Programmate opere per 317 miliardi però sono quasi tutte ferme al palo - La Verità
Home
In primo piano

Programmate opere per 317 miliardi però sono quasi tutte ferme al palo

Il 76 per cento delle infrastrutture è già finanziato, ma i cantieri in corso ammontano ad appena 32 miliardi. Per colpa di una dissennata burocrazia sprechiamo un tesoro che potrebbe far ripartire la nostra economia.
In primo piano

Lufthansa va all’assalto di Alitalia per eliminare tutta la concorrenza

Ansa

L'aviolinea tedesca ha già acquisito le compagnie di bandiera di Belgio, Austria e Svizzera, di cui decide anche le strategie di mercato. E l'Ue, sempre pronta a proteggere l'utenza dai vettori predominanti, tace.
In primo piano

Congelare i crediti d’imposta riduce la liquidità per le imprese in crisi

I giallorossi vogliono far slittare la compensazione da maggio a dicembre: sarebbe l'ennesima misura che danneggia le aziende, già provate. Il leghista Alberto Gusmeroli: «È pure peggio della guerra al contante».
In primo piano

Ormai Berlino e le aziende francesi rinnegano la generazione Macron

Ansa

La mancata nomina di Sylvie Goulard e gli errori di politica estera con gli Usa segnano un cambio di passo dei big dell'economia: silurato pure il capo di Renault, colpevole di essere andato a braccetto con l'Eliseo.
In primo piano

In Italia produzione di auto a -20%. Anche Parigi inizia a perdere colpi

Ansa

Dopo la Spagna, la recessione tedesca azzoppa pure la Francia. Noi siamo il Paese più colpito: in 12 mesi l'industria ha perso l'1,8%. Si salvano i farmaceutici. E gli investimenti verdi non serviranno a nulla.
In primo piano

I 330 miliardi di crediti deteriorati diventano un’occasione per le banche

L'ammontare degli Npl in Italia è tornato ai livelli pre crisi, ma bisogna ridurre il vecchio carico e gli istituti vendono le sofferenze a operatori specializzati. Banca Ifis: «Nel 2020 ci saranno 43 miliardi di transazioni».
In primo piano

Gli Usa archiviano il cane a sei zampe dalle accuse di corruzione in Africa

Ansa

Il Dipartimento di giustizia americano ha disposto un nulla di fatto al termine delle indagini a carico dell'Eni in Nigeria e Algeria. Oltreoceano svanisce l'ipotesi della maxi tangente. Il processo ora continua a Milano.
In primo piano

«Il ritardo delle nostre aziende nella protezione dei dati è drammatico»

Contenuto esclusivo digitale

iStock

Ivan Rizzi, presidente dello Iassp (Istituto di alti studi strategici e politici), presenta il master sull'intelligence economica. «Le grandi aziende statali come Eni o Leonardo hanno la possibilità di difendersi, ma quelle più piccole, fondamentali per la nostra economia, non sono ancora attrezzate».

In primo piano

Sorgenia salvata dalle banche è pronta a ritornare fra braccia pubbliche

Ansa

F2i, fondo partecipato da Cdp, è in pole position per l'acquisto dell'ex società di Carlo De Benedetti, passata di mano per il debito.
In primo piano

Dopo fusioni e ristrutturazioni la chimica rialza la testa in Borsa

Colossi come Dupont e Basf hanno registrato forti perdite, ma secondo gli analisti nel prossimo biennio la tendenza si invertirà. Nel settore la volatilità è molto elevata: sonni più tranquilli con gli Etf.