Come evitare i tranelli del 730 precompilato

True
  • Basta modificare anche una minima parte del modello perché l'Agenzia delle entrate sottoponga al controllo l'intera dichiarazione. Tra gli errori più frequenti ci sono quelli che riguardano il bonus sisma e le spese sanitarie, universitarie e veterinarie. A pagare è sempre e comunque il contribuente.
  • Attenzione: il modello «precotto» non è sinonimo di vantaggi. Infatti, rimangono fuori alcune voci, come l'affitto della casa e la possibilità di detrarre gli interessi del mutuo.
  • C'è un gioco delle tre carte sulle detrazioni. I bonus a pioggia sull'Irpef sono stati erogati per motivi elettorali: più si alza la percentuale degli incentivi, più diminuisce il risparmio. E i commercialisti denunciano: ci sono oltre 3 milioni di cittadini incapienti che, per via del basso reddito, non riescono a godere dei vantaggi fiscali.
  • Maria Elena Boschi benedice i moduli ma omette la realtà: l'erario si vanta degli automatismi ma a fare gran parte del lavoro restano i commercialisti.

Lo speciale contiene quattro articoli.

I 961.000 prigionieri di Speranza
Roberto Speranza (Imagoeconomica)

L’Austria e la Svizzera hanno dato il via libera agli asintomatici e i contagi non sono affatto cresciuti, anzi. Da noi, invece, si insiste con la quarantena. Con conseguenti danni economici. Un’assurdità che ho sperimentato sulla mia pelle: ve la racconto. Col vaccino, un adolescente su tre rischia problemi cardiaci. E la protezione dura un mese...

Asili obbligatori, lo scippo Pd alle famiglie
iStock
I dem lanciano la proposta perché convinti che il posto giusto per crescere i bimbi sia lo Stato nelle sue ramificazioni scolastiche. Un tentativo di indottrinamento precoce che cancella ruolo ed ambito formativo ai genitori a favore delle «agenzie educative».
Il 50% degli italiani non beve abbastanza acqua
iStock

Per evitare di disidratarsi, soprattutto in queste giornate caldissime, Waterdrop e Airup hanno ideato due gustose soluzioni.

Continua a leggereRiduci
In Canada record di eutanasie senza ragione
Justin Trudeau e Papa Francesco (Ansa)
Un rapporto rivela che nel giro di un anno i soggetti che si sono dati la morte sono aumentati del 32,4%. Le motivazioni sono agghiaccianti: uno su cinque ha compiuto questo passo «perché era solo», senza nessuna patologia alla quale porre fine.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings