La classifica dei titoli di Stato, i Btp rendono come quelli marocchini - La Verità
Home
In primo piano

La classifica dei titoli di Stato, i Btp rendono come quelli marocchini

In base agli ultimi dati di mercato, aggiornati al 3 maggio 2019, i decennali più sicuri al mondo sono quelli svizzeri e quelli giapponesi. Hanno un rendimento negativo (rispettivamente -0,276% e -0,035%). In fondo alla classifica (con ritorni altissimi e pericolosi) la Turchia, il Kenya e lo Sri Lanka.

C'è tutto un mondo intorno. È fatto di titoli di Stato decennali che rendono 3, 4, addirittura 5 volte in più di quelli italiani. E non è detto che siano per forza più rischiosi. Ovvio: quando si investe una certa dose di sangue freddo occorre averla, ma se si cercano titoli di Stato un po' più frizzanti di quelli italiani non c'è che l'imbarazzo della scelta. D'altra parte tutti i Paesi del mondo emettono titoli del debito pubblico. Quindi: la scelta è sconfinata.

In base agli ultimi dati di mercato, aggiornati al 3 maggio 2019, i titoli di Stato decennali più sicuri al mondo sono quelli svizzeri e quelli giapponesi. Sono talmente sicuri che hanno un rendimento negativo (rispettivamente -0,276% e -0,035%). Cosa vuol dire? Che gli investitori sono addirittura disposti a pagare un interesse (anziché riceverlo), pur di possederli. Sono tutti scemi? No: diciamo che i titoli con interesse negativo vengono comprati contando di rivenderli ad un prezzo più alto. Ma c'è anche chi li compra per rifugiarsi in un "porto sicuro", mettendo comunque in circolo la propria liquidità. Se siete stati su Marte nell'ultimo periodo, sappiate che questa "moda" dei titoli di Stato con rendimento negativo è scoppiata in Europa già da diversi anni.

Svizzeri e giapponesi a parte, i titoli di Stato che rendono molto poco ma sono fra i più sicuri al mondo sono quelli emessi da Germania (0,046%), Danimarca (0,136%) e Paesi Bassi (0,216%). Secondo Standard & Poor tutti e tre hanno un rating AAA e quindi, agli occhi degli investitori, sono "in una botte di ferro" anche in caso di un'eventuale nuova crisi economica. E l'Italia? Con un magro rating BBB e uno spread con i bund tedeschi di 252,2 punti base, i Btp decennali italiani garantiscono un rendimento del 2,568%. In Europa fanno meglio di noi la Croazia, Cipro, il Portogallo, persino la Bulgaria. Tutti loro (a eccezione dei portoghesi), hanno un rating peggiore dell'Italia ma i loro titoli di Stato rendono di meno.

Bisognerebbe capire quanto incidono fattori come la stabilità politica o la solidità dei conti pubblici di ciascun Paese per determinare una tale disparità sui mercati finanziari. Ad esempio: sembra incredibile, ma, come si vede dal grafico interattivo, i titoli decennali italiani rendono appena poco meno di quelli marocchini, che sono al 2,954% e poco di più di quelli (addirittura) americani, che sono al 2,556%. Strano, vero? E, se vogliamo continuare con lo "strano ma vero", si può aggiungere che i Btp decennali italiani offrono un rendimento che non è poi così distante da quello dei titoli emessi dalla Thailandia e da Singapore.

Ma dicevamo del sangue freddo. Se si cerca qualcosa di davvero eccitante bisogna andare nel Sud del mondo. Lì si trovano Paesi che pur di vendere titoli rappresentativi del proprio debito pubblico sono disposti a offrire rendimenti stellari. Tra i 70 Paesi del mondo che offrono rendimenti più bassi, quello che li offre più alti è la Turchia: 18,97%, seguita dall'Egitto, 16,33%, e dall'Uganda, 15,35%. Il Kenya, che proprio stabile stabile non è, offre un po' meno: 12,4%, circa un punto percentuale in più dello Sri Lanka.

Naturalmente guadagnare non è così facile. Ovvero: non è che siccome il titolo di Stato turco rende quasi il 19% basta comprare bond turchi per aver fatto l'affare della vita. In tutti i casi in cui si investe su titoli denominati in valuta straniera occorre considerare molti fattori (inflazione, crescita, tassi) tra i quali anche la possibilità che la moneta del Paese nel quale si è investito si svaluti. Così, per esempio: se il bond turco rende il 19% ma la lira turca si svaluta del 20%, l'investitore, a parità di altre condizioni, perde l'1%. In tutti questi casi il sangue non deve essere freddo. Deve essere gelato.

In primo piano

Il re di Hollywood malato di sesso che ridusse in schiavitù James Dean

Giphy

Marlon Brando, ilsex symbol d'America fece passare dal suo letto le attrici e gli attori più famosi. Sul set era inarrivabile ma diceva: «Non è arte, solo soldi e m...». Si definì «padre fallito» quando un figlio commise un omicidio.
In primo piano

Il grande silenzio sui rischi per chi abortisce

Finalmente tradotto in italiano Hush, il documentario (girato da una regista femminista) che illustra le conseguenze negative dell'interruzione di gravidanza: dalla maggiore possibilità dei tumori al seno, alle nascite premature, fino ai danni psicologici.
In primo piano

Stefano Ricci, l’eleganza incontra l’arte

Contenuto esclusivo digitale
  • La Reggia di Caserta scelta per presentare la collezione primavera-estate 2020, proseguendo così il tour dell'Italia alla ricerca della bellezza: «Si procede nel piano di investimenti, nuove aperture a Manila e in Australia». Ricavi a +5% nel primo trimestre.
  • Luci accese su Milano moda uomo ma Prada preferisce sfilare in Cina. Dal 14 al 17 giugno la kermesse dell'abbigliamento maschile. Alla ribalta 52 collezioni.
  • Il programma del 72esimo Festival di Cannes prevede film fino al 25 maggio con la proclamazione del vincitore. E non c'è dubbio che fino a quella data, oltre alle pellicole, tengano banco i vestiti delle attrici.

Lo speciale comprende tre articoli.

In primo piano

I Conticini investono 800.000 euro in un grande albergo

I parenti di Matteo Renzi, già nella bufera per i soldi svaniti dell'Unicef, hanno puntato su una società di hotel, usando pure conti offshore.
In primo piano

La teste: «C’erano due neri con Pamela»

Ansa

  • Il legale della famiglia Mastropietro ha raccolto una nuova testimonianza, messa a verbale davanti ai carabinieri, da parte di una signora maceratese: «Mia figlia abita vicino a via Spalato, ho visto due africani seguiti dalla ragazza, imbambolata».
  • Gli stranieri delinquono più degli italiani. La Onlus lo dice sottovoce. Il report sui detenuti di Antigone fa professione di antirazzismo. Eppure, a leggerli bene, i suoi dati sulle carceri parlano chiaro.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Cari onorevoli cancellate il bavaglio dell’Agcom

Ansa

Il regolamento del Garante per le comunicazioni limita la libertà di stampa. Il pensiero unico rischia di diventare obbligo di legge.
In primo piano

I compagni ti insultano anche se gli fai un piacere

Ansa

L'Unità, quotidiano fondato da Antonio Gramsci e per anni organo del Pci, manca dalle edicole dalla metà del 2017. La caduta del Muro di Berlino, ma soprattutto dell'utopia marxista, aveva già ridotto al minimo i lettori. Al resto ci ha pensato Matteo Renzi, imponendo come direttore l'ex presidente dell'acquedotto di Firenze. Risultato, dopo un breve periodo con Sergio Staino alla guida del giornale, L'Unità ha cessato (...)
In primo piano

All’«Espresso» arruolano Bergoglio. E lui li beffa parlando contro l’aborto

Ansa

Il settimanale di sinistra mette in copertina il Papa in costume da Zorro nominandolo leader dell'opposizione. La sinistra s'indigna per i rosari di Matteo Salvini. Poi coccola il Pontefice, ma non quando si batte in difesa della vita.
In primo piano

Battiston ricorrerà per tornare all’Asi. È il suo piano B se non va in Europa

Ansa

Il Tar ha certificato la bontà della sua rimozione dall'Agenzia spaziale, lui rilancia al Consiglio di Stato. Mentre è in lista col Partito democratico.
In primo piano

Si può ribaltare l’Ue. Ecco come usare la scheda elettorale (e non sbagliare)

Attenzione, alle europee vige il proporzionale puro. La soglia di sbarramento è al 4%. Il trabocchetto delle preferenze «rosa».