La Verità - Governo
In primo piano

Macron prova a fare il gradasso sulla Tav Il premier tiene botta

Ansa

Vertice bilaterale a margine del consiglio europeo. Il francese: «Non ho tempo da perdere». La replica: «Si parlino i ministri».
In primo piano

Sberla del tribunale Ue a Bruxelles: «Per Tercas nessun aiuto di Stato»

Ansa

  • La Corte annulla la decisione della Commissione che, nel 2015, bocciò l'intervento del fondo interbancario sull'istituto pugliese: «Erano soldi privati». Lo stop, però, influenzò le successive crisi. L'Abi: «Ora i danni».
  • Oltre ai miliardi bruciati dal sistema, le sofferenze svalutate e il bail in anticipato. Ora Enzo Moavero Milanesi potrebbe rivolgersi a Jean-Claude Juncker.
  • L'intervento dell'Europa legò le mani al Fitd, che non poté arginare i crac di Etruria, Carife, Banca Marche e Carichieti. Un risparmiatore che aveva perso tutto si suicidò.
  • Le colpe degli amministratori, anche delle Venete, sono indiscutibili. Ma l'eccessiva acquiescenza del Colle e di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni alla vigilanza Ue ha fatto danni in serie.

Lo speciale contiene quattro articoli

In primo piano

Sequestrata la nave dei vicescafisti

Ansa

Si tratta dei soliti noti. Anzi, del solito noto. Luca Casarini, ex leader dei No global, uno che della disobbedienza ha fatto uno stile di vita. Cresciuto in un centro sociale il cui nome era tutto un programma, Rivolta, a Porto Marghera, Casarini nei giorni del G8 di Genova, anno 2001, era il capo delle tute bianche. Dopo una parentesi a Palermo da partita Iva, cioè da libero professionista, si è deciso a indossare un'altra volta la tuta, ma questa volta nera. È lui, infatti, che (...)
In primo piano

Le ong sfidano il governo. Al timone c’è Casarini, gran bollito del G8

Ansa

  • Il leader no global di Genova era finito nell'oblio, però ha riconosciuto negli scafi che importano extracomunitari la nuova frontiera della disobbedienza. Che a lui non porta bene: dopo una vita di rivoluzioni in favor di telecamera, è soltanto un Che Guevara di carta.
  • La Mar Jonio sequestrata appena arrivata in porto, la Procura indaga per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Matteo Salvini: «Difendo i confini».

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Non solo Cina: Diciotti, Tav, cantieri. La settimana di fuoco dei gialloblù

Ansa

Domani il Senato vota sul rinvio a giudizio di Matteo Salvini per sequestro di persona. Nello stesso giorno, il Cdm deve dare il via libera alle opere pubbliche. Poi è la volta della sfiducia a Danilo Toninelli. Prove di forza per la maggioranza.
In primo piano

Pd e 5 stelle si alleano contro la famiglia

Ansa

I dem approvano una mozione dei senatori Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice e aderiscono alla protesta del 30 marzo verso il Congresso di Verona. Luigi Di Maio: «Nessuno del Movimento parteciperà». Alfonso Bonafede attacca: «Con il convegno si torna indietro di secoli».
In primo piano

Giulia Bongiorno: «Quota 100 sarà la salvezza della Pa»

Ansa

Il ministro per la Pubblica amministrazione: «Con due disegni di legge porteremo un approccio manageriale con sanzioni e premi. Pronti al turnover: farà bene a tutti. Alle europee una rivoluzione, ma non per il governo».
In primo piano

La Via della Seta di Xi è in chiesa a Palermo

Ansa

La visita del leader cinese ha come obiettivo primario la relazione con la Roma vaticana e solo dopo con quella italiana. Un gesto simbolico in una città che è stata crocevia dei popoli rassicurerebbe il Papa, che deve avere un segnale di rispetto.
In primo piano

Riscatto della laurea sopra i 45 anni e patronati in pista per dare il reddito

Ansa

Strette sugli assegni di cittadinanza e limiti per i genitori single Claudio Durigon: «Abbiamo spiegato a Bruxelles gli effetti espansivi».
In primo piano

Chiesa in bilico: sì alla famiglia o no a Salvini?

Ansa

Gerarchie in imbarazzo: impossibile non mostrare vicinanza a posizioni che richiamano il catechismo e si rifanno addirittura agli auspici di papa Francesco. Ma è forte il timore di «compromettersi» con i sovranisti o con qualche relatore troppo radicale.