I Benetton chiedono manforte all’Ue. «Siamo discriminati dal governo»

I Benetton chiedono manforte all’Ue. «Siamo discriminati dal governo»
Luciano Benetton (Getty images)
I vertici di Autostrade scrivono a Valdis Dombrovskis: «Il nostro titolo ora è spazzatura per le mosse dell'esecutivo» Poi gridano alla disparità di trattamento: «Quando è caduto il ponte di Aulla nessuno ha attaccato Anas».
Con le pedine grilline D’Alema fa il re di Roma
Fabrizio Palermo (Imagoeconomica)
Roberto Gualtieri, fedelissimo del leader Maximo, è pronto a piazzare al vertice di Acea Fabrizio Palermo. Già capo di Cdp ai tempi del Conte uno. Il manager è il punto d’incontro tra l’ex premier e il M5s, che a differenza del Pd si prepara a fare il pieno di voti.
Il Pd si aggrappa a De Luca, al ddl Zan e alle frasi del Cav. Ma la piazza è vuota
Silvio Berlusconi (Ansa)
Bufera per l’uscita sulla guerra di Silvio Berlusconi. Che spiega: «Era cronaca: riferivo solo il pensiero di altri, condanno l’invasione».
C’è aria di inciucio se il Senato resta in bilico
Sergio Mattarella (Ansa)
Al Colle e a Bruxelles non va giù l’idea di Giorgia Meloni premier. Perciò i gufi confidano nella rimonta di Giuseppe Conte al Sud: una maggioranza risicata a Palazzo Madama propizierebbe un patto tra i 5 stelle, i dem (senza Enrico Letta), il terzo polo e i cespugli forzisti incalzati dal Ppe.
L’Ue minaccia gli italiani: «Attenti a come votate»
Ursula von der Leyen (Horacio Villalobos#Corbis/Corbis via Getty Images)
Ursula von der Leyen a gamba tesa: «Se le cose andranno in una direzione difficile, abbiamo degli strumenti, come nel caso di Polonia e Ungheria». Il centrodestra insorge. Sergio Mattarella, invece, non ha nulla da eccepire.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings