L’italiano che ha fatto arrestare Lula: «Assetato di denaro» - La Verità
Home
In primo piano

L’italiano che ha fatto arrestare Lula: «Assetato di denaro»

Antonio Caverzan

Diogo Mainardi, il grande accusatore dell'ex presidente brasiliano, vive a Venezia: «Con lui in galera il Paese è più maturo. Si tratta del compimento di anni di lavoro. Continuiamo a vigilare, le sorprese sono sempre possibili. Ma stravolgere la legge per salvare un criminale potrebbe causare un golpe».
In primo piano

Un anno fa la ricetta di Renzi era: deficit al 2,9%

LaPresse

I politici hanno la memoria corta. O molto più probabilmente confidano nel fatto che ad averla corta siano gli elettori. Risultato, sparano una montagna di balle senza curarsi di aver detto il giorno prima il contrario di ciò che sosterranno il giorno dopo. Il caso limite ha per protagonisti gli esponenti del Pd, i quali da quando sono all'opposizione sono specialisti nel rivoltare la frittata.

In primo piano

Ratzinger: «Capisco il dolore dei vescovi per la mia rinuncia»

LaPresse

  • Lettera inedita di Benedetto sulle sue dimissioni e sulla «rabbia» per il caos nella Chiesa. Episcopato Usa: indagine su Theodore McCarrick.
  • La bizzarra tesi degli esperti dell'Istruzione britannica: annacquare le fedi con nozioni di secolarismo per educare alle diversità.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

La Boschi passa il tempo libero a dire balle

LaPresse

Nell'intervista sdraiata di 7, l'ex ministra si rallegra di non avere niente da fare ma piange: «Io attaccata perché sono donna». Ovviamente il fallimento di Matteo Renzi ed Etruria per lei non c'entra nulla. Anzi, riesce persino a sostenere: «Mai occupata della banca».
In primo piano

Il governo frena l’Ocse ma non le accise

LaPresse

L'organizzazione abbassa le stime del Pil, accusa l'Italia di destabilizzare l'Ue e chiede di non toccare la Fornero: il solito refrain Giuseppe Conte: «Attacchi senza fondamento». Intanto Giovanni Tria non conferma il taglio delle imposte sulla benzina e ricorda: «Nel 2019 saliranno».
In primo piano

Eliminare la protezione umanitaria non è cattiveria, è un atto di giustizia

LaPresse

Rinviato a lunedì l'approdo in Cdm dei decreti sicurezza e immigrazione. Ma già infuria la polemica. In realtà, le misure volute da Matteo Salvini sono un concentrato di buon senso. E fanno risparmiare 1,5 miliardi.
In primo piano

Giallini: «Dopo il Me too, non si parla più di donne»

LaPresse

«Per colpire i bastardi che allungano le mani abbiamo avvelenato i rapporti tra i sessi. Una battuta e ti accusano di molestie». Il grande attore si racconta: «Devo tutto alla maschera di un teatro che convinse Risi a vedermi. Il primo applauso? Dalle suore».
In primo piano

Conte si tiene il consigliere sulla Brexit di Gentiloni

Contenuto esclusivo digitale

LaPresse

Buona parte dei funzionari dell'ufficio diplomatico dell'ultimo esecutivo sono rimasti a palazzo Chigi. Tra questi Pierluigi D'Elia, già nel team di Marco Piantini, collaboratore dell'ex premier dem.

In primo piano

Il mostro Frankenstein è tra noi e continua a scuotere le coscienze

Mary Shelley incarnò nella sua creatura dubbi e angosce derivanti dalle scoperte scientifiche del tempo. Oggi, con le tecnologie biomediche, gli interrogativi sull'uomo che gioca a fare Dio sono più che mai attuali.
In primo piano

J-Ax fa l’inno hip hop alla provetta. Ma il «diritto al figlio» non esiste

Il rapper prova a commuovere i fan con una canzone in cui racconta la sua storia personale di procreazione assistita. Sognando una società dei desideri realizzati che sembra un incubo. Innanzitutto per i bambini.
In primo piano

Di Maio chiede «un po’ di deficit» per placare la base del Movimento

LaPresse

  • Il vicepremier dalla Cina: «Si può rientrare dal debito in due o tre anni». Su Giovanni Tria la tensione, sotto traccia, resta. Giuseppe Conte ai capigruppo M5s: «Reddito di cittadinanza in manovra». Pensioni, nel nuovo testo tagli sopra i 4.500 euro.
  • Dopo aver tifato spread, Europa ed Emmanuel Macron, i dem contestano la pace fiscale promessa. L'ennesimo scollamento dalla realtà in nome di un principio: stangare il contribuente.

Lo speciale contiene due articoli.