Chi si innamora in ufficio aumenta pure la produttività. Decalogo per il giorno di San Valentino - La Verità
Home
In primo piano

Chi si innamora in ufficio aumenta pure la produttività. Decalogo per il giorno di San Valentino

Contenuto esclusivo digitale
  • Sei persone su 10 hanno conosciuto l'anima gemella sul posto di lavoro. La master coach Marina Osnaghi ha stilato una lista di consigli per amarsi senza compromettere la propria attività.
  • Cresce il business dell'amore: in Italia ogni anno +1,8% è un fatturato di 350 milioni. Al primo posto per i festeggiamenti sono i lombardi. I baci Perugina si rinnovano con frasi romantiche, ma non troppo, firmate da Mara Maionchi. I fiori, invece, si confermano il regalo preferito da un italiano su tre. Sul podio le rose, rosse. Attenzione ai colori: ogni tonalità nasconde significati differenti e il rischio gaffe è dietro l'angolo.
  • Tra le mete preferite dalle coppie: Islanda, Roma e Venezia. Secret Escapes ha creato pacchetti «da batticuore» con sconti fino al 70%.
  • In tema di regali, per il 2019 il focus è sul lato b: per sedurre il 14 febbraio scegliete lingerie in pizzo rosso, teddies e slip con taglio alla brasiliana.

Lo speciale contiene quattro articoli e alcune gallery con idee regalo per la festa degli innamorati.

In primo piano

Capperi, i boccioli che schiudono l’allegria

iStock

l cuoco di papa Leone X li consigliava contro la malinconia e per «far vivace il coito», per Dioscoride e Ippocrate avevano proprietà diuretiche e depurative. In Sardegna curavano le varici, a Salina la raccolta è tradizionalmente affidata alle donne.
In primo piano

L’uomo che ha sconfitto il comunismo ci insegnò che la storia non era finita

Ansa

A trent'anni dalla Rivoluzione di velluto, il Meeting di Cl dedica una mostra a Václav Havel, dissidente e poi presidente ceco. La fine dei totalitarismi non ha risolto il problema della libertà. E nessun sistema potrà farlo.
In primo piano

Addio a 48.500 dipendenti bancari. In Europa l’88% dei licenziamenti

Bloomberg certifica il fallimento delle politiche Ue: nel 2019 l'emorragia di posti sarà la peggiore nel mondo. La Fabi: «In Italia il settore farà 45 miliardi di utili entro il 2020 anche grazie ai tagli ai costi del personale».
In primo piano

Con gli indiani cari al Giglio magico gli operai di Piombino restano al palo

Ansa

Dopo 15 mesi dall'acquisto delle acciaierie da parte di Jindal, nel cui cda siede Marco Carrai, nessun piano e 1.500 persone in cassa.
In primo piano

Protesta anti italiana. Gli Schützen coprono i cartelli stradali

Ansa

Seicento scritte modificate in polemica filoaustriaca: «Violati i diritti dei sudtirolesi». La replica: «Il bilinguismo non si tocca».
In primo piano

Trump punta a dominare l’area dell’Artico

Ansa

Il progetto di acquistare la Groenlandia scatena le ironie in mezzo mondo, ma il presidente Usa ha un piano ben preciso: aprire nuove rotte commerciali, proteggere il fianco orientale e rafforzare la presenza militare in una delle aree più strategiche del globo.
In primo piano

Davanti alle nuove evidenze il Pd non può più stare zitto

Ansa

L'ordinanza sulla Val d'Enza mostra il sistema che ruotava attorno al centro La Cura voluto e sostenuto dai democratici. Che ora devono assumersi le loro responsabilità.
In primo piano

«Prolungava le terapie sui minorenni per avere soldi pubblici»

Il giudice di Bologna spiega che Claudio Foti ha ricavato un «ingente profitto economico» con l'aiuto del giro di Bibbiano: «Un danno per i contribuenti».
In primo piano

La vera storia degli ipocriti dell’Ong iberica

Ansa

Open arms aveva tentato di convincere la Spagna a prendersi i migranti. La «solidale» Madrid, però, ha chiuso i porti per prima. Ma se di fronte a Pedro Sánchez gli attivisti hanno chinato la testa, nei confronti dell'Italia hanno iniziato la consueta battaglia politica.
In primo piano

Caso Open arms, arrivano le toghe. Si indaga per sequestro di persona

Ansa

La Procura agrigentina ha aperto un fascicolo sulla base degli esposti presentati dagli avvocati dell'Ong. Matteo Salvini impugna la revoca al divieto di ingresso. Il medico nega l'emergenza: «Gli sbarcati? Non erano malati».