A Milano in passerella la modella con l'hijab

True
A Milano in passerella la modella con l'hijab
  • Rivoluzione Moncler. Il marchio noto per i piumini inaugura a Milano un intero palazzo e propone linee firmate da designer presi in prestito da altri brand. Tra i nuovi arrivi Richard Quinn e Matthew Williams.
  • Il teddy coat continua a essere protagonista della collezione di Max Mara. E per l'autunno inverno si tinge di ciano, turchese e giallo mais. Mentre l'azienda con sede a Reggio Emilia fa sfilare una mannequin con il velo.
  • Un gruppo di animalisti si presenta fuori dalla sfilata di Fendi per contestare l'utilizzo di pellicce nelle collezioni della maison.
  • La passerella di Emporio Armani si colora di rosso. Il brand giovane di re Giorgio gioca sui volumi facendo sfilare abiti corti e iperfemminili abbinati a stivali alti e cappotti oversize.

Lo speciale contiene gallery delle sfilate e un video.

Sala pensa più a Berlusconi che alle buche
Giuseppe Sala (Ansa)
Il sindaco meneghino chiama in causa Marina e contesta l’intitolazione di Malpensa all’ex presidente del Consiglio: «Atto politico» Ma dai? Ogni decisione su un bene pubblico lo è. Piuttosto incanali l’energia che spende per certe sparate per riordinare la sua città.
Stefano Fontana: «I vescovi parlano come se Cristo fosse il paladino della Costituzione»
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei (Ansa)
Il filosofo boccia la Settimana di Trieste a sfondo piddino: «Scomunicata la Dottrina sociale, Chiesa ridotta ad agenzia moraleggiante. Zuppi e Mattarella officiano il culto laico della Carta come opera rivoluzionaria».
Dietro gli attacchi del «sindaco hot» c’è una sfida al prefetto di Roma
Lamberto Giannini (Ansa)
Pietro Tidei, protagonista dello scandalo a luci rosse, si è rivolto così a una consigliera d’opposizione: «Goditi il figlio o vedrai come va a finire». Il motivo? Per salvare un dirigente sta ignorando le direttive di Lamberto Giannini.
I soldi a Kiev violano il trattato dell’Alleanza
Volodymyr Zelensky e Jens Stoltenberg (Ansa)
A Washington i membri si sono assunti l’impegno di sostenere una delle parti in conflitto. Ma senza averne titolo.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy