In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Il Covid fa male alle baby sitter

Featured Homepage
Change privacy settings

Matteo Renzi è uguale ai capetti del pentapartito

Matteo Renzi è uguale ai capetti del pentapartito

Erano almeno trent'anni che non sentivo parlare di appoggio esterno al governo. Per riesumare la formula su cui galleggiò la prima Repubblica ci voleva proprio uno come Matteo Renzi, cioè un politico che ha fatto carriera promettendo di rottamare il vecchio sistema, facendola finita con i «caminetti», cioè con le riunioni carbonare attorno al fuoco del potere. Che sia proprio l'ex presidente del Consiglio a immaginare di sostenere l'esecutivo presieduto da Giuseppe Conte standone fuori, ossia senza farsi carico della responsabilità di governare, è dunque una nemesi davvero curiosa, che dimostra una cosa, ossia che alla fine la spregiudicatezza si paga a caro prezzo.