Tag page

L'ex magistrato a ruota libera in commissione Antimafia: Napolitano interferì sulla nomina del procuratore di Palermo. «Minniti si interessò alla designazione di Cafiero De Raho. I pm mi tranquillizzarono sull'interrogatorio della Boschi»
Ansa
Il presidente dell'Associazione magistrati annuncia una «ferma reazione» contro l'iniziativa solo per non perdere potere e privilegi. Silenzio totale, invece, sui pasticci in Puglia, a Verbania e sul processo Eni
Luca Palamara (Ansa)

Cane non mangia cane, e fino a ieri il proverbio funzionava a meraviglia, soprattutto in magistratura. Basta leggere i dispositivi della sezione disciplinare del Csm per rendersene conto. C'è il giudice che copia le sentenze, ma è richiamato con un buffetto, cioè con la perdita di un anno di anzianità.

C'è quello che dimentica in cella l'imputato ed è ammonito con la censura. C'è la toga che picchia la moglie, ma è assolta, perché le botte sono ridotte a un alterco fra coniugi. E c'è quella che molesta la collega con un comportamento vessatorio, che però non induce i colleghi a sospenderlo dalle funzioni perché, come si diceva, cane non mangia cane. Se si fa eccezione per Luca Palamara, ex presidente dell'Anm, sbattuto fuori dalla magistratura per essersi intrattenuto con i politici allo scopo di decidere i vertici degli uffici giudiziari (pratica in uso dalla notte della Repubblica, ma appunto confinata nell'ombra), i giudici e i pm finiti nel mirino dei colleghi sono davvero pochi: nel passato, qualcuno messo nel mirino con l'accusa di aver favorito Silvio Berlusconi, ma poi basta. O per lo meno, questo fino a qualche tempo fa, ma di recente siamo costretti a registrare che i magistrati ormai si mangiano da soli e tra poco si arresteranno fra loro.

Abbiamo raccontato ieri l'incredibile storia che ha per protagonisti due sostituti procuratori di Milano, uno dei quali con grado di aggiunto, cioè di vicecapo, e l'altro fresco di trasferimento alla Procura europea antifrode. I colleghi di Brescia, competenti per i reati commessi dalle toghe milanesi, li hanno indagati con l'accusa di «rifiuto di atti di ufficio». In pratica, secondo l'ipotesi formulata dai magistrati titolari dell'inchiesta, i due si sarebbero rifiutati di vedere che i testimoni su cui si basava il processo Eni, erano dei contaballe che stavano cercando di comprarsi un testimone con 50 mila euro e che avevano intenzione di far arrivare «una valanga di merda» per far saltare i vertici del gruppo petrolifero. I pm bresciani, tuttavia, non si sono limitati a questo, cioè a mettere sul banco d'accusa i colleghi, ma hanno mandato la polizia giudiziaria a «perquisire» i computer dei due, facendo copia delle mail da questi scambiate: un atto invasivo che non sembra rispondere alle modalità con cui le toghe si approcciano ad altre toghe quando queste finiscono nei guai. Infatti, a meno che non siano presi con la mazzetta in tasca (come è successo di recente a Bari), con la prova della corruzione in mano, in genere i magistrati con i colleghi ci vanno con i piedi di piombo.

Ma a quanto pare qualche equilibrio è saltato e gli scontri attorno alle nomine ai vertici delle procure e dei tribunali, uniti al clima incandescente che dal caso Palamara in poi si registra fra le correnti della magistratura e dentro il Csm, avrebbero spazzato via le cautele e le cortesie di un tempo.

Oltre al caso di Milano, una plastica dimostrazione è quanto successo ieri, proprio a proposito del caso che riguarda l'ex presidente dell'Associazione nazionali magistrati, cacciato per gli incontri all'hotel Champagne con i politici. Da numero uno delle trame fra toghe, Luca Palamara è finito tra i reietti dopo che le sue chat con i colleghi sono diventate di dominio pubblico grazie a un trojan inoculato nel suo telefono per una storia di favori con un avvocato, al quale in cambio avrebbe passato informazioni. Ma quasi tutto il castello di accuse contro di lui ieri è stato spazzato via con una decisione a sorpresa del giudice per le udienze preliminari che, a distanza di un paio d'anni dall'inizio del caso, ha stabilito che gran parte delle intercettazioni usate per incastrare Palamara non possono essere utilizzate, in quando non sarebbero state acquisite e conservate con correttezza. Insomma, potrebbero essere state manipolate. Una botta alla Procura di Perugia, titolare dell'indagine, ma soprattutto all'inchiesta, che senza quelle registrazioni frana clamorosamente, portandosi via tutto ciò che ne era derivato, ossia le dimissioni di quasi mezzo Csm, il blocco delle nomine ai vertici della Procura di Roma, gli scambi di favori. Insomma, tutto da buttare.

Ma se i pm di Milano sono nel pantano e quelli della Capitale anche, con un procuratore capo che ha visto invalidata la sua nomina da altri magistrati, la guerra delle toghe si estende anche in periferia, con il risultato che il gip di Verbania annulla gli arresti per la strage del Mottarone e per tutta risposta viene rimossa, ma ora il Csm vorrebbe aprire un procedimento per contestare la rimozione e per scoprire se la procura ha esercitato pressioni. Sì, a quasi trent'anni da Mani pulite i magistrati sono arrivati a sbranarsi da soli. Cane mangia cane. E la giustizia? Al momento non è pervenuta, ma siamo in attesa.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings