La Svezia è il Paese Ue con meno morti causate dal fumo. Il segreto? Lo snus

True
  • Il Paese scandinavo è vicino alla soglia del 5% di fumatori e sarà presto il primo a raggiungere l'obiettivo «smoke free». Un modello virtuoso reso possibile dalle politiche del governo che ha ha deciso di puntare sulla riduzione del danno, alzando le tasse sulle sigarette tradizionali e abbassando quelle sulle bustine di tabacco umido che l'Europa ha messo al bando nel resto dell'Unione.
  • Abbiamo visitato lo stabilimento di Goteborg di Swedish Match dove viene prodotto lo snus e la sua ultima evoluzione, le nicotine pouches, bustine di nicotina e aromi ma prive di tabacco che negli ultimi mesi hanno fatto la loro comparsa anche in Italia.

Lo speciale contiene due articoli.

Scommessa della Rai: De Martino ai pacchi. Risbuca pure Saviano
Stefano De Martino (Getty Images)
La tv pubblica punta sull’ex ballerino Stefano De Martino ad «Affari tuoi» senza rinunciare ai volti di sempre. Fiorello «si prende una pausa».
«Helgoland 513», la nuova serie distopica in onda su Sky
«Helgoland 513» (Sky Atlantic)

L’anno è il 2034. Un domani vicino, figlio di premesse che potrebbero essere nostre. Il mondo, quel mondo che l’uomo credeva essere ai suoi piedi, è cambiato, sconquassato da una pandemia che gli è stata fatale. Gran parte della popolazione è morta, le città sono precipitate nel caos. L’isola di Helgoland, nel mezzo del Mare del Nord, è diventato l’ultimo baluardo di civiltà, l’ultimo rifugio sicuro dell'umanità. O, quanto meno, della parte di questa che sull’isola è riuscita a trovare spazio.

La doppia morale delle serie Netflix. Muccioli aguzzino, Bossetti martire
«Il caso Yara - Oltre ogni ragionevole dubbio» (Ansa/Ufficio stampa Netflix)
Il metodo Neri colpisce ancora: ribaltare la realtà per fare audience. Anche su Yara.
Serie A contro Gravina per cambiare il calcio
Gabriele Gravina (Getty Images)
Ricorso della Lega (compresa la B) alla delibera della Figc che infischiandosene dell’emendamento Mulé non ha modificato i pesi delle federazioni nel consiglio. Se aumentano le quote delle big (oggi al 12%) cresce la possibilità di avere un nuovo presidente.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy