Conte comanda da solo, poi dà la colpa agli altri

Più passano i giorni e più si capisce che sulla zona rossa della Val Seriana Giuseppe Conte non la racconta giusta. Da quando i pm di Bergamo hanno aperto un'inchiesta sui ritardi con cui le autorità hanno agito per contenere l'epidemia di coronavirus, il presidente del Consiglio ha sostenuto la tesi di non aver saputo nulla delle richieste del Comitato tecnico scientifico. Anzi, di non aver proprio ricevuto alcuna sollecitazione a chiudere quei paesi in cui i contagi aumentavano di giorno in giorno senza sosta.

Luca Bernardo (Ansa)

Mi scusi se oso. Ma quando l'ho conosciuta lei mi è parsa una brava persona, perbene, preparata, educata. E non ho dubbi che si stia impegnando molto, girando per la città e incontrando tanta gente con quella faccia un po' così da pediatra in gita. Però, ecco, ho l'impressione che non basti.

iStock
In guerra non esistono innocenti e anche chi non fa nulla non viene risparmiato. Ce lo insegna la storia: i nazisti si accanirono pure contro i concittadini che non si opposero ad Adolf Hitler. Impariamo la lezione: è meglio morire per un'idea, lottando contro il male.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings