Laris Gaiser
In primo piano

La partita tra Montenegro e Kosovo riaccende le tensioni sui Balcani

Getty Images

Belgrado ha intimato al commissario e ai calciatori serbi della nazionale di Podgorica di non giocare. Aleksander Vucic vuole aumentare la pressione su Pristina perché annulli l'innalzamento del 100 per cento dei dazi doganali.
In primo piano

Balcani, colpo di coda della Merkel per mettere fuori gioco Usa e Italia

Ansa

Il vertice a Berlino con Emmanuel Macron è una sfida per il controllo dei futuri equilibri europei. In questo scenario altamente fluido, l'Italia è al momento la grande sconfitta. Da sempre ingaggiata nel contenimento dell'interesse tedesco nella regione che cinge il Lago di Venezia ne esce sostanzialmente umiliata.
In primo piano

Trieste celebra gli Asburgo e i 300 anni di porto franco. L'accordo con la Cina toglierebbe quella patente

Contenuto esclusivo digitale

Wikipedia

Il 18 marzo di 300 anni fa l'imperatore Carlo VI d'Asburgo segnava il destino di Trieste donandole la patente di porto franco. Grazie a quella provvidenziale decisione e alla successiva strategia di sviluppo commerciale esplicitamente sostenuta anche da Maria Teresa e da Giuseppe II un piccolo borgo divenne una delle più fiorenti e ricche città d'Europa. Il memorandum Roma Pechino potrebbe indispettire la Mitteleuropa che ancora oggi uso lo scalo per le proprie merci.

In primo piano

Nuova Delhi avvia contro il Pakistan una guerra per conto di Washington

Ansa

L'aviazione indiana bombarda un campo di addestramento talebano oltre confine e Islamabad risponde abbattendo due aerei. Gli Usa sono in rotta con il Paese musulmano che si è schierato con Russia, Cina e Iran.
In primo piano

La Moldavia resta mezza russa. Anche se i suoi oligarchi puntano a Bruxelles

Contenuto esclusivo digitale

Ansa, Igor Dodon

I risultati delle elezioni parlamentari nel piccolo Paese ex sovietico di 3,5 milioni di abitanti - sito al confine tra la zona d'influenza russa e quella nordatlantica - hanno dimostrato che difficilmente troverà una propria stabilità ma soprattutto hanno confermato che la sua politica interna risente pesantemente della posizione geopolitica.

In primo piano

La Merkel fa ingoiare la Macedonia ad Atene

Ansa

Il pressing di Berlino costringe il Parlamento greco a cedere: Skopje potrà aggiungere «del Nord» ed entrare così nella Nato. Alexis Tsipras e soci raggiungono il risultato voluto da George Soros, che investirà più fondi nei Balcani. Ma resta il veto sull'ingresso nell'Ue.
In primo piano

Tirana vuole la Grande Albania e ai Balcani viene la tachicardia

Contenuto esclusivo digitale

Ansa, il premier Edi Rama

Da Skopje a Tirana, passando per Pristina l'arco geopolitico albanese nei Balcani sta assumendo in questi ultimi mesi sempre maggiore rilievo. In Macedonia, dopo la pesante riforma costituzionale voluta dal premier Zoran Zaev per cambiare il nome al Paese, e per far approvare la quale son stati necessari i voti dei partiti albanesi, non vi è oramai più alcun dubbio che essa sia stata sfruttata per avviare in sordina il processo di riforma dello Stato in senso federale. E quindi favorire la minoranza albanese. Il premier Edi Rama ha tentato un rimpasto di governo con un ministro di origini kosovare. Obiettivo è estendere la propria influenza in tutta l'area balcanica meridionale.

In primo piano

Putin va in Serbia per dividere in due la Bosnia e mettere paletti alla Cina

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Accolto da salve di cannone e campane a festa, Vladimir Putin si è recato ieri in visita ufficiale a Belgrado dove ha incontrato, insieme al suo ministro per gli affari esteri Sergej Lavrov e quello per l'energia Aleks Novak, per la quattordicesima volta Aleksander Vučić, presidente della Serbia. Gli obiettivi di Mosca sono complessi e mirano a non perdere il ruolo dominante nei Balcani senza esporsi troppo con la Nato.

In primo piano

La Macedonia cambia nome e fa felice gli Usa

Ansa

Il Parlamento di Skopje modifica la Costituzione e aggiunge «del Nord». Quello che sembra un contentino per la dirimpettaia Grecia è un caso geopolitico. Il Paese si aggancerà alla Nato e punta all'Ue, allargando il cuscinetto balcanico contro la Russia.