumentale gli Usa sono un sogno. La tecnica è solo un mezzo».
Dario Hubner: «Troppi stranieri in Primavera. E l’Italia non ha più attaccanti»
Dario Hubner (Getty Images)
Il simbolo dei centravanti di provincia: «Dietro Immobile poche scelte. Oggi al minimo tocco danno rigore. Andare in Arabia? A fine carriera va bene, da giovani un po’ meno».
I bocconiani ribelli andrebbero premiati
(IStock)
Con linguaggio sboccato e goliardico (se non vi piace, state alla larga dall’università) gli studenti che hanno ironizzato sui bagni transgender hanno rotto la gabbia di menzogne che ci tiene prigionieri. Una donna che si sente uomo va aiutata, non assecondata.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings