La linea, i dissidenti, la realpolitik. Ora i 5 stelle si scoprono un partito

  • I vertici pentastellati si ritengono rafforzati dal voto su Matteo Salvini, ma quel 41% della base che chiedeva di mandare l'alleato a processo pesa. Beppe Grillo contestato a teatro dagli ex attivisti: «Venduto alla Lega».
  • La giunta per le immunità del Senato dice no al procedimento contro il leader leghista. Il M5s vota compatto secondo le indicazioni arrivate da Rousseau: finisce 16 a 6. I dem sbraitano: «La chiamavano onestà». E Mario Michele Giarrusso li irride facendo il gesto delle manette.

Lo speciale contiene due articoli

Paolo Simoncelli (Ansa)
Il padre del campione morto a Sepang: «Il dolore o lo superi o ti ammazza, io e mia moglie abbiamo deciso di vivere scampando ai truffatori che speculano sui defunti. Oggi Marco lo vorrei qui anche in carrozzina».
Pietrangelo Buttafuoco (Getty Images)
Il giornalista e scrittore: «Il centrodestra per prevalere deve intercettare la maggioranza degli italiani, notoriamente anti sistema Calenda, al dunque, farà la fine di Segni. In Occidente si susseguono emergenze che, si veda la pandemia, spengono il dissenso».
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings