Juncker ha paura e prova a spaventare noi

Bisogna avere un po' di pazienza con Jean-Claude Juncker. Il pover'uomo da settimane vede avvicinarsi l'ora in cui dovrà mollare la poltrona di presidente della Commissione europea. E domenica ha pure perso in casa propria, perché il partito in cui milita ha ottenuto il risultato peggiore della storia, lasciandolo più tramortito che se si fosse scolato una bottiglia di whisky. Dunque, non si può biasimarlo se in questi giorni dà di matto e straparla, alzando i toni e strabuzzando gli occhi: è la reazione di un tizio a fine carriera, che dopo essere stato al vertice dell'Europa si vede (...)
Ernesto Maria Ruffini (Ansa)
Corsa contro il tempo per approvare 30 miliardi di scostamento di bilancio. Solo dopo il Ristori 5. Sulle tasse poco probabile una rottamazione, si va verso un rinvio
Ansa
Nonostante il pressing delle Regioni, linea dura sui bar: niente consegne dopo le 18. Mentre il calendario è un rebus: nuovi divieti dal 16, aggiornamento del semaforo dal 17. E le zone bianche restano un miraggio
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings