Fabio Amendolara
In primo piano

L’Aquarius si dà una riverniciata e torna da noi per conto di Macron

LaPresse

La nave della Ong francese, ora battente bandiera panamense, lascia Marsiglia per riprendere il suo ruolo di taxi del mare. L'Eliseo cerca di riguadagnare consensi con l'accoglienza, scaricando i migranti in Italia.
In primo piano

L’amico della Boldrini era uno spacciatore

Due documenti in possesso della Verità raccontano che padre Mussie Zerai, molto attivo nell'aiutare gli immigrati a sbarcare in Italia, fu condannato nel 1994 a due anni per smercio di due chili di hashish. Contattato, non ha risposto alle nostre domande.
In primo piano

Il vice Juncker sbrocca con Salvini sui migranti. Ma intanto la linea dura paga: Italia terza rotta

LaPresse

  • Il ministro a Vienna tratta con i tedeschi sulle espulsioni, si schiera con Victor Orbán e subisce l'attacco del collega lussemburghese, che gli rinfaccia il passato: «Venivate a lavorare nel Granducato». Appunto: a lavorare...
  • Con le Ong fuori gioco, gli scafisti rispolverano i barchini di legno: 184 a Lampedusa Il Viminale studia un rimpatrio lampo. Intanto, i clandestini puntano Grecia e Spagna.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Lo schiaffo di Toninelli ai Benetton: sul ponte affido diretto a Fincantieri

  • Il ministro delle Infrastrutture prepara il decreto per tagliare fuori Atlantia dalla ricostruzione. Se Bruxelles si mette di mezzo, si ripiegherà su una gara ristretta. Nessun passo verso Giovanni Toti e Giovanni Tria sceglie il no comment.
  • Interrogatori: venti dirigenti indagati attesi in Procura a partire da venerdì. Convocati i vertici di Autostrade, ministero, Spea e dei provveditorati regionali.
  • Calcinacci giù dal viadotto della A24. Le strade continuano a perdere i pezzi: blocchi di calcestruzzo sulla Roma-Teramo, vicino all'Aquila. Non ci sono feriti, ma i vigili del fuoco rilevano un degrado strutturale.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Ansia da crolli sulla Milano-Meda. «Quattro cavalcavia pericolanti»

LaPresse

  • Tecnici concordi: alcuni ponti sopra la trafficatissima statale brianzola sono alla fine della loro vita. «Meglio chiudere la circolazione». La Regione tranquillizza tutti: «Pronti al restauro». Ma fino al 2019 si continua così.
  • Con Matteo Renzi al governo i controllori avvisarono: «Siamo troppo pochi». La commissione parlamentare fu edotta, invano, che le verifiche sulle strutture erano calate per la mancanza di circa 90 addetti.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Il perfetto manuale per fare i soldi grazie all’accoglienza degli immigrati

LaPresse

  • In un'inchiesta fiorentina una vera summa dei metodi usati per lucrare sui richiedenti asilo, dal cibo scaduto alle minacce.
  • «Dite alla coop della perquisizione». Nuove intercettazioni imbarazzanti per l'ex prefetto di Padova, Patrizia Impresa. In una telefonata, chiese di avvertire i dirigenti di Ecofficina dei controlli in arrivo.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Diciotti, gli atti arrivano a Palermo. Salvini in tutto rischia fino a 30 anni

LaPresse

  • Due nuove accuse (cinque in totale) contro il ministro dell'Interno Matteo Salvini. La replica: «Sono come medaglie». L'inchiesta, però, va avanti: torchiati dai giudici altri uomini del Viminale. E Gianni Alemanno denuncia il pm.
  • Due navi, due misure: la tragedia dimenticata della Kater I Rades. Nel 1997, il blocco decretato dal governo Prodi fece oltre 100 morti (e nessuno indagò).
  • «Cacciare 500.000 clandestini? Una sparata». Giancarlo Giorgetti ridimensiona la promessa del vicepremier. Ma un modo per agevolare i rimpatri volontari esiste.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

La coop dei migranti della Diciotti ai raggi X

  • Auxilium, colosso dell'accoglienza «cattolica» che ospita 100 sbarcati a Catania, finanzia Avvenire e gode di influenti amicizie, da Clemente Mastella a Gianni Letta. Archiviate le indagini sul dominus Angelo Chiorazzo. Che per Salvatore Buzzi e Massimo Carminati era «uno grosso».
  • La «carità» vale un fatturato di oltre 60 milioni. L'impresa incassa utili per 543.000 euro: una vera potenza economica nel sociale.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

La Cei offre l’accoglienza, ma chi la paga?

LaPresse

Ancora non è chiaro se la disponibilità dei vescovi italiani a prendersi cura dei migranti sbarcati dalla Diciotti sarà finanziata con l'8 per mille o dai soliti fondi statali. Nella loro gestione avrà un ruolo forte la Caritas, esperta nel business della solidarietà.