Pro Vita & Famiglia: «A Verona libertà delle donne significa vagine a forma di blatta sulla mia faccia»

Pro Vita & Famiglia: «A Verona libertà delle donne significa vagine a forma di blatta sulla mia faccia»

«Sta accadendo che il successo della nostra campagna #stopaborto contro la pillola abortiva Ru486 stia scatenanando rabbia, odio e violenze contro di noi. Parliamo a ragion veduta di successo, perchè proprio ieri anche l'Abruzzo ha inviato una circolare che è una forte raccomandazione alle Asl regionali,"affinché l'interruzione farmacologica di gravidanza con utilizzo della pillola RU486 (mefipristone e prostaglandine) sia effettuata preferibilmente in ambito ospedaliero e non presso i consultori familiari" rigettando quindi le assurde direttive della circolare del Ministro Speranza. E siccome queste sono le vere conquiste per le donne ma vengono ostacolate dai mass media e dalle voci progressiste e femministe, a Verona offendevano e bullizzavano la nostra Maria Rachele Ruiu, non avendo altri argomenti su cui dibattere evidentemente» ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus, dopo che nella città di Romeo e Giulietta sono stati affissi cartelli prolife con l'immagine della testimonial di Pro Vita e Famiglia, successivamente volgarmente imbrattati ed esaltati sui social dalle femministe di Non una di Meno.

«E successo che ieri - ha dichiarato Maria Rachele Ruiu, membro del direttivo di Pro Vita e Famiglia - Repubblica (e poi anche il Corriere) abbia deciso di pubblicare una foto del nostro manifesto imbrattato da #NonUnaDiMeno, dando solo a loro la parola e permettendo, di fatto, un vero e proprio shit storm sulla mia persona. E' forse questo l'agire che suggeriscono quando parlano di libertà delle donne? E io cosa sono? Stessa domanda rivolgo ai deputati Pd, che nella loro pagina, hanno pubblicato un manifesto 'rivisto e corretto'. E' stato usato il mio volto per sponsorizzare un messaggio che non solo non condivido, ma combatto. E questa non è violenza? Teoricamente avrebbero dovuto difendermi dalle ingiurie e dal bullismo che ho ricevuto, visto che si battono per questo. A prescindere da tutto, le donne si meritano più dell'aborto e io mi batterò sempre per questo. Il fatto che i manifesti siano stati accolti così come sono stati accolti, mi confermano che oggi, nel 2021 non si può parlare di aborto, se non come dogma».

Giulio Scarpati: «Da “medico in famiglia” dico che oggi manca tempo per i pazienti»
Giulio Scarpati (Ansa
L’attore consacrato dalla fiction di Rai 1: «Come fa una sola persona a seguire migliaia di malati? Interpretare Livatino, il giudice ragazzino ucciso dalla mafia, è stata la mia esperienza più forte al cinema».
Il cristianesimo non si riduce ai valori morali
Don Luigi Giussani (Ansa)
Grazie alla rivista «Tracce», pubblichiamo stralci della lezione inedita di don Luigi Giussani, scomparso 19 anni fa. Il fondatore di CL spiega come alla base del cattolicesimo ci sia un avvenimento: «Anche se tutto il mondo non credesse in Cristo, non potrebbe toglierlo».
Dimmi La Verità | ospite l'onorevole Marta Schifone (FdI)

Ecco #Dimmi La Verità del 23 febbraio 2024. Ospite l'onorevole Marta Schifone (FdI). La'rgomento del giorno è: "Materie Stem e sanità".

A Dimmi La Verità l'on Marta Schifone, capogruppo di Fratelli d'Italia in Commissione Lavoro alla Camera. Argomento del giorno: materie Stem e sanità

Imballaggi, green, salute: le trappole Ue da qui al voto
Alexander De Croo (Ansa)

La presidenza di turno belga forza l’agenda della Commissione mentre Ursula Von der Leyen finge di cambiare tutto per fare il bis.

Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings