Autista senegalese dirotta pullman con a bordo 51 bambini: «Oggi da qui non esce vivo nessuno» - La Verità
Home
In primo piano

Autista senegalese dirotta pullman con a bordo 51 bambini: «Oggi da qui non esce vivo nessuno»

Contenuto esclusivo digitale

Attimi di paura sulla statale Paullese, tra Milano e Crema dove un uomo, Ousseynou Sy, senegalese con precedenti penali ma da diversi anni in Italia, ha preso in ostaggio un pullman con a bordo alcuni ragazzi e poi dato fuoco al mezzo.

L'uomo alla guida del bus aveva caricato prima diverse taniche di benzina, poi era andato a prendere 51 ragazzi della scuola media Vailati di Crema per portarli in una palestra. Qui il dirottamento: «Oggi da qui non esce vivo nessuno». L'uomo, che voleva vendicare le morti nel Mediterraneo, ha prima legato i ragazzi ai sedili con fascette da elettricista e poi ha cosparso sedili e cappelliere di benzina. Uno dei ragazzi a bordo, però è riuscito a dare l'allarme chiamando i Carabinieri. Da qui è nato un inseguimento, con conseguente sfondamento di un posto di blocco. Solo dopo una lunga corsa il pullman è stato bloccato. Una volta fermi, Sy ha preso l'accendino e dato fuoco alla benzina. I Carabinieri hanno sfondato i vetri posteriori del mezzo e hanno messo in salvo ragazzi e insegnanti. A quel punto il senegalese ha preso due ragazzi minacciando di ucciderli per coprirsi la fuga ma è stato bloccato.

L'uomo aveva precedenti per guida in stato d'ebbrezza e violenza sessuale.

In primo piano

Arriva il primo reality in monastero e mostra il lato buono della Chiesa

In «Ti spedisco in convento», su Real Time, le suore accolgono cinque ragazze ribelli che passavano le notti tra alcol e uomini. Niente parolacce e spazzatura: per una volta un Grande fratello che dà un buon esempio.
In primo piano

L'asta per i diritti tv di Infront era falsata, parola di Antitrust

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

La procura di Milano ha archiviato il processo contro Marco Bogarelli (ex presidente dell'advisor della Lega calcio), Giuseppe Ciocchetti (ex direttore generale) e Riccardo Silva titolare della Mp Silva. Le accuse erano di associazione a delinquere, truffa, turbativa d'asta, riciclaggio e autoriciclaggio. Ora però l'Authority conferma la relazione tecnica dei consulenti dei magistrati: ci fu un patto di segretezza che fu sottoscritto in quegli anni per aggirare le gare e danneggiare le squadre di serie A. Multe per 67 milioni di euro. All'interno il documento con la sentenza.

In primo piano

Huawei è senza Google: ora ha i mesi contati

Ansa

Il bando della Casa Bianca spinge l'azienda di Mountain View a chiudere il contratto con i cinesi e Intel sospende le forniture. Il colosso di Shenzhen costretto a investire miliardi per nuovi sistemi, ma ha 90 giorni di scorte. Il blitz riapre la partita dei dazi.
In primo piano

Teacher pride per la prof di Palermo. A scuola è l’ora dell’indottrinamento

Ansa

La sinistra vuole trasformare Rosa Maria Dell'Aria in una martire. Oggi le lezioni si fermeranno per leggere la Carta. Matteo Salvini incontrerà la docente, ma il caso resta aperto. Obiettivo: fare propaganda politica nelle aule.
In primo piano

Lo Juncker pride sui disastri europei è la migliore campagna per i populisti

Ansa

Il presidente della Commissione, in una lettera, dimentica la stagnazione economica, il collasso greco, l'assenza di qualunque riforma, l'immigrazione, la Brexit. Ma sbandiera i successi: il roaming continentale.
In primo piano

La tv «fascista» dà un programma a Lerner

Ansa

Il giornalista, che sbraita contro il regime e la mancanza di libertà, condurrà dal 3 giugno. «L'approdo» su Rai 3, dove sosterrà gli sbarchi dei migranti e dirà che la Lega è feccia. Una strana dittatura, che non lo esilia ma lo manda in onda sull'emittente di Stato.
In primo piano

Uccidono un uomo ma questa volta il cardinal Bolletta non riattacca la spina

Ansa

Tolgono acqua e cibo a un uomo per ucciderlo, ma questa volta non c'è un monsignor Konrad Krajewski che si precipiti a riattivare la corrente. I gesti plateali contro le autorità vanno fatti solo a favore dei migranti?