Alle imprese promessi 12 miliardi. Finora però se n’è visto solo uno

Alle imprese promessi 12 miliardi. Finora però se n’è visto solo uno
Roberto Gualtieri (Samantha Zucchi/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)
  • A giugno il ministro Roberto Gualtieri annunciò il pagamento degli arretrati della pubblica amministrazione alle aziende creditrici. Si tratta di liquidità cruciale per evitare i fallimenti, ma la burocrazia blocca tutto.
  • Borsa «scudata», Mediobanca no. Nel dl Agosto confermata la norma che garantisce alla Consob il potere di veto sui pretendenti di Piazza Affari. Il 21 le offerte. Sparisce invece l'articolo anti scalate.

Lo speciale comprende due articoli.

Legge Zan, cannabis e ius scholae. L’agenda dem è estranea al Paese
Imagoeconomica
Istanze Lgbt, legalizzazione delle droghe terapeutiche, matrimoni «egualitari». Le priorità indicate dal partito di Enrico Letta segnano l’abbandono definitivo del ceto moderato in favore di istanze radicali.
Berlusconi detta l’agenda a destra: tutti allineati sul presidenzialismo
Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)
Il Cavaliere se la prende con la sinistra: «Ha mistificato le mie parole sul Quirinale». E mentre Enrico Letta, Verdi e «terzo polo» continuano a sputare veleno, Giorgia Meloni e la Lega confermano la volontà di rivedere la Carta.
Il Pd voleva licenziare Mattarella
Sergio Mattarella (Imagoeconomica)

A inizio legislatura i dem hanno presentato, con la firma del capo della commissione Affari costituzionali, un ddl presidenzialista che prevedeva l’insediamento del capo di Stato eletto (e l’uscita di quello in carica) entro 70 giorni. Il senatore Tommaso Cerno conferma tutto. I loro assi nel programma: cannabis legale, matrimoni «egualitari», eutanasia e ius scholae.

Ma quale democratico, è il Partito dei disonesti
Enrico Letta (Imagoeconomica)
Ma quanto sono ipocriti Enrico Letta e il suo partito? Da due giorni il segretario e i capi corrente del Pd si agitano, denunciando un assalto alla democrazia. Tutto perché Silvio Berlusconi si è permesso di dire che, nel caso di una riforma in senso presidenziale della Costituzione, Sergio Mattarella dovrebbe avere la sensibilità di farsi da parte.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings