Più vestiti che elettronica: l'e-commerce italiano cambia casacca e passa alla moda - La Verità
Home
In primo piano

Più vestiti che elettronica: l'e-commerce italiano cambia casacca e passa alla moda

Contenuto esclusivo digitale
  • Gli acquisti online nel nostro Paese stanno vivendo un momento di svolta. Dopo anni in cui il settore della tecnologia ha sempre avuto lo scettro di categoria merceologica più richiesta sul Web, a breve potremmo assistere a un sorpasso a favore del fashion.
  • Risparmio e trasparenza: i consumatori si fidano di internet e sono particolarmente attenti alle recensioni: il 93% legge spesso test o guide all'acquisto, mentre il 90% si affida alle opinioni di altri utenti.
  • Uomini spendaccioni: in Italia battono le donne per numero di transazioni. L'Italia è il secondo Paese più maschilista in Europa per percentuale di maschi che compra sul Web. Solo il Regno Unito ci batte: il 63,6% è uomo, mentre solo il 36,7% è donna.

Lo speciale comprende tre articoli e infografiche.

In primo piano

I vescovi cattolici chiedono che Tafida non resti ostaggio della sanità inglese

John Sherrington, presule responsabile sui temi della vita di Inghilterra e Galles, preme per mandare la bimba al Gaslini.
In primo piano

Le false accuse di molestie dello psicologo contro l'ex collega innocente

iStock

  • Assolta l'operatrice di una comunità di Asti che secondo Hansel e Gretel aveva abusato di una minore. Il racconto: «Pensavamo fossimo tutte lesbiche. Vedeva violenze ovunque».
  • Jacopo Marzetti: «Servono tutori volontari privati che vigilino sul sistema degli affidi».Il Garante dell'infanzia del Lazio e commissario del Forteto sarà nella squadra speciale promessa da Alfonso Bonafede: «Oggi controllato e controllore coincidono. A volte i servizi sociali non applicano le sentenze».

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Francesco riscende in campo per la Siria

Ansa

Il Papa chiede a Bashar Al Assad di «mettere fine alle sofferenze del popolo». Pietro Parolin: «Nessun intento politico, solo urgenza di soluzioni praticabili per la pace». Voci dall'Argentina: Ratzinger offrì all'«avversario» Bergoglio la Segreteria di Stato. Ma sono «fantasie».
In primo piano

Pure l’Abi smentisce i profeti di sventura: lo spread non incide sui mutui per la casa

iStock

Gli ultimi dati: il costo del credito per le famiglie è ai minimi. Ma il vero nodo resta l'accesso: serve la fiducia nel futuro.
In primo piano

Depositate le intercettazioni su Siri. Incredibile: gli «omissis» si leggono

Ansa

  • Nei nuovi dialoghi, Paolo Arata millanta pressioni su Silvio Berlusconi, Enrico Letta e il cardinal Raymond Leo Burke per piazzare il leghista. Ma nelle carte spunta la beffa: le parti da secretare, perché riguardano un senatore, si possono consultare.
  • E sui 30.000 euro avevamo ragione. Anche nel materiale diffuso ieri non c'è traccia del virgolettato del boss dell'eolico riportato più volte dai media. Restano invece le solite vanterie dell'imprenditore.

Lo speciale comprende due articli.

In primo piano

Barcellona è la città più pericolosa ma Ada Colau si occupa solo di Lgbt

Ansa

Da quando si è insediata la sindaca, furti ed episodi di violenza saliti da 153.063 a 194.212. L'insicurezza è diventata la prima preoccupazione degli abitanti, ma lei destina 1,7 milioni a un centro per gay e lesbiche.
In primo piano

Lega e M5s, lite pure sull’Italia in tilt. Salvini: «Inaccettabili i no sulla Tav»

Ansa

  • Il vicepremier attacca Danilo Toninelli, «ministro ai blocchi stradali»: «Ci sono troppe infrastrutture ferme al Mit». Luigi Di Maio: «Non ci si provi a strumentalizzare quanto accaduto per fare il tifo pro o contro la Torino-Lione».
  • Caos in tutto il Paese per il rogo doloso di una cabina elettrica dell'alta velocità vicino a Firenze. Pista anarchica: ieri in città 26 condanne per attività sovversive.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Pronto il ribaltone per far fuori Salvini

Ansa

Paolo Mieli sul Corriere indica la via: imbrigliare il leader della Lega e riciclare l'attuale presidente del Consiglio con una maggioranza composta da democratici, M5s e Forza Italia. Accontenterebbe tutti, meno gli elettori.