Benetton, festa a Cortina il giorno dopo la tragedia - La Verità
Home
In primo piano

Benetton, festa a Cortina il giorno dopo la tragedia

Il giorno dopo la tragedia i Benetton hanno tenuto una festa a Cortina. Una novantina di invitati e grigliata di pesce nel quartiere più elegante della Perla delle Dolomiti per festeggiare il Ferragosto.

Una festa a Cortina d'Ampezzo. Una bella grigliata di pesce. Un party organizzato per una novantina d'invitati sul prato di una villa in località Cojana, il quartiere più elegante della Perla delle Dolomiti: quella che, a due passi dall'esclusivo Golf club, confina con l'altra zona chic di Cortina, La Spiga. Un pranzo raffinato, affidato al catering del ristorante «Da celeste» di Venegazzù, nel Trevigiano.

Per l'esattezza, una festa a casa di Giuliana Benetton, 81 anni, che con i fratelli Luciano, Gilberto e Carlo è proprietaria del gruppo tessile di Ponzano Veneto. E che, in quanto tale, è azionista anche di Autostrade per l'Italia, la società del gruppo finita nell'occhio del ciclone per il crollo del viadotto Morandi di Genova, con il suo carico di 38 morti accertati, più cinque dispersi.

Una piacevole giornata tra famiglia e amici, quella dei Benetton. Una festa impeccabile. Tutto perfetto. Tranne la data: perché la festa è iniziata attorno alle 12 di mercoledì 15 agosto. Quindi 24 ore esatte dopo il collasso del ponte, quando già si era scatenato il sabba delle polemiche sugli omessi controlli, sulla manutenzione carente e sui (troppi?) miliardi incassati dalla concessionaria Autostrade. E quando il nome dei Benetton cominciava, sia pure a fatica, a entrare nel frullatore mediatico dell'affannosa ricerca delle responsabilità della strage.

La mitica grigliata ferragostana dei Benetton è uno degli appuntamenti mondani dell'estate cortinese, una tradizione iniziata oltre 20 anni fa in onore della madre di Giuliana, Luciano, Gilberto e Carlo: Rosa Carniato, la matriarca scomparsa nel 2000. Quest'anno, però, alcuni degli amici abituali non erano stati invitati. Forse la festa era stata messa su in formato ridotto per il recente, doppio lutto familiare: la morte di Fioravante Bertagnin, il marito di Giuliana deceduto lo scorso 8 febbraio, e quella più recente di Carlo, avvenuta il 10 luglio.

Il problema è che un giorno prima della festa di Cortina, il 14 agosto, a Genova c'erano stati molti, molti altri morti. Ed è vero che come tutti gli anni la grigliata ferragostana dei Benetton era stata organizzata da tempo, e visto l'elevato numero di ospiti (a quanto risulta alla Verità, una settantina di adulti più una ventina di bambini) si è forse ritenuto che la sua cancellazione all'ultimo momento fosse un'operazione convulsa e troppo complessa. Magari ineducata.

Resta il fatto che, se davvero i Benetton hanno deciso comunque di festeggiare «quel» terribile Ferragosto, malgrado quanto era appena accaduto a Genova, la conferma non mostra alcuna sensibilità.

Del resto, anche dopo la festa di Cortina, i Benetton hanno atteso altre 24 ore per manifestare il loro dolore per i morti del viadotto. Autostrade per l'Italia ha diffuso soltanto giovedì 16 agosto il comunicato in cui, per la prima volta, «a nome dei suoi azionisti e del suo management», ha espresso «profondo cordoglio alle famiglie delle vittime e la propria vicinanza ai feriti e a tutti coloro che sono stati coinvolti nel tragico crollo».

Subito dopo il disastro, Autostrade aveva scelto toni meno accorati, ma forse più coerenti con la sua futura difesa legale: «Negli ultimi cinque anni gli investimenti della società in sicurezza, manutenzione e potenziamento della rete sono stati superiori a 1 miliardo di euro l'anno». Che festa...

In primo piano

Trump toglie i dazi alle Bibbie fatte in Cina

Ansa

Insieme con altra letteratura religiosa sono state rimosse dall'elenco degli articoli che dovranno affrontare la sovrattassa del 10%. Da Pechino il 65% delle importazioni Usa del settore (92 milioni di dollari). Plauso degli evangelici, ma resta il balzello sui rosari.
In primo piano

L’amicizia tra donne si trasforma in business

Samboue

  • Tre aziende di successo create da altrettante coppie al femminile. Emmendemm produce bracciali unici da materiali d'eccellenza. Samboue progetta borse e oggetti d'arredo. Almala faceva tracolle e ora pure bijoux. «Il segreto? Passione, complicità e creatività».
  • Con oltre 700 aziende, Milano e Roma sono le regine del vintage
  • «Il Re Leone» torna al cinema e la moda festeggia il ritorno di Simba, Timon e Pumba con tshirt, calzini e gioielli a tema.
In primo piano

Salvini nel suo discorso più atteso sparerà sul Pd perché M5s intenda

Ansa

Dopo qualche giorno di riflessione, stasera alla Versiliana il vicepremier avvertirà nuovamente Luigi Di Maio del rischio orrore giallorosso. E, mentre aspetterà le mosse di Giuseppe Conte, ribadirà che il governo non è perduto.
In primo piano

Zingaretti frena per non consegnarsi a Renzi

Ansa

Mentre il Bullo rilascia interviste all'estero per accreditarsi come padre della patria, il segretario pd nicchia sul governo giallorosso: «Non ho contatti con il M5s». Pesano la minaccia di scissione di Carlo Calenda e i voti del Giglio magico: «Ci stacca la spina quando vuole».
In primo piano

Questionare sulla tempistica è sterile. Rompere era l’unica cosa sensata

Ansa

C'è da ridere. Quelli che prima spiegavano a Salvini che doveva fare la crisi di governo per mandare a casa i grillini, adesso spiegano a Salvini che ha sbagliato a fare la crisi di governo, perché così consegna il Paese a un esecutivo 5 stelle-Pd. Il che dimostra che la politica è come il calcio e tutti, in particolare i giornalisti, si sentono allenatori o, per lo meno, segretari di partito.

In primo piano

Germania, Chiesa e Cgil votano per l’inciucio

Ansa

Il tedesco Christian Petry (Spd) dichiara serafico che, con un esecutivo senza la Lega, Europa e Berlino ci aiuterebbero con i conti. Antonio Spadaro e Alex Zanotelli scomunicano i cristiani pro Matteo Salvini. E Maurizio Landini è già pronto a schierare il sindacato con l'accrocchio Ursula Von der Leyen.
In primo piano

Ma il Quirinale lo sa: l’asse giallorosso per cui tifa Macron indispone gli Usa

Ansa

La Francia sogna una Ue «terza potenza» tra America e Cina. Con un nuovo governo, estenderebbe il suo dominio su di noi.
In primo piano

I grillini fanno i duri con i leghisti: «Volevano fregarci, si sono fregati»

Ansa

Il «Blog delle stelle» attacca: «Hanno portato il Paese sull'orlo del precipizio e hanno cercato Berlusconi, che però li ha snobbati». Luigi Di Maio temporeggia per capire se gli conviene ricucire o fare un accordo con il Pd.