L’effetto Lanzalone colpisce Carige. L’azionista lascia e accusa il manager

Vittorio Malacalza si dimette dal cda. Imputa a Paolo Fiorentino di aver accreditato inesistenti rilievi della Bce al fine di screditarlo. E gli rinfaccia l'amicizia con l'avvocato di Acea agli arresti. Il consiglio rischia di decadere.
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings