La Verità - Le Firme
In primo piano

Chi voterà il Cavaliere aiuterà la sinistra?

Silvio Berlusconi ha fatto una scelta eroica decidendo di candidarsi alle europee. Innanzitutto perché a 82 anni non è facile imbarcarsi in una campagna elettorale come quella per il Parlamento di Bruxelles, dove contano soprattutto le preferenze. Si tratta di uno sforzo titanico, con un grande impegno fisico che per il leader azzurro si tradurrà in stress e grande dispendio di energie. E poi, oltre al fattore personale, c'era anche altro che consigliava di archiviare le ambizioni di ritornare a sedere in un'assemblea rappresentativa. I sondaggi per esempio, che come è noto non danno il partito del Cavaliere in grande spolvero. Se il 4 marzo dello scorso anno Forza Italia raccolse appena il 14 per cento, facendosi superare dalla Lega, oggi (...)

In primo piano

A come abito: perché non bisogna sbagliarlo

Ansa

Avere un aspetto appropriato è fondamentale per comunicare la nostra affidabilità e la nostra appartenenza a un gruppo. Attenti alle consuetudini che possono essere utilissime, ma anche diventare automatismi, vizi o vere e proprie malattie.
In primo piano

La sporca legge delle Ong

Ansa

Ma chi paga? Da giorni questa è la principale domanda che i quotidiani si rivolgono per dare addosso alla manovra grilloleghista del governo Conte. Quesito legittimo, intendiamoci, perché i soldi che verranno spesi per pagare il reddito di cittadinanza sono dei contribuenti, mica di Di Maio, e lo stesso dicasi dei quattrini che serviranno per finanziare quota cento, ovvero la possibilità di andare in pensione in anticipo: nonostante il taglio dell'assegno previdenziale, a mettere la differenza non sarà Salvini, ma gli italiani.

In primo piano

Ci vuole una sartoria italotedesca per ricucire i rapporti con gli Usa

Ansa

Buone notizie per il trattato con gli Stati Uniti e per la pace dei dazi tra questi ultimi e la Cina. Ma sono intese fragili. Per rinnovare un'alleanza più forte con Washington sarà necessario un accordo tra Germania e Italia.
In primo piano

De Benedetti accusato di evasione fiscale

Ansa

La Guardia di finanza contesta all'Ingegnere di non aver dichiarato uno yacht da 120 milioni, battente bandiera delle Cayman. Rischierebbe una multa da 36 milioni. La replica di Cdb: «Violata la privacy, la barca non è mia e non ho mai evaso nulla».
In primo piano

«Oddio, ma così aiutano i poveri». L’attacco al governo diventa comico

Ansa

Il sostegno ai disoccupati dell'esecutivo gialloblù è realtà. Pur di silurarlo, i grandi giornali sfidano il ridicolo: «Niente a chi prende l'auto nuova». «Preclusioni alle grosse cilindrate». Oppure: «Niente a chi ha due case».
In primo piano

Gli intellò francesi muti su Battisti dopo 30 anni di abbagli e connivenze

Ansa

Da Daniel Pennac a Freud Vargas e Bernard Henri Lévy nessuno dice una parola sull'arresto del terrorista. Eppure lo considerarono un perseguitato, opponendosi all'estradizione e firmando appelli per l'amnistia. Ora sostituita dall'amnesia.
In primo piano

A sinistra è pieno di criminali ideologici che occultano le infamie comuniste

Flickr

Chi insorge per il concerto «fascista» in onore di Jan Palach, eroe di Praga, ha sempre taciuto sulle vittime dell'Urss e di Mao Tse Tung.
In primo piano

Inizia il piagnisteo per il «povero Battisti»

Ansa

È cominciata la beatificazione di Cesare Battisti. A leggere i commenti, le cronache e le interviste della grande stampa si capisce infatti che, essendo tornato, all'ex terrorista tutto è perdonato. Certo, l'uomo che è stato condannato all'ergastolo per quattro omicidi non è rientrato in Italia per volontà sua, ma perché, pur non essendogli scattate le manette intorno ai polsi, si è trovato circondato da un gruppo di poliziotti che da settimane (...)
In primo piano

Avviso al partito unico dei Forza euro. È stata bocciata la May, non la Brexit

Ansa

Da Matteo Renzi ad Antonio Tajani, tutti esaltati come se Westminster avesse respinto l'uscita dall'Ue. In realtà ha perso la linea del governo, giudicata molle. E ora gli euromani hanno un'altra fissa: votare un nuovo referendum.