Tornata di nomine in Fiera Milano,  le inchieste dividono Sala e Fontana - La Verità
Home
In primo piano

Tornata di nomine in Fiera Milano,  le inchieste dividono Sala e Fontana

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

L'ultima ondata di arresti e indagini inasprisce i rapporti tra il sindaco di Milano e il governatore lombardo indagato per abuso d'ufficio. A breve ci sarà la scelta dei nuovi vertici della Fondazione, controllante dell'ente fieristico, con Dario Frigerio e Giuseppe Orsi tra i possibili sostituti di Giovanni Gorno Tempini che però sembra mantenersi saldo al timone. Tiene ancora banco per la Spa quotata il caso Pfe Spa e Nolostand , già commissariata per mafia tre anni fa, non ha ancora «sottoscritto alcun protocollo di legalità con la prefettura».

In primo piano

Mentana ci accusa di speculare su Bibbiano per infangare il Pd. Falso, noi vogliamo solo fermare gli orchi

In primo piano

Conte apre le danze. E Salvini e Di Maio se le danno davvero

Ansa

La lettera del premier scatena i vice. Il leghista: «Fiducia persa». E medita di salire al Colle. Il grillino: «Se vuole la crisi lo dica».
In primo piano

Rendimenti bassi, ma garantiti. È tornata la voglia dei buoni postali

Sono i prodotti ideali per chi non regge gli scossoni del mercato: sicuri come i titoli di Stato, con la possibilità in più di avere il rimborso anticipato. La resa lorda annua arriva all'1,75% e si possono legare all'inflazione.
In primo piano

Lucano furioso contro «gli sbirri»

Ansa

  • L'ex primo cittadino spese i soldi destinati ai centri migranti per pagare una manifestazione a suo favore dopo le prime perquisizioni in Comune. E con un amico si lamentava del prefetto e della Guardia di finanza.
  • Con la scusa delle «buone intenzioni» e dell'«umanità» si sono creati sistemi disumani che di buono non hanno proprio nulla.
  • Stranieri umiliati e sfruttati in una cooperativa di Imperia. Denunciavano 81 ospiti ma ne avevano solamente 38. E da mangiare davano loro polmone e frattaglie.

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

Il geniale modello Riace. Migranti pagati per fingere di lavorare

Ansa

Nelle carte delle Fiamme gialle c'è la mangiatoia dietro la propaganda. Il sindaco vede, ma fa finta di niente: «Sto zitto perché mi danno i voti».