La Verità - Le Firme
In primo piano

In marcia su Roma a suon di insulti in rima

Ansa

La vicepresidente grillina del Senato Paola Taverna è una sapiente lanciatrice di invettive che pare uscita dai versi di Trilussa. Accesa popolana, imputa ruberie a destra e sinistra in contrasto con l'illibatezza dei 5 stelle. È la capocorrente del gruppo più potente del Movimento.
In primo piano

Il senegalese stragista? Colpa nostra

Ansa

Gad Lerner non delude mai. Una volta è in grado di sorprenderci lanciando un appello pro migranti dal suo splendido terrazzo con un Rolex al polso. Un'altra perché di fronte a una tragedia sventata, come il sequestro di 51 bambini che potevano bruciare vivi per mano di un senegalese, riesce a dare la colpa a chi «manifesta ostilità nei confronti degli immigrati». Sì, ieri su Twitter il comunista con il Rolex ha scritto proprio così: «La follia criminale del cittadino italiano Ousseynou Sy è l'esito di una contrapposizione isterica che manifesta ostilità agli immigrati, negando le loro sofferenze e la loro umanità». Chiaro il concetto? Se non ci fosse chi si lamenta per l'invasione di extracomunitari e rifiuta di pagare il traghetto alle masse (...)
In primo piano

Roma affila le armi: «L’Europa risarcisca cittadini e banche»

Ansa

Dopo la sentenza della Corte Ue su Tercas, quantificare i danni spetta alla Farnesina. Ma la posta in gioco è rivedere il bail in.
In primo piano

Il bello dell’accoglienza: senegalese cerca di bruciare vivi 51 ragazzini

Ansa

State tranquilli, lo faranno passare per pazzo. Diranno che l'autista che ha sequestrato una cinquantina di studenti di seconda media a Crema era esaurito e non ci stava con la testa, un po' come quel tizio che a Utrecht, in Olanda, una volta salito sul tram, essendo un po' nervoso, ha ucciso tre persone. Ousseynou Sy, il senegalese che in Italia oltre all'accoglienza aveva trovato una moglie, ottenendone in cambio la cittadinanza e anche un posto di autista di corriere, verrà descritto come un povero disadattato. Aveva precedenti per guida in stato di ebbrezza e molestie sessuali, così dicono le cronache, ma ciò non era stato sufficiente (...)

In primo piano

Pamela, l’orrore è a porte chiuse: uccisa a coltellate e fatta a pezzi viva

Ansa

Smentita la morte per overdose della ragazza trovata in due trolley. Mentre in tribunale sfilano le immagini agghiaccianti, il nigeriano Oseghale non guarda e i genitori della giovane piangono tenendo il capo chino.
In primo piano

Parigi prima taglia i rapporti Ue-Usa e poi critica l’accordo Italia-Cina

Ansa

Mentre il Parlamento autorizza il governo alla firma del memorandum sulla Via della seta, Emmanuel Macron entra a gamba tesa e invoca l'arbitro europeo. Il suo timore è che Pechino possa snobbare l'asse francotedesco.
In primo piano

Il forno arcobaleno del M5s per coprirsi a sinistra

Ansa

C'è una pericolosa cellula terroristica che preoccupa il Pd: la famiglia. Ai margini dell'assemblea nazionale che ha incoronato Nicola Zingaretti segretario, il Partito democratico ha infatti approvato una mozione che impegna i vertici a schierarsi contro il Congresso mondiale delle famiglie. Su richiesta di Monica Cirinnà, la signora di gran classe che è scesa in piazza con in mano un cartello in cui «Dio, patria e famiglia» venivano definiti una «vita di m…», senza i puntini, il Pd ha deciso di partecipare a un corteo di protesta che si terrà il 30 marzo a Verona.

In primo piano

Vaticano e Colle tessitori della Via della seta

Ansa

Lo scambio di cortesie con Oltretevere («Siamo sinceri nel migliorare le relazioni con la Santa sede») anticipa l'arrivo di Xi in Italia. Segno che le diplomazie lavorano da tempo. Come il Quirinale che, date garanzie agli Usa, è l'altro pilastro dell'intesa con Pechino.
In primo piano

La Fadil non era la donna che sapeva troppo

Ansa

Aveva già detto tutto quello che poteva sulle «cene eleganti» di Arcore, e nel suo libro non rivelava segreti ma raccontava di aver visto Satana. Restano tutte le ipotesi, compresa quella che a ucciderla sia stata una malattia ancora senza nome.
In primo piano

Ora i «buoni» vogliono uccidere i bimbi malati

iStock

Follia «no kids»: abbiamo creato una società che odia i piccoli. E che tende a eliminarli se non sono perfetti in tutto e per tutto. Secondo Peter Singer, filantropo e intellettuale assai considerato, se un figlio presenta patologie genetiche andrebbe abortito.