I fuoriusciti: viaggio tra i cattolici che non stanno con nessun Papa - La Verità
Home
In primo piano

I fuoriusciti: viaggio tra i cattolici che non stanno con nessun Papa

  • Dalla Fraternità San Pio X, fondata da Lefebvre nel 1970 in polemica col Concilio, all'Istituto Mater Boni Consilii. Mentre il clero progressista è in «ritirata», i tradizionalisti, anche se in rotta con Roma, riempiono i seminari.
  • Il Sinodo in corso va verso un compromesso. Dissidi su preti sposati e diaconesse. Probabile accordo al ribasso: dottrina ribadita ma pastorale lassista.
  • «La confusione nella Chiesa ha già dato vita a una "doppia religione"». Il presidente della Fondazione Lepanto Roberto De Mattei descrive una fase drammatica per i fedeli: «C'è uno scisma di fatto, ma né i tradizionalisti né il partito amazzonico usciranno».

Lo speciale comprende tre articoli.

In primo piano

Il vero antisemitismo è quello islamico

Ansa

  • Dilaga nel mondo l'ostilità dei musulmani verso gli ebrei con attentati e omicidi firmati dagli integralisti. E i giudici chiudono gli occhi davanti alle intolleranze
  • Gli studiosi concordi: tra fondamentalisti e moderati non ci sono differenze, la sinistra muta per paura d'inimicarsi gli immigrati
  • L'ex presidente della sinagoga di Milano Ugo Volli: «L'intimidazione islamista è duplice perché ha motivi religiosi e anche politici».

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

La nascita di un bimbo ha cambiato la storia

Ansa

La venuta al mondo di Gesù ha creato uno spartiacque: per questo soltanto prima del cristianesimo si giudicavano normali violenze e infanticidi. Allora festeggiamo il Natale, accendiamo le luci e mettiamo al centro delle nostre case Maria, Giuseppe e il Bambinello.
In primo piano

Le gaffe di Monda affondano l’«Osservatore»

Ansa

Tra strafalcioni, ingenuità e familismi, il direttore del quotidiano della Santa Sede si è rivelato un disastro. E pare che Francesco dopo un anno lo voglia già cacciare. Ernesto Ruffini e Antonio Spadaro non riescono più a difenderlo. Mentre Andrea Tornielli si fa avanti per la successione.
In primo piano

Il sistema Bibbiano scandalizza anche il Papa

Getty

Jorge Bergoglio incontra le famiglie vittime dell'inchiesta sui presunti pedofili e diavoli della Bassa Modenese, cui furono sottratti i figli da pm e assistenti sociali negli anni Novanta. Un caso montato ad arte e che ha fatto da «modello» al recente obbrobrio.
In primo piano

Ecco i cinque inganni di Pachamama idolo anticristiano nemico dell’uomo

Getty

La divinità pagana della cultura inca del Perù sdoganata dalla Chiesa cattolica è un imbroglio religioso, politico e teologico. Mette la terra al centro del cosmo ed esclude di fatto il concetto di un Dio trascendente.
In primo piano

Gli scandali della Chiesa. Le scelte sbagliate di Francesco

Ansa

  • Jorge Bergoglio aveva assicurato ambiziose riforme, ma si è circondato di collaboratori controversi. E finora nella Santa Sede non è cambiato nulla.
  • Nel 2013 il successore di Pietro varò il Consiglio di cardinali per cambiare i dicasteri. Proprio in quel periodo Angelo Becciu trattava l'investimento in Angola e poi a Londra. E ora circolano voci su Pietro Parolin in lizza per il conclave.
  • Il vaticanista Aldo Maria Valli: «Ha avuto 7 anni per fare pulizia: non c'è riuscito perché s'è affidato a persone inadeguate».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

I «nuovi» cattolici si sentono così buoni che stanno sempre con i nemici di Gesù

Ansa

Dalle vignette di Staino apparse su «Avvenire» ai gay affrescati in cattedrale a Terni. Più sei anticristiano, più la Chiesa ti adora.
In primo piano

Don Camillo stronca i cattodem: «Ora la Chiesa dialoghi con Salvini»

Ansa

Intervistato dal Corriere, l'ex cardinale vicario Camillo Ruini boccia il progetto di partito confessionale orientato a sinistra e assolve lo sventolio di rosari del leader leghista. Bordata anche sui preti sposati: «Il Papa dica no».
In primo piano

Viganò pungola il Vaticano sul caso Orlandi

Ansa

Per l'ex nunzio, il testo della prima telefonata dei rapitori di Emanuela Orlandi è nell'archivio della segreteria di Stato. E non è stato adeguatamente analizzato durante le indagini sul sequestro della ragazza nel 1983. Il legale della famiglia chiede spiegazioni.