La Verità - Cronache dell'invasione
In primo piano

Hanno tolto di mezzo il bimbo eroe italiano

Ansa

Le furbate per distrarre Ousseynou Sy, le telefonate ai soccorritori e una bidella ustionata per proteggere gli scolari: il salvataggio sull'autobus è stata una grande e bellissima azione di squadra. Però i media buonisti elogiano, strumentalmente, il giovane Rami e non Riccardo.
In primo piano

Indagati dei tunisini ben integrati. «Con le loro ditte pagavano la jihad»

Ansa

Sotto inchiesta in Abruzzo un gruppo di immigrati attivi in edilizia e vendita tappeti: avrebbero creato un giro transnazionale di fondi neri che, grazie a una pratica monetaria tipica dell'islam, sarebbero finiti ad Al Nusra.
In primo piano

Salvini e Di Maio sono d’accordo: «Cittadinanza per l’eroe bambino»

Ansa

Il tredicenne che, per primo e di nascosto, ha chiamato il 112 è egiziano. Il padre chiede che venga riconosciuto il suo gesto. Il Viminale avvierà una procedura velocizzata per meriti speciali: «Ma la togliamo al senegalese».
In primo piano

Vogliono farlo passare per matto ma il senegalese ha preparato tutto

Ansa

  • I finestrini coperti, il coltello ritrovato, i bimbi come scudi: premeditato il dirottamento del bus. L'autista ai pm: «Servono governi di destra». La finta malattia per nascondere la patente sospesa. Il video ancora non si trova.
  • Azione perfetta dell'Arma «normale». Il salvataggio della scolaresca ha visto i carabinieri della porta accanto comportarsi all'altezza dei corpi speciali. La risposta alla sofferenza provocata dal caso Cucchi.
  • «Io picchiata perché indosso il velo». Attivista italomarocchina dei Giovani musulmani di Torino: «È colpa del clima politico che c'è in Italia». Ma ad aggredirle sarebbe stata una straniera. Solidarietà da Pd e M5s.

Lo speciale comprende tre articoli.

In primo piano

Autista senegalese brucia il bus con gli scolaretti: «Vendetta contro Salvini»

Ansa

  • Ha legato 51 ragazzi delle medie e sparso benzina: «I migranti muoiono, di qui non esce vivo nessuno». I carabinieri salvano tutti in extremis con un blitz.
  • Sposato con un'italiana, Ousseynou Sy ha precedenti penali ma guidava l'autobus. Il Viminale valuta il ritiro della cittadinanza. Il sindaco di Crema, città della scolaresca presa di mira, s'era opposto al decreto sicurezza.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Pamela, l’orrore è a porte chiuse: uccisa a coltellate e fatta a pezzi viva

Ansa

Smentita la morte per overdose della ragazza trovata in due trolley. Mentre in tribunale sfilano le immagini agghiaccianti, il nigeriano Oseghale non guarda e i genitori della giovane piangono tenendo il capo chino.
In primo piano

Il movente personale era una balla. Su Utrecht torna l’ombra della jihad

Ansa

Gökhan Tanis, l'uomo accusato di aver ucciso tre persone nella città olandese, non conosceva le sue vittime In compenso, nella sua auto avrebbe lasciato un biglietto in cui spiegherebbe di aver agito in nome di Allah.
In primo piano

Ho visto le fotografie del corpo di Pamela ridotto in tanti pezzi. Sembra magia nera

Ansa

Oggi in aula gli scatti del cadavere smembrato della ragazza. Ecco che cosa contengono quelle immagini raccapriccianti.
In primo piano

Autista senegalese dirotta pullman con a bordo 51 bambini: «Oggi da qui non esce vivo nessuno»

Contenuto esclusivo digitale

Attimi di paura sulla statale Paullese, tra Milano e Crema dove un uomo, Ousseynou Sy, senegalese con precedenti penali ma da diversi anni in Italia, ha preso in ostaggio un pullman con a bordo alcuni ragazzi e poi dato fuoco al mezzo.

L'uomo alla guida del bus aveva caricato prima diverse taniche di benzina, poi era andato a prendere 51 ragazzi della scuola media Vailati di Crema per portarli in una palestra. Qui il dirottamento: «Oggi da qui non esce vivo nessuno». L'uomo, che voleva vendicare le morti nel Mediterraneo, ha prima legato i ragazzi ai sedili con fascette da elettricista e poi ha cosparso sedili e cappelliere di benzina. Uno dei ragazzi a bordo, però è riuscito a dare l'allarme chiamando i Carabinieri. Da qui è nato un inseguimento, con conseguente sfondamento di un posto di blocco. Solo dopo una lunga corsa il pullman è stato bloccato. Una volta fermi, Sy ha preso l'accendino e dato fuoco alla benzina. I Carabinieri hanno sfondato i vetri posteriori del mezzo e hanno messo in salvo ragazzi e insegnanti. A quel punto il senegalese ha preso due ragazzi minacciando di ucciderli per coprirsi la fuga ma è stato bloccato.

L'uomo aveva precedenti per guida in stato d'ebbrezza e violenza sessuale.