«Salvare le paritarie o collassa il sistema scuola. Da M5s-Pd colpevoli ritardi, famiglie pronte a protesta»

«Salvare le paritarie o collassa il sistema scuola. Da M5s-Pd colpevoli ritardi, famiglie pronte a protesta»

«Salvare le paritarie significa impedire il collasso del sistema scuola in Italia. Avere solo l'istruzione statale, come è nei sogni della maggioranza 5stelle e dem che è già rea di colpevoli ritardi, non solo significa far fuori le scuole di ispirazione cristiana che tanto sono odiate da loro, ma significa ignorare i costi standard della scuola per lo Stato. Il ministro Azzolina forse non sa che ogni studente nella scuola statale costa 6.500 euro, contro i 500 euro in media per ciascuno dei 900.000 alunni delle paritarie» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia.

«Uno Stato laico, non laicista e ideologico, saprebbe che le scuole paritarie gli fanno risparmiare circa 900 milioni di euro l'anno e quindi non aspetterebbe il 2021 per stanziare i fondi a loro favore come invece sta predisponendo il Pd, perché per quella data queste realtà saranno tutte collassate» hanno continuato Brandi e Coghe.

«C'è un virus ancora più pericoloso del Covid che sta infettando l'Italia - hanno aggiunto Brandi e Coghe - quello della perdita delle libertà, compresa quella della scelta educativa . Per questo lanciamo la campagna #Liberidieducare con il Comitato Difendiamo i Nostri Figli perché il Governo provveda alle necessità delle famiglie, delle scuole paritarie - che non sono solo cattoliche - e del personale docente e non docente che ci lavora».

«Adesso, subito - è l'appello - il finanziamento degli stipendi, il rimborso delle rette e l'adozione del costo standard per le scuole paritarie. E venga accettata la proposta di un fondo nazionale per le paritarie prima che siano tutte fallite. Le famiglie non ce la fanno a pagare le rette e se non verranno aiutate appena finito il lockdown saranno pronte con noi a scendere in piazza e a far sentire la loro protesta» ha concluso Pro Vita e Famiglia.

camisasca chiesa e fede verginità preti
Monsignor Massimo Camisasca
Cantagalli pubblica le omelie di monsignor Massimo Camisasca. Proponiamo quella in cui, nel Giovedì Santo, il prelato spiega le ragioni del no alle unioni per i consacrati: «Non dogma, ma scelta storica: aiuta santità e missione».
De Gasperi e Moro, «c’eravamo tanto odiati»
Alcide De Gasperi e Aldo Moro (Getty Images)
Venivano da ambienti opposti e non si sono mai sopportati. Il trentino aderì al Partito popolare di don Luigi Sturzo già alla fondazione e fu perseguitato dal fascismo. L’altro cedette alle lusinghe del regime. Un’antipatia anche generazionale che si trascinò sempre.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

#LaVeritàAlleSette

alle-7-video
Trending Topics
Change privacy settings