Il 30% delle leggi italiane è deciso altrove - La Verità
Home
In primo piano

Il 30% delle leggi italiane è deciso altrove

Ansa

Negli ultimi 5 anni, su 618 provvedimenti normativi adottati, ben 187 sono di matrice europea. Voluti non dall'Europarlamento, l'unico al mondo privo del diritto di iniziativa legislativa. Ma imposti dalla Commissione, composta da non eletti «competenti».
In primo piano

Stefano Fassina: «Se non cambia l’Ue non ci salveremo»

Ansa

L'esponente di Leu: «Il governo ci farà poco con la flessibilità se non si riformano i trattati. Va seguito l'esempio del protezionismo di Trump. La Lega anti sistema? No, la sua base è pro euro. Bellanova non ratifichi il Ceta».
In primo piano

Primo successo di Conte in Europa: «Come previsto, nessun risultato»

Ansa

Lo staff della presidente Ursula von der Leyen certifica il flop del giro del premier a Bruxelles: «Come atteso, nessun esito concreto». Il premier fa il pieno di chiacchiere e «auspici» su flessibilità e immigrazione.
In primo piano

A Bruxelles puzzano i conti del Moviola

Ansa

Il dem Paolo Gentiloni, spedito in Europa a difendere i nostri interessi, non se la vedrà solo con il badante Valdis Dombrovskis. Lassù, infatti, ricordano i buchi lasciati da premier nel bilancio: debito pubblico aumentato e melina sull'Iva. Non è detto che passi l'esame...
In primo piano

Bellanova pronta a svenderci al Ceta. Un colpo ai grillini e un sì all’Europa

Ansa

Il ministro è a favore dell'accordo con il Canada avversato dalle associazioni agricole e dagli alleati di governo: penalizza i nostri prodotti. E plaude al commissario polacco che ci fregherà con la nuova Pac.
In primo piano

È guerra per il commissario Ue. Gentiloni, Letta e il fantasma di Renzi

Ansa

I democratici spingono due filo francesi per blandire Emmanuel Macron. Il Bullo, che li ha in uggia entrambi, li saboterà con suoi nomi (vedi Sandro Gozi) o lanciando sé stesso. Parigi piazza l'ex valletta di Romano Prodi e Mario Monti.
In primo piano

Un salasso continuo per i nostri conti. Spesi 58 miliardi per aiutare gli altri

Ansa

Siamo i terzi contribuenti dietro a Germania e Francia. I capitali sono finiti in Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Cipro. E, indirettamente, a chi aveva già investito in quei Paesi: primi tra tutti, i soliti tedeschi.
In primo piano

Germania, Chiesa e Cgil votano per l’inciucio

Ansa

Il tedesco Christian Petry (Spd) dichiara serafico che, con un esecutivo senza la Lega, Europa e Berlino ci aiuterebbero con i conti. Antonio Spadaro e Alex Zanotelli scomunicano i cristiani pro Matteo Salvini. E Maurizio Landini è già pronto a schierare il sindacato con l'accrocchio Ursula Von der Leyen.
In primo piano

Ma il Quirinale lo sa: l’asse giallorosso per cui tifa Macron indispone gli Usa

Ansa

La Francia sogna una Ue «terza potenza» tra America e Cina. Con un nuovo governo, estenderebbe il suo dominio su di noi.
In primo piano

Gli Stati dell’Ue colonizzati dai funzionari

Ansa

Un plotone di 60.000 persone gestisce competenze e poteri delle nazioni, che non sono informate su decisioni ed effetti degli accordi. Una gigantesca macchina burocratica che è strettamente collegata al potere finanziario, per togliere sovranità ai Paesi in difficoltà.
In primo piano

Riecco i Forza spread. Riprendono fiato per aggrapparsi tutti al totem Europa

Borsa in calo, differenziale con il Bund in risalita. Famiglia cristiana fa la predica. Ma nessuno identifica i problemi veri.