Se Bruxelles fa la guerra all'Italia salta l'euro - La Verità
Le Firme
In primo piano

Se Bruxelles fa la guerra all'Italia salta l'euro

ANSA

Che all'Italia non convenga andare alla guerra con l'Europa e subire come conseguenza l'effetto di una crescita dello spread, lo capisce anche un bambino. Anzi, lo capisce perfino Gianni Riotta, quello che non sa che la sovranità appartiene al popolo. Lo scontro in atto non è gratis e alla lunga è pagato con fior di interessi sul nostro debito. Tuttavia, quale altra strada è consentita all'Italia? Il rigore che per anni è stato imposto da Bruxelles, come cura di tutti i nostri mali? Beh, dal novembre 2011 a oggi ci siamo attenuti alle direttive dell'Ue, la quale ha approvato e condiviso tutte le decisioni dei governi di sinistra, senza respingere mai il Documento di economia e finanza. Risultato: in sette anni abbiamo accumulato circa 200 miliardi di euro di debito in più, vale a dire oltre il 10 per cento di quello che detenevamo all'inizio della medicina che ci è stata somministrata, cioè quando fu fatto fuori Silvio Berlusconi.

Colpa della mancata crescita o per lo meno di una crescita troppo (...)

In primo piano

«San Tommaso non ha smesso di insegnare»

Il filosofo tomista John Haldane: «La cultura secolare è una forma di “ribellione giovanile" degli intellettuali: ancora un paio di generazioni e ce ne libereremo. Fede e ragione? Sono compatibili, purché rigettiamo il conformismo scientista dei nostri contemporanei».
In primo piano

Abbiamo una grana con la Francia. Lactalis mette le mani sul Parmigiano

Ansa

Nuovo caso di guerra commerciale. Solo Granarolo si oppone all'acquisto del primo operatore di export del celebre marchio.
In primo piano

Il governo dà 700 milioni di dote. È l’incentivo per far fondere Carige

Ansa

Un emendamento leghista consentirebbe di trasformare un credito fiscale in capitale in caso di matrimonio con una piccola banca. Potrebbe essere pure l'esca per far tornare Blackrock. Stefano Buffagni iperattivo sul dossier.
In primo piano

Grazie al cardinal Bolletta tornano i rave

Ansa

Lavori in corso nello stabile occupato a cui l'Elemosiniere del Papa ha ridato la luce senza pagare. La discoteca è in fase di ristrutturazione. Gli abusivi esultano e annunciano la prossima notte brava: si chiamerà «Amen», per la gioia del Vaticano.
In primo piano

Gli italiani non si bevono le bufale sull’aborto

Ansa

L'associazione Luca Coscioni lancia l'allarme: «La 194 è fortemente disattesa» (ma i dati del ministero dicono il contrario). Aggiunge che il «ben il 31%» della popolazione vuole rivedere la legge: vuol dire che il 69% invece la pensa all'opposto.
In primo piano

C’è anche il nome di Renzi nell’inchiesta Conticini sui soldi sottratti all’Unicef

Ansa

  • Sulla presunta appropriazione dei milioni destinati alla beneficenza, Alessandro tira in ballo il Bullo. In particolare quando scrive ai Pulitzer che l'indagine è «un complotto dei pm» contro l'allora premier.
  • L'avvocato di papà Tiziano minaccia altre querele. La notizia della Verità sull'ultima indagine scatena la difesa: «Rivelato segreto».

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

L’ideologia «progressista» che culla l’orrore di Milano

iStock

A Milano un omicidio figlio del degrado prodotto dalla cultura progressista. Di cui lo scrittore Giovanni Testori aveva intuito il drammatico esito.
In primo piano

Negli Usa al via le primarie invisibili. I dem si scannano in 23. Contro Trump uno solo

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Guida ai sei mesi che precedono l'anno presidenziale: i vari candidati in lizza cercano di acquisire notorietà mediatica, oltre che finanziamenti elettorali. A oggi, le maggiori incognite riguardano soprattutto il Partito democratico, che conta un numero particolarmente elevato di candidati. Resteranno agguerriti fino al dibattito televisivo previsto per il 26 giugno in Florida. L'unico a concorrere con l'attuale presidente è il libertario Bill Weld.