Attacco alla giornalista Rai che osa andare in onda con il crocifisso - La Verità
Le Firme
In primo piano

Attacco alla giornalista Rai che osa andare in onda con il crocifisso

iStock

Marina Nalesso, conduttrice del Tg2, ha avuto l'ardire di apparire con il simbolo cristiano al collo. Lo sdegno di Repubblica: «Va nascosto». Perché in video si può mostrare ogni oscenità, ma non Gesù.

Ma come si permette? Condurre un telegiornale con un crocifisso al collo? Mostrare in tv un simbolo religioso? Per di più cattolico? È un'offesa alla «civile convivenza». Una cosa «inconcepibile». Da «evitare». Non ancora un «reato», ecco, ma in attesa che lo diventi, un gesto assolutamente da proibire. Insomma, giornalista del tg: nasconda in fretta quella croce dentro la camicetta. E la prossima volta che deve tirare fuori qualcosa da là sotto, provi con una tetta. Vedrà che darà meno scandalo. Lei è Marina Nalesso, conduttrice del Tg2. L'altro giorno, lunedì 17 giugno, alle ore 13, si è presentata in video con un crocifisso appeso al collo, come quello che hanno milioni di italiani. Come quello che probabilmente ha sempre portato sua mamma, sua nonna, la mamma di sua nonna, come si usa nelle famiglie cattoliche che, incredibilmente, continuano a considerare il crocifisso il più grande messaggio d'amore che sia mai stato lanciato. E non uno strumento di offesa. Lo vedete come sono strani questi cattolici? Davvero oscurantisti, retrogradi, passatisti. Inutili avanzi di Medioevo. Nel frattempo che si provveda all'uopo (cioè alla loro eliminazione) bisogna per lo meno cominciare a eliminare i loro simboli. Che almeno non si vedano. Via dagli ospedali (è successo pochi giorni fa a Chivasso), via dalle scuole (succede dappertutto), via dai seggi elettorali (è successo l'altra domenica in provincia di Firenze). E soprattutto via dal collo di chi appare in tv. In tv, come è noto, ormai si può mostrare tutto: simboli erotici, simboli sessuali, simboli che inneggiano alla droga, tatuaggi di ogni foggia e tipo, specialmente se un po' hard, mostri, teschi, draghi, cannabis varie, mutandine invisibili, feste transessuali e scritte demenziali. Tutto, ma non il crocifisso. Quest'ultimo (e solo quest'ultimo) infatti turba gli animi sensibili. Non lo sapevate? Per fortuna gli animi sensibili hanno trovato il loro paladino nel noto opinionista interista e di sinistra Michele Serra che ieri, steso sulla sua amaca di Repubblica, ha tralasciato per un giorno di attaccare Salvini che mostra il crocifisso in piazza per attaccare Marina Nalesso che mostra il crocifisso al Tg2. Dev'essere un'ossessione per il giornalista, già direttore di Cuore e poi autore preferito di Fabio Fazio. «In Francia condurre un telegiornale con un crocifisso al collo sarebbe inconcepibile, forse anche un reato», ha scritto. E in nome degli «utenti pagatori di canone» ha invitato la «mezzobusta confessionale» (sic) a «infilare il crocifisso sotto la camicetta badando che non urti il microfono». Ovvio, non deve urtare il microfono. Altrimenti, se urtasse, non si potrebbe tenere nemmeno sotto la camicetta. Bisognerebbe, come minimo, frantumarlo a martellate. O buttarlo nell'inceneritore. Stiamo aspettando da ieri reazioni sdegnate di garanti, authority, cdr, articoliventuno, senonoraquando, ordinideigiornalisti e affini per queste parole sprezzanti («mezzobusto confessionale»), allusive («se lo infili sotto la camicetta»), offensive e chiaramente censorie della libertà di culto e di pensiero. Ma, purtroppo, non abbiamo sentito nulla. Forse ci siamo distratti. Ma osiamo immaginare che cosa sarebbe successo se qualcuno avesse chiesto a una giornalista islamica di togliersi il velo dal capo per poter parlare davanti alle telecamere della Rai tv. Oso sospettare che il coro delle proteste non sarebbe passato inosservato, neppure ai più disattenti. Invece si tratta di un crocifisso. «Non si potrebbe cortesemente evitare?», domanda Serra. E bisogna pure ringraziarlo che lo domanda cortesemente. Almeno per ora. Marina Nalesso, del resto, è pure recidiva. Già alcuni anni fa, era al Tg1, cadde nello stesso peccato mortale: non nascondere il crocifisso prima di andare in onda. Per lei, mestrina di nascita, trevigiana di adozione, avvicinatasi alla fede anche attraverso un percorso di sofferenza personale, a questo punto non ci sono che due soluzioni: o abiura, si cosparge il capo di cenere e si inginocchia cinque volte al giorno verso l'amaca di Serra, in segno di pentimento. O la prossima volta, su quella camicetta bianca, ci mette un gigantesco zero. Che oltre a essere un simbolo finalmente all'altezza del commentatore di Repubblica, è anche l'immagine di ciò che diventeremo, a forza di voler cancellare ciò che siamo. Nel frattempo, per portarci avanti con il lavoro, senza più disturbare gli animi sensibili, gli «utenti pagatori di canone» e il loro portavoce Michele, ci premuriamo di consigliare a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2, di impartire un severo ordine di servizio: vietato indossare croci sopra le camicette, vietato indossare croci anche sotto le camicetta (caso mai urtassero il microfono), vietato indossare reggiseni a croce (potrebbero essere messaggi subliminali), vietato citare la Croce Rossa, la Croce Bianca e soprattutto la Croce Verde (evidentemente sovranista), proibire le espressioni tipo «croce e delizia» oppure «sei la mia croce», non citare mai il filosofo Benedetto Croce, non mostrare mai le bandiera della Svizzera, della Grecia, della Svezia, della Norvegia e della Finlandia, dove compaiono croci, evitare le inquadrature in cui si vedano chiese, cattedrali e campanili, quasi sempre sormontati da croci, e se possibile oscurare dalle immagini dei tg pure le farmacie, incredibilmente simboleggiate anch'esse da una croce. Lo si chieda cortesemente, per ora. In attesa che, come è ovvio, tutto ciò diventi reato.

