Aborto, Pro Vita & Famiglia: «Solidarietà all’assessore delle Marche Giorgia Latini. Violenza inaudita dei nuovi boia»

Aborto, Pro Vita & Famiglia: «Solidarietà all’assessore delle Marche Giorgia Latini. Violenza inaudita dei nuovi boia»

«Parole di una violenza inaudita contro l'assessore alle Pari Opportunità delle Marche, a cui esprimiamo la nostra solidarietà. Giorgia Latini è stata oggetto di minacce vergognose apparse su un cartellone esposto a Macerata riportante questo messaggio: "La storia ce lo insegna, andiamo a bruciargli la casa". Ecco cosa rischia chi oggi si esprime per difendere la vita e a sostegno della maternità. Siamo nella più feroce dittatura che la storia abbia mai visto, ma la chiamano democrazia e i boia del potere si credono moderni» ha dichiarato Jacopo Coghe, vice presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«L'assessore Latini - ha concluso Coghe - si era detta contraria all'aborto, aveva anche espresso la volontà di mettere all'ordine del giorno della Giunta una riflessione sull'aborto farmacologico con la Ru486, tema affrontato nella nostra ultima campagna di sensibilizzazione sui rischi per la salute fisica e psicologica della donna. Evidentemente queste persone non operano affatto per il bene delle donne, ma sono disposte a sacrificarle sull'altare della più cieca ideologia insieme a chi tenta un cambiamento di approccio culturale sul tema».

La Bce con l’aumento dei tassi vuole farci pagare gli aiuti della Germania
Christine Lagarde (Ansa)
Gli effetti inflattivi generati dagli interventi contro il caro bollette rischiano di finire sulle spalle di tutti i consumatori europei. È guerra tra falchi e colombe. Fabio Panetta: «Meglio che Francoforte non prenda impegni».
Allarme di Centromarca, l’associazione delle aziende dei beni di largo consumo, sulla tempesta perfetta: non ci sono margini.
Le dispute tra alleati sugli appalti nel Paese rallentano la realizzazione di infrastrutture energetiche. E si parla già di ricostruzione: una torta da 1 trilione di dollari (cui aggiungere ricche risorse minerarie) per cui si sono mobilitate Parigi, Londra, Berlino e Ankara.
Gli analisti «autorevoli» scoprono che la guerra non è un videogioco
Getty Images
Su «Corriere» e «Repubblica» si deplora la riduzione del dibattito bellico a sterile talk show e si preannuncia un conflitto che potrebbe durare anni. Ma i primi a semplificare erano loro.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings