I visitatori dei parchi divertimento aumentano del 10%, quelli dei musei 50 volte meno

True
I visitatori dei parchi divertimento aumentano del 10%, quelli dei musei 50 volte meno
Giphy
  • I primi 25 parchi di divertimenti al mondo attraggono 244 milioni di visitatori. Il trend cresce quasi del 10%. I musei invece segnano solo una percentuale dello 0,2%. Balzano quelli italiani con un incremento di visitatori del 10%. Peccato abbiano incassato in tutto incassato 193 milioni di euro. (Quello della Bibbia di Washington da solo ha registrato un fatturato di 168 milioni).
  • Le nuove tecnologie vengono incontro all'esigenza delle grandi strutture. Dopo il mondo dedicato a Pandora a Walt Disney World e Harry Potter agli Universal Studios, il futuro dei sistemi immersivi sarà il protagonista delle aree tematiche dedicate a Star Wars che apriranno in California e in Florida nel 2019.
  • Nani che ballano al ritmo di musica techno, la riproduzione di Gerusalemme al tempi di Gesù e uno spazio dedicato a quello che succede quando ci si siede sul wc. Guida ai parchi più strambi del mondo.
  • Meglio il settore dei parchi divertimento in Italia. Per Gardaland +10% di visitatori rispetto allo scorso anno. Primo in classifica per gradimento degli ospiti è invece Leolandia, in provincia di Bergamo. Bene anche Mirabilandia, Etnaland e Cinecittà World.
  • Il parco più antico del mondo è il Bakken, si trova in Danimarca. Costruito nel 1932 al suo interno si può sperimentare il primo rollorcoaster costruito in legno.

Lo speciale contiene 6 articoli.

Fontana si ribella ai diktat europei: «È impraticabile fermare tutto»
Attilio Fontana (Ansa)
Intanto Milano sprofonda tra divieti, bike sharing guasto, scioperi e cortei pacifisti.
La direttiva Ue sull’aria può strozzare il Nord
Ansa
Nuova genuflessione all’Oms: pronta una bozza di interventi draconiani per ridurre ulteriormente le emissioni nocive entro il 2030. Palazzo Chigi, però, ottiene una deroga di 10 anni. Senza la quale la Pianura padana sarebbe a rischio desertificazione economica.
Esecutivo europeo e presidenza belga cambiano le carte sul packaging. Decisivi il trilogo di marzo e la plenaria di aprile. Intanto, la Germania fa sponda con noi in cambio dell’appoggio contro le norme green sulla filiera.
Edicola Verità | La rassegna stampa del 22 febbraio

Ecco #EdicolaVerità, la rassegna stampa del 22 febbraio con Camilla Conti

Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings