La classifica dei titoli di Stato, i Btp rendono come quelli marocchini - La Verità
Home
In primo piano

La classifica dei titoli di Stato, i Btp rendono come quelli marocchini

In base agli ultimi dati di mercato, aggiornati al 3 maggio 2019, i decennali più sicuri al mondo sono quelli svizzeri e quelli giapponesi. Hanno un rendimento negativo (rispettivamente -0,276% e -0,035%). In fondo alla classifica (con ritorni altissimi e pericolosi) la Turchia, il Kenya e lo Sri Lanka.

C'è tutto un mondo intorno. È fatto di titoli di Stato decennali che rendono 3, 4, addirittura 5 volte in più di quelli italiani. E non è detto che siano per forza più rischiosi. Ovvio: quando si investe una certa dose di sangue freddo occorre averla, ma se si cercano titoli di Stato un po' più frizzanti di quelli italiani non c'è che l'imbarazzo della scelta. D'altra parte tutti i Paesi del mondo emettono titoli del debito pubblico. Quindi: la scelta è sconfinata.

In base agli ultimi dati di mercato, aggiornati al 3 maggio 2019, i titoli di Stato decennali più sicuri al mondo sono quelli svizzeri e quelli giapponesi. Sono talmente sicuri che hanno un rendimento negativo (rispettivamente -0,276% e -0,035%). Cosa vuol dire? Che gli investitori sono addirittura disposti a pagare un interesse (anziché riceverlo), pur di possederli. Sono tutti scemi? No: diciamo che i titoli con interesse negativo vengono comprati contando di rivenderli ad un prezzo più alto. Ma c'è anche chi li compra per rifugiarsi in un "porto sicuro", mettendo comunque in circolo la propria liquidità. Se siete stati su Marte nell'ultimo periodo, sappiate che questa "moda" dei titoli di Stato con rendimento negativo è scoppiata in Europa già da diversi anni.

Svizzeri e giapponesi a parte, i titoli di Stato che rendono molto poco ma sono fra i più sicuri al mondo sono quelli emessi da Germania (0,046%), Danimarca (0,136%) e Paesi Bassi (0,216%). Secondo Standard & Poor tutti e tre hanno un rating AAA e quindi, agli occhi degli investitori, sono "in una botte di ferro" anche in caso di un'eventuale nuova crisi economica. E l'Italia? Con un magro rating BBB e uno spread con i bund tedeschi di 252,2 punti base, i Btp decennali italiani garantiscono un rendimento del 2,568%. In Europa fanno meglio di noi la Croazia, Cipro, il Portogallo, persino la Bulgaria. Tutti loro (a eccezione dei portoghesi), hanno un rating peggiore dell'Italia ma i loro titoli di Stato rendono di meno.

Bisognerebbe capire quanto incidono fattori come la stabilità politica o la solidità dei conti pubblici di ciascun Paese per determinare una tale disparità sui mercati finanziari. Ad esempio: sembra incredibile, ma, come si vede dal grafico interattivo, i titoli decennali italiani rendono appena poco meno di quelli marocchini, che sono al 2,954% e poco di più di quelli (addirittura) americani, che sono al 2,556%. Strano, vero? E, se vogliamo continuare con lo "strano ma vero", si può aggiungere che i Btp decennali italiani offrono un rendimento che non è poi così distante da quello dei titoli emessi dalla Thailandia e da Singapore.

Ma dicevamo del sangue freddo. Se si cerca qualcosa di davvero eccitante bisogna andare nel Sud del mondo. Lì si trovano Paesi che pur di vendere titoli rappresentativi del proprio debito pubblico sono disposti a offrire rendimenti stellari. Tra i 70 Paesi del mondo che offrono rendimenti più bassi, quello che li offre più alti è la Turchia: 18,97%, seguita dall'Egitto, 16,33%, e dall'Uganda, 15,35%. Il Kenya, che proprio stabile stabile non è, offre un po' meno: 12,4%, circa un punto percentuale in più dello Sri Lanka.

Naturalmente guadagnare non è così facile. Ovvero: non è che siccome il titolo di Stato turco rende quasi il 19% basta comprare bond turchi per aver fatto l'affare della vita. In tutti i casi in cui si investe su titoli denominati in valuta straniera occorre considerare molti fattori (inflazione, crescita, tassi) tra i quali anche la possibilità che la moneta del Paese nel quale si è investito si svaluti. Così, per esempio: se il bond turco rende il 19% ma la lira turca si svaluta del 20%, l'investitore, a parità di altre condizioni, perde l'1%. In tutti questi casi il sangue non deve essere freddo. Deve essere gelato.

In primo piano

I dem litigano già sulle macerie dell'Obamacare

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

I dossier ampiamente divisi nell'attuale corsa elettorale verso la nomination democratica del 2020 fioccano. E, tra questi, un ruolo di primo piano è certamente incarnato dalla questione sanitaria. Una questione che, da almeno tre anni, sta scavando solchi sempre più profondi in seno all'Asinello. E che adesso rischia di deflagrare, nell'ambito di primarie già abbastanza litigiose.

In primo piano

Poste apre il più grande hub in Italia. Spedirà 250.000 pacchi al giorno

Ansa

Il centro, costruito a Bologna con un investimento di 50 milioni, permetterà alla società di consolidarsi nel campo dell'ecommerce, cresciuto del 56% in un anno. Mentre la corrispondenza è scesa del 29%.
In primo piano

Scarlett Johansson sfida gli attivisti Lgbt. E loro la linciano

Gettyimages

  • L'attrice: posso interpretare qualsiasi personaggio, anche quelli trans. Ma i militanti arcobaleno la attaccano e la costringono alla retromarcia.
  • Lorenzo Gasparrini, attivista «antisessista», in un libro e nel corso di una trasmissione di Radio 3 Rai invita a liberarsi della saggezza popolare «discriminatoria». Poi, però, insulta le vittime del genocidio in Ruanda.
  • In Italia il bestseller della studiosa canadese Cordelia Fine. Il suo obiettivo: «Riassettare il sistema evolutivo».

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

L'asse Nairobi-Roma indaga su tre fronti: la morte di Regeni, gli appalti di Cmc e il rapimento della Romano

Contenuto esclusivo digitale
  • Avanza l'inchiesta sulle presunte tangenti per le dighe della cooperativa di Ravenna in Kenya. Il fascicolo in Italia è nelle mani del magistrato Laura Lotti, mentre quello su Silvia Romano viene gestito da Sergio Colaiocco. Al procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho la parte su Giulio Regeni.
  • George Kinoti, direttore delle indagini criminali del paese africano è sopravvissuto a un attentato nel 2005. Fu colpito da 28 proiettili. adesso cerca a Dubai le tracce di eventuale passaggio di denaro degli appaltatori.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Prosciutto ucciso dai furbetti del porcellino

iStock

Lo scandalo di Parma e San Daniele rivela che la suinicoltura italiana è ormai marginale, alla faccia della Dop economy. L'hanno distrutta la condanna delle porcilaie come bombe ecologiche e lager per animali e il sistematico dumping europeo.
In primo piano

A Bibbiano lucravano sulle terapie per i bimbi

iStock

  • Ogni giorno si confermano i legami fra i dem e i protagonisti di «Angeli e demoni». Nicola Zingaretti tace, tuttavia i tentativi di smorzare la vicenda sono smentiti dai fatti.
  • Lo psichiatra Camillo Valgimigli, giudice e consulente attacca: «I giudici hanno rapporti poco trasparenti con gli operatori».
  • Gli operatori del centro Hansel e Gretel utilizzavano l'apparecchiatura NeuroTek, ma non risulta che abbiano mai frequentato, almeno in Italia, i corsi di formazione necessari. Così nascono i problemi.
  • Gli psicologi prendevano 135 euro ogni 60 minuti di seduta con i piccoli, mentre il prezzo medio di mercato è di 60-70 euro. E il 53% delle volte lavoravano meno del previsto.

Lo speciale contiene quattro articoli

In primo piano

«Il Vaticano dà il suo sostegno al Pd e chi obietta è punito, come in Cina»

Un parroco della diocesi di Bologna, Don Alfredo Morselli, rompe la cappa di conformismo su Bergoglio: «I fedeli sono preoccupati per l'eccessiva attenzione di Francesco ai migranti. Intanto si dimenticano i veri principi non negoziabili».
In primo piano

Il clero che rifiuta la deriva pro invasione

Ansa

  • Nel numero di Panorama da oggi in edicola, un'inchiesta su tutti quei prelati che, dall'Europa all'Africa, si oppongono al pensiero unico imposto dal Vaticano sull'immigrazione (e non solo): «L'accoglienza non può diventare un nuovo dogma».
  • A capo della comunicazione della Santa sede dovrebbe arrivare a breve Matteo Bruni. Ma l'iperattivismo del direttore editoriale Andrea Tornielli rischia di rendere inutile la carica.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Arrestato in Norvegia il mullah «rifugiato» che guidava un gruppo terrorista a Merano

Ansa

Najmuddin Faraj Ahmad, meglio noto come Krekar, è stato fermato poche ore dopo la sentenza che gli ha inflitto 12 anni in quanto «capo spirituale» di una cellula jihadista smantellata in Alto Adige. Tra i membri anche alcuni beneficiari di sussidi statali: si fingevano perseguitati dai fondamentalisti.