La linea, i dissidenti, la realpolitik. Ora i 5 stelle si scoprono un partito

  • I vertici pentastellati si ritengono rafforzati dal voto su Matteo Salvini, ma quel 41% della base che chiedeva di mandare l'alleato a processo pesa. Beppe Grillo contestato a teatro dagli ex attivisti: «Venduto alla Lega».
  • La giunta per le immunità del Senato dice no al procedimento contro il leader leghista. Il M5s vota compatto secondo le indicazioni arrivate da Rousseau: finisce 16 a 6. I dem sbraitano: «La chiamavano onestà». E Mario Michele Giarrusso li irride facendo il gesto delle manette.

Lo speciale contiene due articoli

iStock
Il mediatore arrestato provò a reclutare anche un altro broker: «Ho il numero di Domenico Arcuri». Le mascherine senza certificazioni
Il corrispondente della «Faz» Tobias Piller mi chiede se scriviamo falsità sull'euro per vendere copie. Peccato che il dibattito sui fatti non gli interessi: la moneta unica è un dogma di cui non si può parlare. Noi invece amiamo i dettagli e lasciamo a lui i pregiudizi
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings