Con scarpe e sandali fatti a mano Almini conquista gli sceicchi - La Verità
Home
In primo piano

Con scarpe e sandali fatti a mano Almini conquista gli sceicchi

Almini

  • L'erede di Almini, storico calzaturificio di Vigevano: «Usiamo una tecnica unica di cucitura al rovescio e pennelli per decorare le nostre creazioni. Per ogni Paese arabo abbiamo disegnato modelli ad hoc»
  • L'azienda di intimo Yamamay apre una nuova boutique a Milano con Panino Giusto, gruppo specializzato nella ristorazione.
  • Orequo riscopre il fascino del foulard, accessorio capace di dare luce al volto, di rinnovare una borsetta, di trasformarsi in cintura.

Lo speciale contiene tre articoli

Storia e moda. Due parole che nel nostro Paese vanno a braccetto da Nord a Sud. Tradizioni che si tramandano di padre in figlio. Origini mai tradite, sviluppate nel tempo. È lo straordinario valore aggiunto del made in Italy, forza propulsiva inimitabile L'ennesimo esempio viene da Vigevano, terra di calzaturieri eccelsi che hanno fatto della produzione industriale una raffinata arte, preziosa e unica. Almini è arrivato alla quarta generazione di un marchio nato nel 1921 grazie a Pietro Almini. «Era il mio bisnonno», racconta Alessandro Ruggero, patron del brand, «che venne nel vigevanese per imparare il mestiere. Aveva la passione per i lavori artistici, manuali e per le scarpe».

L'attività iniziò da zero e «passò a mia nonna Fernanda, ultima Almini, che continuò sulla stessa strada iniziata dal padre». Una storia di famiglia, una storia di coppie (nonno Paolo con la nonna, il padre Carlo Ruggero con la moglie) che hanno mandato avanti l'attività. Oggi c'è Alessandro con la moglie Claudia e la sorella Valentina. «Abbiamo sempre cercato di fare cose uniche, offrendo qualcosa che non c'è e anticipando proposte particolari».

Come il metodo Almini reverse, un modo di fare le scarpe che viene da lontano. «Sono serviti tre anni di messe a punto prima di trovare il modo giusto di cucire una scarpa al rovescio. Soprattutto è stato fondamentale intervistare mia nonna che aveva imparato la tecnica dal bisnonno ed è riuscita a trasmetterla. Questo processo consente di dare subito alla calzatura la forma giusta, come se questa si modellasse direttamente sul piede».

Scendendo nei particolari, come viene realizzata?

«La tomaia viene cucita sul retro della suola e rigirata, operazioni fatte tutte a mano. Questo permette di non avere né un sottopiede tra la suola e la tomaia né un doppio incollaggio, ottenendo una morbidezza e una flessibilità impareggiabili. La tecnica reverse viene applicata dalle slim effetto sottile, dove la suola va a fondersi in un pezzo unico con la tomaia, fino al classico good year. Produrre un modello Almini è un processo complesso, assimilabile alla realizzazione dei meccanismi degli orologi di alta gamma, interamente manuale, dove ogni parte che compone la calzatura viene trattata come materia viva in continua trasformazione e che richiede abilità ed esperienza che permettono di lavorare pellami esclusivi e preziosi come il baby calf 8 millimetri».

Anche le colorazioni sono di quelle che non si vedono facilmente.

«La scarpe sono sfumate in modo naturale con un procedimento antico chiamata patina, o glassage, in modo da evidenziare i decori e le cuciture dando una sensazione di tridimensionalità. Originariamente si faceva intingendo uno straccio nel colore e sfregando la pelle che però così si macchiava. Noi ci siamo ispirati al make up e usiamo pennelli proprio come se dipingessimo un volto su una tela: è molto più laborioso, ma il risultato è davvero speciale».

Lei descrive lavori di grande manualità, sinonimo di artigianalità. Artigiani che formate voi?

«Sì, perché di artigiani ce ne sono sempre meno e non ci sono scuole che insegnano questi lavori antichi. Alleviamo giovani che hanno voglia di imparare e apprezzano l'artigianalità e la tradizione visti così come un mestiere artistico. All'inizio hanno dovuto “rubare" i segreti agli anziani, gelosi di tramandare il loro sapere. Il passaggio generazionale non è stato semplice ma oggi siamo l'azienda più giovane, 30 anni di media, della Lomellina. Sessanta persone di cui il 60% donne».

Fate scarpe di altissima qualità e, in particolare, siete leader mondiali nel campo del sandalo arabo.

«Tutto iniziò casualmente circa 30 anni fa. Un arabo arrivò a Milano e chiese dove farsi fare delle calzature. Lo indirizzarono a Vigevano in un'azienda dove, ai tempi, noi eravamo terzisti. Loro non ne avevano il tempo e passarono a noi la palla. Mio padre colse l'occasione: fu la svolta».

Una vera e propria specializzazione.

«Abbiamo una quantità incredibile di modelli perché ogni Paese ha il proprio sandalo. È la loro calzatura, la indossano tutti. I sandali più preziosi sono in alligatore della Louisiana, poi ci sono quelli realizzati con la tecnica a pizzicotto. A volte, a prodotto finito andiamo a disegnare dei decori che si identificano con il modello. C'è una forma di sandalo che va bene sia negli Emirati arabi sia in Arabia Saudita, alcuni non sono caratteristici di una zona e possono piacere anche agli occidentali. Ci sono sandali con un leggero tacco e infradito, altri hanno una striscia di pelle che abbraccia il tallone, altri hanno una piccola zeppa. Si possono trovare da Harrod's ma solo in certi periodi. Viaggio molto spesso nel Golfo Persico e negli Emirati e raccolgo le ordinazioni. Altrimenti i clienti possono venire nel nostro negozio in via Bagutta a Milano, dove si trova l'intera collezione. Facciamo anche sandali da donna su ordinazione e, in particolare, per i matrimoni. Serviamo diversi sceicchi e le famiglie reali».

Che siano sandali o scarpe, Almini conferma la capacità tutta italiana di essere un'eccellenza, di saper trattare una calzatura come un guanto e di accontentare la più svariata clientela. «L'obiettivo è ora arrivare anche in nuovi Paesi e varcare altri confini. La nostra forza sta nella qualità, requisito indispensabile, regola ferrea che risale all'inizio del Ventesimo secolo».

Almini

Almini

La parola preferita dalla famiglia Cimmino è sfida. È stata una sfida quando, nel 2001, da un'idea dell'imprenditore napoletano Gianluigi Cimmino è nato Yamamay, un marchio che oggi vanta una rete di vendita capillare, presente in Italia con 487 negozi monomarca e all'estero con 178. Ed è una sfida l'apertura del nuovo flagship store di Milano con il quale il gruppo fa il suo ingresso nel settore del cibo con un partner d'eccezione come Panino giusto e una location d'impatto nella centralissima piazza Cordusio.

Il nuovo concept store si trova in un elegante palazzo dei primi del Novecento, uno spazio di 1.000 metri quadrati con ingresso comune, suddiviso su due piani che ospitano a piano terra il negozio di Yamamay e a quello superiore Panino giusto, che inaugura in questa occasione la formula Panino giusto first floor.

Il senso più profondo della partnership viene raccontato dalle due importanti figure femminili delle rispettive aziende, Barbara Cimmino, responsabile ricerca e sviluppo di Yamamay, ed Elena Riva, presidente di Panino giusto, entrambe impegnate nella responsabilità sociale e nell'empowerment femminile. I valori comuni , come l'italianità, l'impegno per l'innovazione e l'attenzione al consumatore, hanno favorito la volontà di fare sistema. Vantaggi competitivi comuni alle due aziende e segreto del loro successo internazionale. Il desiderio di Yamamay e di Panino giusto è infatti quello di creare uno spazio trasversale, pensato per tutti i momenti della giornata, offrendo nello stesso palazzo occasioni complementari di un'esperienza unica.

« Quest'apertura», spiega Barbara Cimmino, «è per noi una grande sfida perché presenta due grandi novità: questo è il primo negozio Yamamay che ci vede in partnership con un player della ristorazione casual dining, ed è anche il nostro primo store pensato in ottica omnichannel. Monitor touch screen interattivi, pagamenti in mobilità, un ologramma in 3D che permette la visione di immagini tridimensionali in movimento, insomma una sfilata virtuale: queste sono solo alcune delle importanti novità».

Il progetto rappresenta una nuova esperienza per il brand di intimo che collabora con Accenture per offrire un servizio sempre più personalizzato, con tanto di fashion stylist virtuale. «Vogliamo offrire ai nostri clienti una shopping experience più completa, varia e interattiva, insomma più customizzata. Mi piace pensare al flagship store di Milano come a un luogo di passaggio che coniuga moda, food e innovazione tecnologica, insomma uno spazio di contaminazioni e sperimentazioni, il tutto nel rispetto dell'ambiente: tutti gli arredi di questo negozio sono infatti stati realizzati grazie alla collaborazione dell'architetto Adamo Tortoli e poi prodotti dallo studio Tecna, partner decennale del gruppo, nel pieno rispetto delle normative ambientali e con l'utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo progetto segna un ulteriore e importante passo per rafforzare la presenza di Yamamay nella capitale italiana della moda, in un'area in trasformazione come quella di piazza Cordusio».

Orequo rispolvera l'eleganza senza tempo del foulard

Quelli di Hermès vanno addirittura all'asta. D'altronde la storia del foulard più famoso al mondo racconta di un mito senza tempo, insuperato, il cui valore è rimasto intatto nel tempo. La nascita del carré di Hermès è datata 1937 e da allora non ha mai perso il suo prestigio, nemmeno quando il quadrato di seta è andato fuori moda. Da quelli di Gucci a quelli di Emilio Pucci erano delle vere e proprie opere d'arte ma, nonostante questo, sono finite, dimenticate, nei cassetti più nascosti. La moda, si sa, non cancella mai nulla. Mette in un angolo per poi ritirare fuori come se fosse la grande novità di stagione. È il caso dei foulard non più classificati come un oggetto antico che invecchia. Anzi. Gli svariati modi in cui si può utilizzare ne fanno un accessorio capace di dare luce al volto, di rinnovare una borsetta, di trasformarsi in cintura.

Questa primavera estate ha riscoperto il foulard, visto su tante passerelle, da Tom Ford a Dior a Max Mara. Quello più nuovo si chiama «durag o do-ragd» ed è il modo in cui lo si porta: annodato in testa in un modo speciale al punto che in rete ci sono tutorial che insegnano a indossarlo correttamente. Tra le novità, quelli di Orequo. La collezione «Muse» è ispirata alle incisioni di Virgil Solis, pittore tedesco del 1500, dedicate all' intrigante ed enigmatico mondo femminile incarnato da figure mitologiche come Calliope, Erato, musa della poesia amorosa, Melpomene, musa del canto e Clio, musa della storia. Le figure sono in bianco e nero, inserite in una cornice di pattern geometrici e dai colori vibranti. La collezione «Maschere» è ispirata alle illustrazioni dei personaggi della commedia dell'arte realizzate da Maurice Sand, disegnatore francese del 1800, con Arlecchina, Colombina, Corallina e Silvia in primo piano, tra disegni di uccelli e fantasie tropicali.

La collezione «Urbana» propone un'immagine affascinante e suggestiva di simboli, paesaggi e tradizioni di quattro grandi metropoli europee: Roma, Parigi, Londra e Barcellona. Le nuove linee di foulard realizzate in twill 100% seta sono presentate in tre misure: 70x70, 90x90 e 140x140. Non mancano le stole realizzate in seta e cashmere ispirate a capolavori di Klimt, Kandinskij, Klee e Delaunay. Straordinarie quelle che riportano disegni in libertà tratte da fiabe: Pinocchio, ad Alice nel Paese delle Meraviglie, al Mago di Oz e al Libro della giungla. Colori magici e atmosfere da sogno.

Saldarini propone esclusive e speciali per una gamma completa di foulard in pura seta 90 per 90. Le disegnature sono astratte o geometriche nei caldi colori estivi, oppure nei più classici motivi floreali e ancora estremamente eleganti nel motivo marina. Soggetti differenti, sempre eleganti nel perfetto stile che da sempre distingue la produzione dell'azienda di Como. Risale al 1882 la fondazione dell'azienda che deve a Carlo Saldarini l'idea di una filanda di seta che cresce rapidamente negli anni, diventando una delle industrie più importanti del distretto serico comasco, con una piccola ma preziosa collezione di cravatte. Alla fine degli anni Sessanta la produzione viene estesa ai foulard da donna. La famiglia Saldarini è ancora unica proprietaria della società diretta e gestita dalla quinta generazione, rappresentata da Francesco Saldarini e sua moglie Laurence Vanderhaegen. È dal 2016 che il progetto Saldarini 1882 segna un nuovo percorso stilistico che parte dalla tradizione e si sviluppa tra ricerca ed evoluzione per realizzare un capo spalla imbottito in puri fiocchi di cashmere. Un prodotto brevettato, il piumino senza piume, sostenibile ed ecologico.

I foulard di Orequo

In primo piano

Perché Salvini tiene in piedi il governo

Ansa

«Se l'Eni avesse ricevuto una fornitura di 3 milioni di tonnellate di kerosene o gasolio, nel palazzo di vetro in cui all'Eur ha sede il quartier generale del gruppo l'avrebbero saputo anche gli uscieri». Ride di gusto il mio interlocutore, un manager che di affari internazionali ne ha conclusi a dozzine. In base alla sua esperienza, quella messa in scena nella hall del Metropol di Mosca non era una trattativa per vendere petrolio e finanziare la Lega, ma solo un trappolone per allocchi. Così, mentre sghignazza, mi spiega: «Ma le pare che 12 milioni di barili arrivino senza che se ne sappia nulla? Primo: l'Eni non importa prodotti raffinati, ma greggio, e se avesse sottoscritto un contratto come quello, avrebbe dovuto giustificare un cambio di rotta nelle strategie aziendali, comunicandolo all'intero (...)
In primo piano

La nomina del commissario è una partita fra leghisti

Ansa

Giancarlo Giorgetti primo italiano per Industria e Concorrenza, per l'Agricoltura c'è Gian Marco Centinaio. Giuseppe Conte velenoso sul no del Carroccio alla presidente: «Può compromettere le trattative».
In primo piano

Ursula guidava un esercito armato con mitra di legno

Ansa

Fissata con ecologia e immigrazione, Ursula Von der Leyen alla Difesa tedesca ha lasciato un disastro: aeroplani e navi inservibili, armamenti carenti. Ma voleva carri attrezzati per le soldatesse gravide.
In primo piano

I dem litigano già sulle macerie dell'Obamacare

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

I dossier ampiamente divisi nell'attuale corsa elettorale verso la nomination democratica del 2020 fioccano. E, tra questi, un ruolo di primo piano è certamente incarnato dalla questione sanitaria. Una questione che, da almeno tre anni, sta scavando solchi sempre più profondi in seno all'Asinello. E che adesso rischia di deflagrare, nell'ambito di primarie già abbastanza litigiose.

In primo piano

Poste apre il più grande hub in Italia. Spedirà 250.000 pacchi al giorno

Ansa

Il centro, costruito a Bologna con un investimento di 50 milioni, permetterà alla società di consolidarsi nel campo dell'ecommerce, cresciuto del 56% in un anno. Mentre la corrispondenza è scesa del 29%.
In primo piano

Scarlett Johansson sfida gli attivisti Lgbt. E loro la linciano

Gettyimages

  • L'attrice: posso interpretare qualsiasi personaggio, anche quelli trans. Ma i militanti arcobaleno la attaccano e la costringono alla retromarcia.
  • Lorenzo Gasparrini, attivista «antisessista», in un libro e nel corso di una trasmissione di Radio 3 Rai invita a liberarsi della saggezza popolare «discriminatoria». Poi, però, insulta le vittime del genocidio in Ruanda.
  • In Italia il bestseller della studiosa canadese Cordelia Fine. Il suo obiettivo: «Riassettare il sistema evolutivo».

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

L'asse Nairobi-Roma indaga su tre fronti: la morte di Regeni, gli appalti di Cmc e il rapimento della Romano

Contenuto esclusivo digitale
  • Avanza l'inchiesta sulle presunte tangenti per le dighe della cooperativa di Ravenna in Kenya. Il fascicolo in Italia è nelle mani del magistrato Laura Lotti, mentre quello su Silvia Romano viene gestito da Sergio Colaiocco. Al procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho la parte su Giulio Regeni.
  • George Kinoti, direttore delle indagini criminali del paese africano è sopravvissuto a un attentato nel 2005. Fu colpito da 28 proiettili. adesso cerca a Dubai le tracce di eventuale passaggio di denaro degli appaltatori.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Prosciutto ucciso dai furbetti del porcellino

iStock

Lo scandalo di Parma e San Daniele rivela che la suinicoltura italiana è ormai marginale, alla faccia della Dop economy. L'hanno distrutta la condanna delle porcilaie come bombe ecologiche e lager per animali e il sistematico dumping europeo.