Lorenzo Bertocchi
In primo piano

Conte fa il democristiano. Via il suo patrocinio, resta quello del ministero

Twitter

  • Il premier risolve con un trucco la grana del logo per il Congresso mondiale delle famiglie. E gli organizzatori incassano anche quello della Repubblica.
  • Nicola Sartor schiera l'università di Verona contro il Forum. Ma dimostra di ignorare molte pubblicazioni.
  • La studiosa nigeriana Theresa Okafor infangata da Monica Cirinnà: «Mi preoccupa di più il ricatto delle Ong subito dall'Africa».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

La Chiesa rompe il silenzio sul Congresso delle famiglie: «D’accordo sulla sostanza»

Ansa

Pietro Parolin, segretario di Stato del Vaticano, sostiene l'evento: «Vedremo i risultati». Governo sempre diviso. Di Maio rincara: «La Lega festeggia il Medioevo, noi no».
In primo piano

Chiesa in bilico: sì alla famiglia o no a Salvini?

Ansa

Gerarchie in imbarazzo: impossibile non mostrare vicinanza a posizioni che richiamano il catechismo e si rifanno addirittura agli auspici di papa Francesco. Ma è forte il timore di «compromettersi» con i sovranisti o con qualche relatore troppo radicale.
In primo piano

«Cambiare sesso non è peccato». «Avvenire» apre alla triptorelina

Ansa

  • Il giornale dei vescovi cambia idea sul farmaco che blocca la pubertà: «Occorre misericordia, allevia la sofferenza delle persone». Una tesi che smentisce alcuni chiarissimi interventi di Bergoglio sul tema.
  • Esecutivo diviso sulla kermesse veronese. Il vicepremier grillino si allinea a Spadafora, mentre i leghisti animeranno i lavori.
  • La legge dem sulla «omotransnegatività» mette al bando anche le opinioni «potenzialmente discriminatorie verso il mondo Lgbt»

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Il Vaticano sdogana la triptorelina con la formula del «caso per caso»

Ansa

Sulla terapia gender il vice presidente dell'Accademia per la vita Laura Palazzani dice sì, «se i ragazzi stanno soffrendo».
In primo piano

«Ha taciuto gli abusi di un prete». Condannato il cardinale Barbarin

Ansa

Non denunciò le molestie avvenute 50 anni fa a danno di numerosi scout: sei mesi con la condizionale. Il caso dimostra che la Chiesa potrà essere devastata penalmente se non saprà gestire la delicata questione.
In primo piano

Il cardinal Pell prepara l’appello dal carcere

Ansa

  • L'ex tesoriere vaticano, sollevato dalla Santa Sede, è in prigione. Non smette di dichiararsi innocente ed è al lavoro per smontare le accuse nel prossimo grado di giustizia. Le testimonianze contro di lui lasciano molti dubbi, ma non sarà facile ribaltare il verdetto.
  • Dall'Australia agli Usa, passando per il Cile, Bergoglio ha perso gli uomini su cui contava di più. Il Consiglio dei nove è diventato il Consiglio dei sei. E le sue ultime promozioni possono trasformarsi in un boomerang.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

«Il cardinale Pell è un pedofilo». Il tesoriere del Papa rischia 50 anni

Ansa

  • Giudicato colpevole il prelato australiano accusato di aggressione sessuale su due minori. Il porporato si dichiara innocente, ma la Santa Sede lo sospende. Smacco per il Consiglio dei nove voluto da Bergoglio.
  • L'ultimo summit ha prodotto l'ennesimo vademecum, alcune figure discusse restano però al loro posto. Così la crisi si aggrava.
  • La battaglia legale sulla pedofilia causa alla Chiesa americana 20 crac. E il Vaticano rischia di pagare come ente criminale.

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

Si chiude il summit voluto dal Papa. Le vittime protestano: «Solo parole»

Ansa

  • Padre Federico Lombardi annuncia misure concrete, un Motu proprio e un vademecum. Nessun cenno a violenze sui seminaristi e omosessualità. La giornalista messicana Valentina Alazraki: «La vostra comunicazione è malata e corrotta».
  • Il liturgista don Nicola Bux: «Va considerata depravazione, non normalizzata come molti vogliono fare. L'80% degli abusi sui minori è opera di preti gay. Ma Francesco non interviene, fa il peronista: un colpo al cerchio, uno alla botte».

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Pedofili nella Chiesa: «Distrutti i dossier con l’elenco dei nomi dei responsabili»

Ansa

Al summit sugli abusi il cardinale Reinhard Marx conferma la tesi Viganò: «È successo in Germania, non escludo che sia avvenuto altrove».