In primo piano

L'effetto dazi Usa si fa sentire: l'economia cinese cresce come nel 1992

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

La guerra commerciale sta producendo delle conseguenze non troppo piacevoli per Pechino. Stando ai dati diffusi lunedì dal governo cinese, il prodotto interno lordo è cresciuto del 6,2% nel trimestre conclusosi a giugno: si tratta del tasso di crescita trimestrale più lento dal 1992 e in calo rispetto al 6,4% nel trimestre precedente. Secondo l'ufficio nazionale di statistica, «l'economia cinese è ancora in una situazione complessa e grave», mentre «la crescita globale è rallentata e le incertezze esterne sono in aumento».

In primo piano

Yogurt per tutti. Come ridurre grassi e calorie nello spuntino ideale dell’estate

iStock

È la stagione per consumarlo freddo da frigo. Il latte fermentato è salutare: la longevità dei bulgari legata proprio all'abitudine di mangiarne moltissimo. Ottima anche la variante al gelato, che va molto di moda.
In primo piano

La moda ecologista scorda che la natura non si addomestica

Ansa

Da Greta ai cibi verdi, si riscopre l'ambiente solo nella versione «commerciale». Il libro di Peter Heller ne mostra l'altro lato.
In primo piano

Carri colorati e lanterne a indicare la via ai defunti: l'agosto nipponico tra sacro e profano

Guida al Giappone d'estate

Contenuto esclusivo digitale

JNTO

  • Nonostante sia considerato il periodo peggiore per visitare il Paese, l'estate racchiude un fascino del tutto particolare. Con il caldo, anche nelle città principali, sfilano yukata coloratissimi e le notti si illuminano con feste nei templi e per le strade e fuochi d'artificio lungo il fiume.
  • I cinque festival da non perdere. Dall'Aomori Nebuta Matsuri all'Awa Odori, guida ai migliori matsuri estivi.
  • A Tokyo scegliete come base per il vostro viaggio l'Hoshinoya Tokyo. Un ryokan di lusso a due passi dalla storica stazione cittadina dove potrete bagnarvi nelle acque termali nipponiche fino a notte fonda grazie alle onsen situate al diciassettesimo piano dell'hotel.
  • Per una pausa dalla città scegliete Hakone. La nebbiolina forse non vi permetterà di vedere chiaramente il monte Fuji ma al Kai Hakone potrete rilassarvi al fresco in stanze tipiche immerse in un parco naturale protetto.
  • Non è estate senza mare? Okinawa con le sue spiagge bianche e le acque cristalline dista poco più di 2 ore di volo dalla capitale. L'Halekulani hotel di The Leading Hotels of the World è una delle più recenti aperture sull'isola ed è la scelta perfetta per chi non vuole rinunciare alla tintarella.
  • Natsubate: gli effetti del caldo torrido giapponese iniziano a colpire anche gli italiani. Ecco come sopravvivere alla canicola.

Lo speciale comprende sei articoli, gallery fotografiche e video.

In primo piano

La bomba mutui. Le società di recupero crediti nuovo incubo dei risparmiatori

  • L'Europa vuole che le banche ripuliscano i loro bilanci. Gli istituti non se lo fanno ripetere, cedono i fidi alle finanziarie (spesso senza scrupoli) che a loro volta passano all'incasso. Ma le pressioni esercitate rischiano di trascinare i debitori nel vortice dell'usura. Il giro d'affari ha toccato il valore di 1 miliardo di euro.
  • Siti e forum online delle associazioni dei consumatori raccolgono gli sfoghi e le richieste di sostegno presentate da quanti sono rimasti incastrati. E che ora temono di precipitare nelle mani degli strozzini.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

«Gli italiani si fidano di Salvini. Ma ora chiedono meno tasse»

Ansa

La sondaggista Alessandra Ghisleri: «Nello scontro con le Ong la Lega guadagna consensi. Lo scandalo russo? Presto per vederne gli effetti. La Meloni cresce: il 10% non è irraggiungibile».
In primo piano

Tremonti: «Rieccoci alla guerra fredda. È quella tra Stati Uniti e Cina»

Ansa

L'ex ministro: «Tra le due superpotenze non è soltanto uno scontro commerciale. A quel tavolo ci saremo, ma come parte del menù. L'Europa? Senza Londra non esiste».
In primo piano

Mancano i medici, ecco di chi è la colpa

Di qui al 2025 ci saranno 16.700 dottori in meno di quello che ci servirebbe. Produciamo laureati che però restano bloccati dal sistema delle specializzazioni. Anche il recente aumento dei posti è insufficiente. Sono 20.000 i giovani intrappolati in questo folle meccanismo.