Quella strana fuga di Cesare Battisti dal carcere italiano

Quella strana fuga di Cesare Battisti dal carcere italiano
Ansa
L'assurda evasione dell'ex esponente dei Pac dal penitenziario di Frosinone è piena di aspetti oscuri mai indagati da nessuno. Quel 4 ottobre 1981, una domenica fresca e soleggiata, una giovane donna, col finissimo stratagemma di depositare soldi per un recluso, entrò indisturbata, immobilizzò una guardia, una sola, lasciando via libera al manipolo di Pietro Mutti, il complice. In pochi minuti furono liberi Cesare Battisti e Luigi Moccia, boss camorrista.
Germania al bivio tra crisi e lotta con gli Usa
Olaf Scholz (Kay Nietfeld/picture alliance via Getty Images)
Il Paese che traina l’eurozona diviso tra purghe economiche o riallineamento alla Russia. Difficile il rilancio Ue.
La vera trappola per il centrodestra
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini (Imagoeconomica)
Altro che strepiti sul ritorno del fascismo, il problema sono i pessimi dati economici su cui ora si stende un velo di silenzio per poi poterli rinfacciare al governo che verrà. Se sconfitta, la sinistra vorrà vincere a Bruxelles, montando una campagna anti italiana.
Se la donna è di destra è un po’ meno donna
Natlia Aspesi (Marco Piraccini\Mondadori Portfolio\Mondadori via Getty Images)
Dopo averci detto per anni che la soluzione di tutti i mali era aumentare la presenza femminile nella società, ora la sinistra fa retromarcia: guai a votare Giorgia Meloni solo per il «fattore D». Siccome lei è la leader di Fdi, va considerata come un maschio.
È la conferma che non esiste alcuna pioggia di miliardi e che l’Italia da «percettore netto» tornerà a essere «contributore netto». Senza poter decidere in cosa investire.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings