le pen

Bardella fa esplodere pure i Repubblicani
Marine Le Pen e Jordan Bardella (Ansa)
  • Il partito caccia il presidente per l’apertura a Marine Le Pen. Ma lui risponde: «È un colpo di Stato. Rassemblement national sosterrà 80 nostri candidati». Marion Maréchal invita all’unità delle destre. Emmanuel Macron, invece, si aggrappa all’Eliseo: «Non mi dimetterò».
  • Attacco del ministro Bruno Le Maire: «Crisi del debito se vince Rn». Adolfo Urso alla Bce: «Il taglio dei tassi non sia uno spot elettorale».

Lo speciale contiene due articoli.

Per Macron è una Waterloo. La Le Pen fa la rivoluzione e lui manda la Francia al voto
Marine Le Pen e Jordan Bardella (Ansa)
Rassemblement National va al 31,5%, l’Eliseo si arrende all’esito delle urne e scioglie l’Assemblea nazionale: primo turno il 30 giugno. Sinistra all’8%, repubblicani dietro.
La destra fa i conti per andare a comandare
Marine Le Pen (Ansa)
Alle elezioni dell’8 e 9 giugno si prevede un voto massiccio per i partiti conservatori e identitari. Ma per spedire davvero i socialisti all’opposizione, si ragiona su smontare e ricomporre i gruppi Ecr e Id: Lega e Marine Le Pen dentro, fuori i tedeschi di Afd?
Macron calpesta la civiltà francese
Getty Images
Per lisciare il pelo all’elettorato di sinistra, il presidente ha tradito l’intera nazione. E se persino Marine Le Pen ha ceduto, almeno i conservatori di Eric Zemmour hanno detto no.
Ecr, che si alleerà con Fidesz, si annette il partito di Éric Zemmour. Ciò complica l’intesa con Marine Le Pen. Resta aperto il dialogo col Ppe.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy