Ma perché Lerner deve stare in Rai e la Maglie invece no? - La Verità
Le Firme
In primo piano

Ma perché Lerner deve stare in Rai e la Maglie invece no?

Getty

Da Lucia Annunziata a Piero Badaloni a Lilli Gruber, la militanza politica non ha mai fatto scandalo alla tv di Stato. Purché sia di sinistra.
In primo piano

I gay in tv aumentano a dismisura. È il nuovo ordine mondiale pro Lgbt

Netflix

La visibilità di omosessuali e transessuali nelle serie televisive Usa è oltre il doppio di quella reale: il 10,2% contro il 4,5% di dichiarati. Si vuole arrivare al 20% nel 2025. E devono essere tutti un modello per la società.
In primo piano

Il calcio si genuflette al dio denaro. Il mondiale per club si gioca in Cina

Ansa

Ventiquattro squadre si sfideranno in un torneo che partirà nel 2021 andando a intasare i calendari nazionali, già ingolfati di partite. Ma il colosso orientale ha messo sul piatto 100 milioni di euro e la Fifa ha fatto due conti.
In primo piano

«Report» e il Rublogate spaccano il cda Rai

Sotto accusa la trasmissione di Sigfrido Ranucci. I consiglieri della Lega: «Ha violato la par condicio». L'autore: «Matteo Salvini non ha mai risposto». Fabrizio Salini costretto a mediare. Secondo la banca Euro-Ib l'utile da spartire sarebbe stato di 20 milioni di dollari e non di 65.
In primo piano

Tutte le ricette nascoste nelle serie tv

Le ciambelle ingurgitate da Homer Simpson, il Cosmopolitan di «Sex and the city», lo stufato di «Games of thrones». Dilaga la moda di raccontare cosa mangiano le star del piccolo schermo. E un libro ci spiega come riportare in tavola i piatti di «Downton Abbey».
In primo piano

Il Bullo cannoneggia Palazzo Chigi: «Imbarazzato a votare la fiducia»

Ansa

Il Rottamatore durante il duello a Porta a Porta con Matteo Salvini: «Abbiamo fatto un gioco di Palazzo». Scontro su tutto, tranne che sulle dimissioni di Virginia Raggi. Bruno Vespa: «Siete d'accordo sul fare la festa a Conte...».
In primo piano

L’impunità dem per gli squadristi a 5 stelle

Video Mediaset

L'aggressione anche fisica all'inviato delle Iene, più violenta di quella a Gad Lerner a Pontida, è stata anestetizzata dai media. Nessuno scandalo o allarme democratico. Tace il soccorso rosso social di Roberto Saviano e Chef Rubio. Tutto derubricato a puro folclore.
In primo piano

Schiaffoni all’ospite solo se è di destra. La tracotanza di Lilli diventa un caso

Ansa

La giornalista che bucò la notizia dell'arresto dei coniugi Renzi sbrocca con Matteo Salvini e la Giorgia Meloni. Per loro solo scortesie e insulti.
In primo piano

Non solo fenomeno da botteghino. La saga di Guerre Stellari vale 50 miliardi «solo» di gadget

Contenuto esclusivo digitale
  • Nel 1975, un giovane George Lucas tentò di convincere la 20th Century Fox a scegliere il primo capitolo della sua saga ipotizzando che al botteghino avrebbe guadagnato circa 8 milioni di dollari. Solo al cinema, oggi, ne vale più di di 6 miliardi.
  • Etro crea una capsule collection dedicata al film. Cappellini, magliette e felpe realizzate in collaborazione con Disney e Lucasfilm per promuovere l'ultima pellicola intitolata Star Wars: L'ascesa di Skywalker.
  • Adidas omaggia l'X-Wing con una nuova sneaker. Le scarpe saranno in vendita da dicembre, in concomitanza con l'uscita dell'ultimo film della terza trilogia.
  • Dopo l'inaugurazione di due aree tematiche nei parchi di divertimento americani, nel 2020 a Walt Disney World a Orlando aprirà il primo hotel a tema. L'esperienza sarà una crociera di due giorni tra le galassie.

Lo speciale comprende quattro articoli, gallery fotografiche e infografiche.