Benetton, festa a Cortina il giorno dopo la tragedia - La Verità
Home
In primo piano

Benetton, festa a Cortina il giorno dopo la tragedia

Il giorno dopo la tragedia i Benetton hanno tenuto una festa a Cortina. Una novantina di invitati e grigliata di pesce nel quartiere più elegante della Perla delle Dolomiti per festeggiare il Ferragosto.

Una festa a Cortina d'Ampezzo. Una bella grigliata di pesce. Un party organizzato per una novantina d'invitati sul prato di una villa in località Cojana, il quartiere più elegante della Perla delle Dolomiti: quella che, a due passi dall'esclusivo Golf club, confina con l'altra zona chic di Cortina, La Spiga. Un pranzo raffinato, affidato al catering del ristorante «Da celeste» di Venegazzù, nel Trevigiano.

Per l'esattezza, una festa a casa di Giuliana Benetton, 81 anni, che con i fratelli Luciano, Gilberto e Carlo è proprietaria del gruppo tessile di Ponzano Veneto. E che, in quanto tale, è azionista anche di Autostrade per l'Italia, la società del gruppo finita nell'occhio del ciclone per il crollo del viadotto Morandi di Genova, con il suo carico di 38 morti accertati, più cinque dispersi.

Una piacevole giornata tra famiglia e amici, quella dei Benetton. Una festa impeccabile. Tutto perfetto. Tranne la data: perché la festa è iniziata attorno alle 12 di mercoledì 15 agosto. Quindi 24 ore esatte dopo il collasso del ponte, quando già si era scatenato il sabba delle polemiche sugli omessi controlli, sulla manutenzione carente e sui (troppi?) miliardi incassati dalla concessionaria Autostrade. E quando il nome dei Benetton cominciava, sia pure a fatica, a entrare nel frullatore mediatico dell'affannosa ricerca delle responsabilità della strage.

La mitica grigliata ferragostana dei Benetton è uno degli appuntamenti mondani dell'estate cortinese, una tradizione iniziata oltre 20 anni fa in onore della madre di Giuliana, Luciano, Gilberto e Carlo: Rosa Carniato, la matriarca scomparsa nel 2000. Quest'anno, però, alcuni degli amici abituali non erano stati invitati. Forse la festa era stata messa su in formato ridotto per il recente, doppio lutto familiare: la morte di Fioravante Bertagnin, il marito di Giuliana deceduto lo scorso 8 febbraio, e quella più recente di Carlo, avvenuta il 10 luglio.

Il problema è che un giorno prima della festa di Cortina, il 14 agosto, a Genova c'erano stati molti, molti altri morti. Ed è vero che come tutti gli anni la grigliata ferragostana dei Benetton era stata organizzata da tempo, e visto l'elevato numero di ospiti (a quanto risulta alla Verità, una settantina di adulti più una ventina di bambini) si è forse ritenuto che la sua cancellazione all'ultimo momento fosse un'operazione convulsa e troppo complessa. Magari ineducata.

Resta il fatto che, se davvero i Benetton hanno deciso comunque di festeggiare «quel» terribile Ferragosto, malgrado quanto era appena accaduto a Genova, la conferma non mostra alcuna sensibilità.

Del resto, anche dopo la festa di Cortina, i Benetton hanno atteso altre 24 ore per manifestare il loro dolore per i morti del viadotto. Autostrade per l'Italia ha diffuso soltanto giovedì 16 agosto il comunicato in cui, per la prima volta, «a nome dei suoi azionisti e del suo management», ha espresso «profondo cordoglio alle famiglie delle vittime e la propria vicinanza ai feriti e a tutti coloro che sono stati coinvolti nel tragico crollo».

Subito dopo il disastro, Autostrade aveva scelto toni meno accorati, ma forse più coerenti con la sua futura difesa legale: «Negli ultimi cinque anni gli investimenti della società in sicurezza, manutenzione e potenziamento della rete sono stati superiori a 1 miliardo di euro l'anno». Che festa...

In primo piano

«San Tommaso non ha smesso di insegnare»

Il filosofo tomista John Haldane: «La cultura secolare è una forma di “ribellione giovanile" degli intellettuali: ancora un paio di generazioni e ce ne libereremo. Fede e ragione? Sono compatibili, purché rigettiamo il conformismo scientista dei nostri contemporanei».
In primo piano

Abbiamo una grana con la Francia. Lactalis mette le mani sul Parmigiano

Ansa

Nuovo caso di guerra commerciale. Solo Granarolo si oppone all'acquisto del primo operatore di export del celebre marchio.
In primo piano

Il governo dà 700 milioni di dote. È l’incentivo per far fondere Carige

Ansa

Un emendamento leghista consentirebbe di trasformare un credito fiscale in capitale in caso di matrimonio con una piccola banca. Potrebbe essere pure l'esca per far tornare Blackrock. Stefano Buffagni iperattivo sul dossier.
In primo piano

Grazie al cardinal Bolletta tornano i rave

Ansa

Lavori in corso nello stabile occupato a cui l'Elemosiniere del Papa ha ridato la luce senza pagare. La discoteca è in fase di ristrutturazione. Gli abusivi esultano e annunciano la prossima notte brava: si chiamerà «Amen», per la gioia del Vaticano.
In primo piano

Gli italiani non si bevono le bufale sull’aborto

Ansa

L'associazione Luca Coscioni lancia l'allarme: «La 194 è fortemente disattesa» (ma i dati del ministero dicono il contrario). Aggiunge che il «ben il 31%» della popolazione vuole rivedere la legge: vuol dire che il 69% invece la pensa all'opposto.
In primo piano

C’è anche il nome di Renzi nell’inchiesta Conticini sui soldi sottratti all’Unicef

Ansa

  • Sulla presunta appropriazione dei milioni destinati alla beneficenza, Alessandro tira in ballo il Bullo. In particolare quando scrive ai Pulitzer che l'indagine è «un complotto dei pm» contro l'allora premier.
  • L'avvocato di papà Tiziano minaccia altre querele. La notizia della Verità sull'ultima indagine scatena la difesa: «Rivelato segreto».

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

L’ideologia «progressista» che culla l’orrore di Milano

iStock

A Milano un omicidio figlio del degrado prodotto dalla cultura progressista. Di cui lo scrittore Giovanni Testori aveva intuito il drammatico esito.
In primo piano

Negli Usa al via le primarie invisibili. I dem si scannano in 23. Contro Trump uno solo

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Guida ai sei mesi che precedono l'anno presidenziale: i vari candidati in lizza cercano di acquisire notorietà mediatica, oltre che finanziamenti elettorali. A oggi, le maggiori incognite riguardano soprattutto il Partito democratico, che conta un numero particolarmente elevato di candidati. Resteranno agguerriti fino al dibattito televisivo previsto per il 26 giugno in Florida. L'unico a concorrere con l'attuale presidente è il libertario Bill Weld.