Omotransfobia, PV&F risponde a Cathy La Torre: «Discriminati e offesi dalla paladina delle discriminazioni»

Omotransfobia, PV&F risponde a Cathy La Torre: «Discriminati e offesi dalla paladina delle discriminazioni»

«Cathy La Torre, avvocato specializzato in diritto antidiscriminatorio con particolare riferimento alle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere, è specializzata sì ma solo per difendere chi gli pare a lei. Noi ci sentiamo discriminati e offesi» hanno dichiarato in una nota Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, dopo essere stati attaccati via social, insieme ad altri leader del mondo prolife, dall'attivista Lgbtqia+.

«Prova ne è - ha proseguito la nota - che ci siamo ritrovati immortalati in una foto, costruita ad arte e che sa tanto di foto segnaletica, lanciata dalla signora La Torre usando i social e scatenando i soliti odiatori. Nell'immagine appariamo insieme ad altri leader dell'associazionismo prolife e profamily, e ci si accusa di difendere la vita tranne che quella delle persone Lbtqia+. Niente di più falso. La vita di tutte le persone è sacra e va rispettata e siamo profondamente offesi da queste accuse, tanto più che La Torre dovrebbe essere la prima a utilizzare messaggi rispettosi sul web e sui social, avendo creato il famoso progetto #odiareticosta con la campagna per l'assistenza legale a chi è vittima di calunnie, diffamazione, hate speech. Che fa ora, il leone da tastiera che si spaccia per pecorella? Siamo già all'indice prima che passi il DDL liberticida Zan??? Brandi e Coghe concludono: «Avendo avuto l'avvocatessa l'incarico di esperta dell'ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar), le ricordiamo che per il ruolo istituzionale ricoperto dovrebbe mantenere un certo profilo super partes non certo così ostile e velenoso».

L'Isis Khorasan vuole colpire l'America

Gli arresti non sono avvenuti isolatamente, ma nel contesto di un aumento delle attività operative dell'Iskp. Questo gruppo affiliato allo Stato Islamico è diventato il più attivo a livello operativo tra tutte le filiali dell'Is nel mondo. Solo nel 2024, il gruppo ha effettuato diversi attacchi transnazionali con successo - tra cui in Iran, Turchia e Russia - ed è stato coinvolto in numerosi tentativi falliti, anche in Europa.

«Under the bridge», la serie crime basata su una storia vera sbarca su Disney+
«Under the bridge» (Disney+)

Negli Stati Uniti d’America, quello di Reena Virk è uno fra i casi di nera più noti al pubblico. La serie con Riley Keough a interpretare Rebecca Godfrey, autrice del libro-inchiesta pubblicato nel 2005, sarà disponibile su Disney+ a partire da mercoledì 10 luglio e proverà a riavvolgere il nastro.

Nel cuore dell’Europeo delle censure l’orgoglio patrio è stato immarcabile
Il calciatore turco Merih Demiral (Getty Images)
Non solo Merih Demiral: albanesi, serbi e croati hanno esibito fiero nazionalismo a dispetto di restrizioni Uefa assurde (tipo Gigi D’Agostino al bando). Unica eccezione per le star francesi: boicottare Marine Le Pen è permesso.
Calendario di A senza tregua, colpa del Mondiale per club. La Lega: «Causa contro Fifa»
Ansa
Presentati i match della prossima stagione: si gioca anche sotto Natale per far spazio alla kermesse iridata che nessuno vuole. Luigi De Siervo: «Non siamo i soli in fibrillazione».
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy