Ortoterapia, i green lover sono 19 milioni

  • «Coltivare ortaggi è molto più di un hobby, è una filosofia» racconta Alex Mitchell, autrice di Il piccolo orto in casa.
  • Cinque consigli per curare un orto che faccia bene all'umore
  • Con Click&Grow erbe e verdure si coltivano direttamente in casa.

Lo speciale contiene tre articoli e gallery fotografiche.


Sempre più italiani si dedicano alla cura delle piante. Secondo i dati raccolti da GfK Sinottica il 39% degli italiani dedica tempo al giardinaggio e il 27% possiede un orto. Dati in crescita del più 3% rispetto al 2012 su totale popolazione e del 13% tra i Baby boomer. Complessivamente nel 2020, i «green lovers» italiani sono diventati 19 milioni e il 7% di loro ha iniziato questo passatempo durante il primo lockdown.

Si parla addirittura di «ortoterapia». La scrittrice Alex Mitchell che da anni coltiva frutta, verdura, insalata ed erbe aromatiche ha persino dedicato un libro a questa pratica che sarebbe un efficace anti stress. Il piccolo orto in casa (Corbaccio) spiega come dare vita al proprio orto, anche sul davanzale di casa. Secondo la Mitchell «coltivare ortaggi è molto più di un hobby, è un vero e proprio state of mind. Non solo è davvero gratificante mangiare i frutti delle proprie fatiche (nel vero senso della parola), ma curare quotidianamente i raccolti è incredibilmente terapeutico e distrae dal ritmo frenetico della vita. Il modo migliore per fare giardinaggio è farlo poco e spesso, in modo dedicare ogni giorno cinque minuti ad annaffiare, controllare la presenza di parassiti e seminare».

«Coltivare l'orto significa anche pianificarne le fasi, è quindi come imbattersi un vero progetto, coinvolgente e sorprendentemente stimolante dal punto di vista mentale. A me piace prendere appunti su ciò che è cresciuto bene, cosa no e quali varietà erano particolarmente gustose. È chiaramente un diario che troverei interessante leggere solo io stessa! Ma trovo molto rilassante aggiornarlo ed è super utile quando guardi indietro perché puoi imparare dagli errori. Oltretutto, non è per nulla stressante: se la lattuga non riesce a germogliare è un po' fastidioso, ma nulla di più».

Una serie di studi medici parlano dell'ortoterapia come la soluzione migliore nella riabilitazione di diversi tipi di pazienti. Da quelli in recupero da un intervento chirurgico a chi soffre di disturbi mentali. Una ricerca dell'Università di Sheffield nel Regno Unito basato su 163 volontaria dimostrato che osservare le piante crescere permette alla persone di provare sensazioni positive, sia per la condivisione delle conoscenze, sia per i dialoghi instaurati con gli altri circa gli eventi della comunità. L'ortoterapia fa bene anche alla salute fisica perché chi coltiva la terra ha maggiori probabilità di mangiare frutta e verdura cinque volte al giorno, rispetto a coloro che non praticano questa attività.

Martino Ragusa, autore di Orto e mangiato (Sperling & Kupfer) nel suo libro racconta: «Non sono io che curo l'orto, è l'orto che cura me. Cura il mio fisico, dandomi cose buone da mangiare, e cura la mia mente, rilassandomi, perché quando ci si occupa di una pianta il cervello si svuota di tutto per riempirsi solo di lei. L'orto mi cura e mi coltiva. Mi ha educato all'attesa e alla pazienza, mi ha insegnato che l'alternarsi delle stagioni non è solo smettere di pagare le bollette del riscaldamento e iniziare con quelle del climatizzatore e mi ha fatto conoscere gioie intense e sconosciute».

L'Osservatorio The World after Lockdown di Nomisma ha realizzato un approfondimento riguardo al giardinaggio, creando un vero e proprio identikit del «green lover» italiano. Da un lato ci sono i green expert: 12 milioni di agricoltori per passione, che si prendono cura di grandi spazi verdi, come terreni, orti e giardini; dall'altro lato i green enthusiast: 14 milioni di italiani che si dedicano alla cura di piante e fiori in casa o sul balcone. Due orientamenti spesso sovrapponibili. Molti agricoltori per passione, ad esempio, lavorano un terreno ma hanno anche un orto o piante in casa.

La quota di green expert (il 24% della popolazione) che si dedica a terreni è maggiore al Sud, mentre chi si prende cura di giardini ed orti è residente soprattutto nelle regioni del Nord Italia. I green experts hanno in media 53 anni, redditi familiari mensili medio alti e acquistano attrezzature e prodotti per il giardinaggio nei garden center, nei consorzi e presso le rivendite specializzate in prodotti per l'agricoltura. I green enthusiast (il 27% della popolazione), invece, abitano prevalentemente al Nord, nei centri città. Hanno un'età media di 45 anni, redditi familiari mensili alti, sono in maggioranza donne e per gli acquisti di prodotti da giardinaggio prediligono i negozi di articoli per la casa, di bricolage e i siti online.

Quattro milioni di appassionati (l'8% degli italiani) si dedicano all'orto, coltivando prevalentemente ortaggi, frutta, erbe aromatiche, piante officinali e alberi di olivo. L'estensione media dell'orto da loro coltivato è di 166 mq e l'esperienza maturata nella coltivazione del verde, da parte di questi soggetti, supera in media i 9 anni. Nove milioni di green lover (il 17% degli italiani) si occupano del giardino/terrazza, che amano abbellire soprattutto con fiori, alberi, piante in vaso – ornamentali e aromatiche – frutta, siepi e ortaggi. L'estensione del loro spazio verde è mediamente di 493 mq per il giardino e 172 mq per il terrazzo. I due milioni di amanti del verde che si prendono cura di un terreno (il 4% degli italiani) coltivano prevalentemente frutta, ortaggi, erbe aromatiche/officinali in un'area che in media è vasta 5.180 mq. Le varietà preferite dai green enthusiast, infine, risentono della dimensione strettamente domestica dello spazio interessato e sono in prevalenza erbe aromatiche (32%), piante grasse (24%), ortaggi (15%), orchidee (15%) e bonsai (6%). Sempre per ragioni di spazio, nella maggior parte dei casi, questi appassionati coltivano in vaso (84%), anche se c'è chi sperimenta il giardino verticale (30%) oppure opta per le piccole serre (10%) o i box di legno (9%).

I green lover dedicano alla loro passione buona parte del tempo libero (in media 4,7 ore a settimana): il 27% riserva al giardinaggio meno di 2 ore alla settimana, ben il 43% dedica 2 – 5 ore alla settimana, mentre il 22% investe nella cura del verde dalle 5 alle 10 ore settimanali. L'effetto calmante e per certi versi “terapeutico" della cura del verde è ben noto: quasi un appassionato su due (43%), infatti, pratica giardinaggio per rilassarsi (26%) e per stare all'aria aperta e a contatto con la natura (17%). Anche la motivazione estetica riveste un peso rilevante: il 18% dei green lovers si dedica a questa passione per rendere più bella la casa e il 12% lo fa per tenere in ordine uno spazio attiguo alla propria abitazione. Da non trascurare, infine, coloro che producono frutta e ortaggi a fini di autoconsumo (16%).

Cinque consigli per un orto che fa bene all'umore

Dolomiti Paganella - un meraviglioso altopiano collocato ai piedi delle Dolomiti del Brenta - ha stilato una lista con i cinque consigli per un orto che fa bene anche all’umore.

Utilizzare antiparassitari naturali

Come insegnano le aziende agricole e gli abitanti dell’Altopiano della Paganella, è importante coltivare la terra con metodologie biologiche, senza utilizzare prodotti chimici, almeno quando esistono alternative naturali. Qualche esempio? Contro afidi e parassiti si possono utilizzare un decotto d’aglio o di bucce di cipolla, ma anche un macerato di pomodoro o di ortica. Tutte soluzioni naturali che permettono, inoltre, di sfruttare al meglio gli scarti alimentari e ridurre gli sprechi.

Utilizzare fertilizzanti naturali

Come nel caso degli antiparassitari, anche i fertilizzanti possono essere realizzati utilizzando gli scarti della cucina, senza ricorrere così a prodotti chimici di alcun tipo. I fondi di caffè, per esempio, sono ricchi di azoto e antiossidanti e aiutano ad alimentare il terreno e lo stesso vale per le bucce di banana o i gusci d’uovo, ricchi di sostanze utili a far crescere, tra i tanti, i pomodori.

Evitare gli sprechi d’acqua

In Dolomiti Paganella si utilizza l’acqua di sorgente o dei fiumi per innaffiare orti e giardini e sfruttare al meglio le risorse idriche, ma quando quando questo non è possibile ci sono ugualmente alcune buone pratiche per evitare gli sprechi. Innanzitutto è fondamentale bagnare piante e fiori nelle ore più fresche, cosicché l’acqua non evapori in breve tempo, poi è importante bagnare poco e spesso, puntando sulla costanza, più che sulla quantità. Infine, si può raccogliere l’acqua piovana e conservarla appositamente per piante e fiori, sfruttando così la natura invece della rete idrica.

Sfruttare l’amicizia tra le piante

Alcune piante possono essere coltivate nello stesso vaso per risparmiare spazio e acqua, ma anche per valorizzare le reciproche proprietà. L’aglio, per esempio, contribuisce alla crescita di lamponi e rose, la melissa, la menta e il basilico, invece, favoriscono lo sviluppo e migliorano il sapore dei pomodori. Non solo, il cumino ammorbidisce il terreno, mentre la camomilla si sposa benissimo con le cipolle, migliorandone lo sviluppo e la crescita.

Scegliere le giuste varietà

Per un orto o un giardino sostenibile è importante partire dal principio e scegliere varietà di piante e fiori adatte all’ambiente in cui si vive. Optare per specie non adatte al proprio clima o all’illuminazione della propria abitazione, infatti, può portare non solo a un dispendio maggiore di tempo, ma anche a un eccessivo fabbisogno idrico o all’utilizzo di fertilizzanti o antiparassitari chimici e non sostenibili sul lungo periodo.

Click & Grow, come coltivare indoor senza fatica

Click and Grow nasce nel 2009 con un concept innovativo: vendere mini serre per coltivare erbe e verdura a casa. «Lo so, suona un po' melodrammatico. Ma sono davvero convinto che il progressivo abbandono del contatto con la natura, fino ad arrivare a non sapere più come il cibo che arriva nei nostri piatti venga coltivato e prodotto, sia il primo passo verso l'estinzione di massa» ha raccontato a Repubblica il fondatore Mattias Lepp.

L’idea nasce da alcuni esperimenti Nasa per far crescere piante senza bisogno di terra. Così Lepp e il suo team creano «il Nespresso per la coltivazione in casa», lo Smart Garden 9 Pro, che si connette allo smartphone via bluetooth per permettere di gestire il sistema di illuminazione a led. «Alla base c'è il tentativo di rendere tutto molto semplice. Non si tratta di idroponica in senso stretto, noi siamo specializzati in nuovi materiali e l'innovazione sta nelle capsule di suolo studiate secondo le piante che devono ospitare. I biopolimeri, cambiano secondo la pianta perché devono contenere il nutrimento necessario per sostentarla in ogni possibile condizione. Ci abbiamo messo due anni ad esempio a trovare la giusta formula per la lattuga. Ecco perché non è facile sviluppare sistemi simili. Ikea ha deciso di smettere di produrne e di investire nella nostra compagnia».

iStock

Cambridge English Assessment si è unito a Minecraft per offrire un'esperienza di apprendimento nuova, divertente, motivante e memorabile. E non è il solo ad aver intrapreso la strada dell'edutainment.

Continua a leggere Riduci
iStock
È un frutto che fa benissimo: lo dimostra il fatto che è il primo dato ai bambini nello svezzamento. Indicato per i diabetici grazie al ridotto contenuto di glucosio e all'apporto di fibra solubile che impedisce i picchi glicemici. Stimola la produzione di serotonina e svolge azione antidepressiva.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

I radar italiani e la guerra fredda

Contenuto Esclusivo Digitale
Trending Topics
Change privacy settings