Così Speranza aprì le porte d’Europa al virus

Così Speranza aprì le porte d’Europa al virus
Roberto Speranza (Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images)
Nel gennaio 2020 il ministero disertò la riunione del Comitato Ue per la sicurezza della salute dove si decise di fare tamponi a chiunque arrivasse da Wuhan. L'Italia non lo fece. Con le conseguenze che sappiamo.
La relazione: «L’Italia ora è percettore netto in Europa». Ma i sussidi del Recovery sono solo teoricamente a fondo perduto: dal 2026 andranno ripagati con contributi o nuove tasse. Raffaele Fitto: «Flessibilità sulle risorse».
Stop da domenica. E Vladimir Putin rimpiazza l’Ue con India e Brasile. Bankitalia: oltre il 60% dell’inflazione dipende dall’energia.
I brigatisti «francesi» ora temono il ritorno in Italia
Nel riquadro Narciso Manenti (Ansa)
Oggi in Cassazione, a Parigi, nuova udienza sul rimpatrio dei terroristi rifugiatisi Oltralpe: stavolta Emmanuel Macron potrebbe mollarli.
I medici chiariscono il quadro di Cospito: «Non sta morendo»
Alfredo Cospito (Ansa)
«Condizioni non gravi dopo 110 giorni di sciopero della fame». Nuovi attentati. Mozioni di sfiducia per Giovanni Donzelli e Andrea Delmastro.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings