«In Europa per cambiare tutto». Giorgia Meloni apre la campagna elettorale a Torino - La Verità
Home
In primo piano

«In Europa per cambiare tutto». Giorgia Meloni apre la campagna elettorale a Torino

Ansa

Una due giorni in cui gli esponenti del partito e alcuni ospiti discuteranno delle proposte del partito per il futuro dell'Italia.

«In Europa per cambiare tutto». È questo lo slogan scelto da Giorgia Meloni e da Fratelli d'Italia per la conferenza programmatica che domani e dopodomani sarà ospitata a Torino, presso il Lingotto fiere.

Per l'iniziativa, che sancisce l'apertura della campagna elettorale del movimento capitanato dalla Meloni è stata scelta Torino in quanto una città simbolo di quell'Italia che chiede più sviluppo, infrastrutture e crescita.

Il programma della due giorni prevede l'illustrazione delle linee programmatiche del partito, assemblee, tavole rotonde e testimonianze alle quali prenderanno parte esponenti della società civile, della cultura e delle associazioni che in questi anni hanno guardato con attenzione alle proposte di Fratelli d'Italia.

Una fiera importante a cui presenzieranno oltre 200 delegati, oltre 1.300 eletti in 850 seggi, che saranno chiamati a discutere e ad approvare unManifesto Sovranista e Conservatore composto da 15 punti. I lavori inizieranno sabato alle ore 10.30 con l'Assemblea degli Enti Locali, la Direzione e l'Assemblea nazionale e un evento dell'Acre l'Alleanza dei Conservatori e riformisti europei. L'apertura dei lavori sarà affidata al coordinatore nazionale del partito, Guido Crosetto, mentre ad illustrare le tesi programmatiche sarà il responsabile del programma di Fratelli d'Italia, il senatore Giovanbattista Fazzolari. Alle ore 15.30 è prevista la tavola rotonda dal titolo: «Buon governo, identità, merito: la sfida del territorio» alla quale intervengono il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Modera il direttore di Libero, Pietro Senaldi. Porterà il suo saluto alla conferenza programmatica anche il direttore del Secolo d'Italia, Francesco Storace. Domenica 14 aprile sono previsti gli interventi di alcuni tra i testimoni delle battaglie di Fratelli d'Italia: il generale Marco Bertolini, l'esponente della Comunità di San Patrignano Franz Vismara, il presidente del Family Day Massimo Gandolfini, il presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro Marina Calderone, il sociologo Francesco Alberoni, il professor Alessandro Meluzzi, Giulio Tremonti, il direttore Mario Giordano e il consigliere d'amministrazione della Rai, Giampaolo Rossi. Alle ore 12 la conclusione dei lavori del presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

In primo piano

Don Nicola Bux: «Legge sul fine vita? I cattolici non collaborino con Pd e M5s»

YouTube

L'ex consigliere di Joseph Ratzinger: «Il nuovo umanesimo di Conte ricorda il Nuovo ordine mondiale. Migranti, ecologia: la Chiesa venera idoli. E il Papa parla troppo di politica».
In primo piano

Stefano Fassina: «Se non cambia l’Ue non ci salveremo»

Ansa

L'esponente di Leu: «Il governo ci farà poco con la flessibilità se non si riformano i trattati. Va seguito l'esempio del protezionismo di Trump. La Lega anti sistema? No, la sua base è pro euro. Bellanova non ratifichi il Ceta».
In primo piano

Di Maio si vende anche le regionali: M5s alleato al «partito di Bibbiano»

Ansa

Sul voto in Umbria il pentastellato inventa la «giunta civica», ovvero il patto con i democratici. Gli stessi che poche settimane fa accusava di rubare i bambini. Nicola Zingaretti non vede l'ora: «È per il bene dei cittadini».
In primo piano

Salvini a Pontida apre la caccia ai voti grillini

Ansa

Dopo l'accordicchio giallorosso, affluenza senza precedenti al raduno leghista. Il segretario punta agli elettori del Movimento delusi dal nuovo governo e a un referendum sul decreto Sicurezza. Sui porti aperti: «Al processo guarderò la Rackete a testa alta».
In primo piano

Claudio Borghi: «Governo destinato a fallire. È pieno di camerieri di Parigi»

Ansa

Il leghista: «Gualtieri è lo zerbino dell'Europa, che stabilisce i vincoli di bilancio in base alle simpatie politiche. Con Pd e M5s rischio patrimoniale: vogliono punire la ricchezza».
In primo piano

Dopo le moine si fa sul serio. E la flessibilità si allontana

Ansa

Roberto Gualtieri chiude il suo primo Ecofin esultando: «Investimenti verdi fuori dal deficit». Peccato che Valdis Dombrovskis, tutore di Paolo Gentiloni, e il collega tedesco lo abbiano subito riportato all'ordine: «Vedremo, rispettare i vincoli di bilancio». La flessibilità resta un sogno.
In primo piano

La scissione di Renzi? Il Pd sospetta il bluff

Ansa

L'addio, minacciato ma sempre rimandato con le scuse più varie, finora è stato usato dal Rottamatore per accaparrarsi poltrone. Nicola Zingaretti, dopo aver diviso le truppe del Bullo dando il ministero della Difesa a Lorenzo Guerini, vuole fargli mettere le carte in tavola.
In primo piano

Il pentolone dei Balcani è pronto a fare la festa alla von der Leyen

Contenuto esclusivo digitale

I prossimi mesi porteranno numerose novità geopolitiche nella regione dei Balcani. Nella seconda metà di settembre la Commissione europea dovrebbe confermare che la Croazia ha soddisfatto tutti i criteri tecnici per l'implementazione dei sistemi di controllo dell'area Schengen. Ciò significherebbe che entro breve i controlli sui passaggi delle persone verso l'area europea comune si sposterebbero dalla Slovenia al confine meridionale della Croazia che dovrà conseguentemente garantire la sicurezza di una frontiera orograficamente e politicamente sensibile abbracciante 1.200 chilometri di confini terrestri con Serbia, Bosnia Erzegovina e Montenegro.