Da Dodo a Vuitton, la Milano del design sa molto d'Asia - La Verità
Home
In primo piano

Da Dodo a Vuitton, la Milano del design sa molto d'Asia

Contenuto esclusivo digitale
  • A Milano c'è voglia d'Oriente. A dimostrarlo sono le molteplici installazioni e collaborazioni con designer provenienti soprattutto dal Giappone. La nostra guida agli eventi.
  • In occasione della settimana del design, un ryokan, l'hotel tipico nipponico, apre le sue porte in corso Garibaldi. All'interno si scoprono i benefici del dormire a contatto con la natura lasciandosi cullare dal cambiare delle stagioni.
  • Dodo collabora con l'artista Windy Chien e lancia lancia la linea «stronger together»: un gioiello a forma di nodo per festeggiare i primi 25 anni del marchio.
  • Louis Vuitton torna con Objets Nomades. In esposizione a Palazzo Serbelloni 45 oggetti di cui dieci mai visti prima. Tra questi spicca il Blossom Vase di Tokujin Yoshioka ispirato al celebre motivo del fiore Monogram e realizzato in vetro di Murano lavorato a mano.
  • Fuorisalone: la Corea invade via Tortona e le opere d'arte si acquistano fotografando un Qr code. Guarda il video.

Lo speciale comprende tre articoli, gallery fotografiche e video.

In primo piano

Anche il Conte bis si fa opposizione da solo. Ma il governo sembra avere il fiato più corto del precedente

In primo piano

Non fatevi ingannare dalle treccine da gretini, la donna della prossima estate è come 007

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

La città di Milano è da tre giorni animata da sfilate, presentazioni ed eventi. Il capoluogo meneghino si trova proprio nel mezzo della settimana della moda e l'obiettivo principale è «far parlare di sé».

Lo speciale contiene gallery dalle ultime sfilate.

In primo piano

In viaggio con Resto al Sud: storie di giovani che investono nel Mezzogiorno

Seconda puntata

«In viaggio con Resto al Sud», il progetto voluto da Invitalia a favore di chi torna nei paesi d'origine per fare impresa, arriva a Trebisacce, in provincia di Cosenza.

Affacciato sul mare jonico Nicolò, 36 anni laureato in scienze giuridiche e un passato nel settore agricolo, oggi è a capo di Li'Quo un liquorificio locale