Miur approva consenso informato negli istituti scolastici

«Diceva Ghandi: Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci. Con la circolare del Ministero dell'Istruzione in cui viene riconosciuto il diritto di priorità educativa dei genitori è stato premiato lo sforzo e l'impegno con i quali l'associazionismo del Family Day, superando offese e insulti ha portato avanti la battaglia per il diritto dei genitori al consenso informato nelle scuole». è quanto hanno dichiarato Pro Vita e Generazione Famiglia, tra le associazioni promotrici del Family Day, dopo aver preso visione della circolare del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca sul piano triennale dell'offerta formativa alle famiglie.

Per Toni Brandi, presidente di Pro Vita, «un grazie speciale va rivolto al Ministro dell'Istruzione Bussetti, perché ha sottolineato con questa circolare, quindi nero su bianco, la necessità che l'informazione alle famiglie sia d'ora in poi, esaustiva e tempestiva rispetto all'offerta formativa, rispettando quindi l'articolo 26/3 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che enuncia che i genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli».


«Combattere per l'"ovvio" è una battaglia che può sembrare paradossale ai giorni d'oggi» - ha aggiunto Toni Brandi - «ma questa storia dimostra come genitori, semplici cittadini disposti a scendere in campo e a lottare contro il potere politico ingiusto possano cambiare il futuro. Le famiglie non devono e non possono cedere nemmeno di un millimetro rispetto al gender e ai suoi 'errori della mente' come li ha definiti Papa Francesco».

Per Jacopo Coghe, presidente di Generazione Famiglia «si va avanti, non faremo un passo indietro, pretenderemo l'attuazione di questa circolare, continueremo a presidiare le scuole dei nostri figli contro la colonizzazione ideologica di progetti ispirati alla dittatura gender».

«Si tratta» - ha continuato Coghe - «di una grande vittoria dei genitori che sono stati in trincea nelle scuole e di noi associazioni che li abbiamo supportati, accompagnati e rappresentati davanti a tre ministri diversi, dal 2013, passando per i family day, fino ad oggi».

Anche Coghe ha ringraziato il ministro Bussetti «che finalmente riconosce chiaramente il diritto di priorità educativa dei genitori, il diritto di conoscere e in caso esonerare i proprio figli da attività sensibili che non si accordano con la propria morale».

Lo stilista Giorgio Armani: «Non rinuncio alla giacca, che rimane una colonna portante della mia estetica, ma continuo il mio lavoro nella direzione dell'evoluzione». Miuccia Prada: «Il mondo è così complicato, troppo complicato, ed è facile perdere di vista l'essenza della vita umana».

Continua a leggere Riduci
Enrico Michetti (S) e Vittorio Sgarbi (Ansa)
Il critico: «Il sindaco ha distrutto l’immagine della città, le intitolerò un vespasiano come simbolo della sua amministrazione. Un tridente con Michetti e Matone? Più una trinità»
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings