Il coronavirus non ferma il Giappone. E i turisti diventano virtuali

True
Il coronavirus non ferma il Giappone. E i turisti diventano virtuali
iStock
  • Sebbene non si conoscano ancora le tempistiche di riapertura dei voli verso l'Oriente, i tour digitali spopolano sul web e mostrano le bellezze di un Paese che, nell'anno delle Olimpiadi, si è ritrovato ad affrontare per la prima volta l'assenza totale di visitatori dall'estero.
  • Il gruppo teamLab, responsabile di due musei interattivi a Tokyo, ha dato vita a una nuova installazione completamente digitale a cui tutti possono partecipare. Basta disegnare un fiore.
  • Il museo dello Studio Ghibli, responsabile per i più celebri film d'animazione giapponesi, ha creato il suo profilo Youtube dove ogni settimana carica video tour virtuali.
  • Trascorri mezz'ora con una geisha di Hakone tra balli e canzoni. Su Zoom.
  • A 75 anni dalla distruzione di Hiroshima, visitate il «parco della pace» e partecipate alla cerimonia delle lanterne.

Lo speciale contiene cinque articoli e gallery fotografiche.

Genova, la deportazione dimenticata: quando 1.500 operai finirono al lager
L’ultimo libro del giornalista Giovanni Mari riporta alla luce il dramma di un gruppo di metalmeccanici che il 16 giugno 1944, durante una pausa pranzo, fu «prelevato» dalle Ss. Con destinazione Mauthausen.
«Lo Stato investirà nelle quotate in Borsa»
Giulio Centemero (Imagoeconomica)
Il parlamentare della Lega Giulio Centemero: «Pronto un emendamento per portare il fondo di fondi a Piazza Affari con l’obiettivo di garantire risorse ai piccoli e medi gruppi italiani. Servono cultura finanziaria e regole che non facciano scappare le società all’estero».
Il Ftse Mib fa registrare una crescita del 13,7% nei primi mesi dell’anno. Merito delle azioni a maggiore capitalizzazione, cresciute del 101% in un quinquennio. Tra i titoli medi alcune chicche, ma anche molti rischi.
«I fondi di Bruxelles solo se fai le riforme». L’Ursula II minaccia di cancellare gli Stati
Ursula Von der Leyen (Ansa)
Ursula Von der Leyen vuole allargare il modello Pnrr al bilancio Ue: altri 800 miliardi legati alle leggi sponsorizzate dall’Unione.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings