L'Afghanistan un anno dopo il ritiro degli americani

True
L'Afghanistan un anno dopo il ritiro degli americani
Talebani festeggiano l'anniversario della presa del potere. Nel riquadro il Generale Giorgio Battisti (Getty Images)
  • Con i Talebani incapaci di guidare il Paese la situazione è allo sbando. Il Generale di Corpo d'Armata Giorgio Battisti: «Il regime deve fare i conti con la presenza dell'Isis-K e diverse formazioni armate che contendono loro il controllo del Paese».
  • Secondo i report della Cia e delle Nazioni Unite l'Isis-Khorasan avrebbe tra le sue fila tra 1.500 e 4.000 combattenti, concentrati principalmente nelle delle province di Kunar, Nangarhar e Nuristan.
  • Sono le donne a pagare il prezzo più alto della follia oscurantista talebana. Il regime ha imposto limiti che rendono impossibile accedere al diritto alla salute e all'istruzione.
  • Secondo il Programma Alimentare Mondiale nove afghani su dieci soffrono per insufficienza alimentare e più di 18 milioni di persone, quasi la metà della popolazione afghana, ha così poco cibo che avrebbe urgente bisogno di aiuto.
  • I Talebani hanno mentito anche sul tema della coltivazione dell’oppio e dei suoi derivati, come l’eroina e le droghe sintetiche, tanto che la loro commercializzazione non ha mai raggiunto livelli elevati come oggi.
  • Secondo alcune i Talebani sono seduti su risorse minerarie che potrebbero valere 3.000 miliardi di dollari.

Lo speciale contiene sei articoli.

Arrestati 7 neofascisti a Verona
Ansa
Gli estremisti, tra i 19 e i 27 anni, sono finti ai domiciliari. Per la Procura avrebbero aggredito una baby gang a fatto esplodere una bomba carta alla festa dei comunisti.
Sánchez tratta con il Vaticano per cacciare i monaci benedettini
Valle de los Caìdos (iStock)
Con la scusa della «memoria laica», la Spagna socialista mima azioni da guerra civile.
Pubblicato il secondo rapporto sul livello di digitalizzazione in Europa: il nostro Paese supera la media comunitaria per uso della «nuvola» e Spid. Ma restano dei ritardi.
«La donna del lago», la nuova miniserie con Natalie Portman protagonista
«La donna del lago» (Apple Tv+)

La donna del lago, così come Apple Tv+ la renderà disponibile, a partire da venerdì 19 luglio, non ha nulla a che vedere con il film omonimo, che Franco Rossellini diresse insieme a Luigi Bazzoni nel 1965. Non sono uomini i protagonisti della miniserie televisiva, ma donne. Due, in particolare: l’una viva, di una vita che chiede a piena voce di essere vissuta, l’altra morta, fantasma nei ricordi di chi l’ha conosciuta.

Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy