Omotransfobia, Pro Vita e Famiglia: «Bene Ostellari. Ddl Zan proposta ideologica non di buon senso»

Omotransfobia, Pro Vita e Famiglia: «Bene Ostellari. Ddl Zan proposta ideologica non di buon senso»
Alessandro Zan (Ansa)

«Bene Ostellari che mette a nudo l'ideologia che si cela dietro il Ddl Zan. Se si tratta di inasprire le pene a tutela di tutte le persone vittime di violenza siamo favorevoli. E' una proposta di buon senso. Invece se lo scopo è di trasformare le scuole dei nostri figli in campi di rieducazione di massa al gender per celebrare ogni anno omosessualità, transessualità e bisessualità, allora noi non ci stiamo, continueremo a dar battaglia. In quel caso siamo pronti a scendere in piazza per difendere la libertà educativa dei genitori». Così Jacopo Coghe, vice presidente di Pro Vita e Famiglia onlus, dopo la notizia della spaccatura sul Ddl Zan fra i rappresentati dei gruppi di maggioranza in Commissione Giustizia al Senato che ha reso impossibile procedere i lavori.

E aggiunge e conclude Maria Rachele Ruiu, membro del direttivo PV&F: «Se la senatrice dem Monica Cirinnà già va parlare ai liceali di utero in affitto e identità di genere durante le ore di educazione civica e spiega che chi non è d'accordo con lei è un "cavaliere medievale", che succederà con il ddl Zan? Sin dalle elementari già si impongono progetti di inclusione in cui si sponsorizzano utero in affitto e ideologia gender, senza consenso dei genitori, É chiaro il pericolo che i nostri figli corrono? Indottrinamento puro».

La tecnologia al servizio della bellezza
iStock

Maschere LED e gadget da tenere in borsetta che promettono un effetto lifting in pochi secondi. La beauty tech spopola in tutto il mondo, anche per merito dei vip che si mostrano sui social con i prodotti più innovativi.

La nuova Cuba pro Lgbt resta un regime
Un seggio a L'Avana per il referendum del 25 settembre 2022 (Ansa)
La sinistra, dopo regolari elezioni, urla al pericolo fascismo in Italia. L’illiberale isola invece è erta a faro della democrazia: le è bastato approvare i matrimoni omosessuali.
Il voto ci ha allontanato dal baratro dei «diritti» all’aborto e a nozze gay
(Imagoeconomica)
Unioni civili e legge 194 non saranno toccate. Ed è un bene. Le coppie arcobaleno non verranno equiparate a quelle etero e sposate. E la morte di tanti innocenti potrà essere scongiurata facendo sentire il battito del feto.
Dalla Castelli alla Vezzali a Nobili. Nomi roboanti senza lo strapuntino
Da sinistra: Luciano Nobili, Valentina Vezzali, Laura Castelli (Ansa)
A fondo i fedelissimi di Luigi Di Maio. Tra i dem restano fuori Andrea Marcucci, Stefano Ceccanti e Filippo Sensi.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings