Matteo Corallo
In primo piano

La Via della seta con la Cina l’hanno aperta prima di noi i governi di Berlino e Vienna

Ansa

Il patto commerciale che sta per essere siglato con il Dragone ha attirato tante critiche ma la Germania ha già quasi 200 miliardi di interscambi annui con il colosso orientale.
In primo piano

Antisemitismo, in Germania ritorna la paura

Ansa

Atti di vandalismo e violenza contro gli ebrei hanno funestato la cronaca berlinese degli ultimi mesi. Episodi che sono solo la punta di un iceberg. Lo scorso anno sono stati 1.647 i crimini di matrice religiosa che hanno visto vittime membri della comunità israelitica.
In primo piano

Ora la Germania lancia il piano Iri per proteggere le proprie aziende

Ansa

  • Il ministro dell'Economia vuole dare al governo il potere di acquistare imprese e bloccare scalate dall'estero per fermare la Cina. Come sempre vige il doppio standard: i teutonici possono fare quello che a noi è vietato.
  • Per scongiurare il crac dell'istituto Nordlb, pronti 3,7 miliardi. Le opposizioni protestano e parlano di un aiuto di Stato.
  • Le vendite al dettaglio lo scorso dicembre sono scese dell'1,6%. Si tratta del calo più forte da marzo 2008.
  • L'export di Berlino verso Londra vale 85 miliardi, il 6,6% del totale. Se si dimezzasse, il Pil potrebbe calare del 5,5%. Le quattro ruote subirebbero le conseguenze peggiori.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

In Germania otto milioni di precari. E un bimbo su sette vive in povertà

Ansa

Altro che Stato stabile: non c'è una pensione minima e una su due è sotto gli 800 euro. Casualmente il partito «populista» di destra dell'Afd sta riscuotendo un grande successo nelle regioni orientali dell'ex Ddr, quelle cioè maggiormente coinvolte dai fenomeni di impoverimento e precarietà esistenziale menzionati sopra.
In primo piano

La Merkel blinda la Cdu. È una sua fedelissima la nuova leader del partito

ANSA

  • Il congresso di Amburgo elegge Annegret Kramp-Karrenbauer. Ma il legame con la cancelliera potrebbe rivelarsi un boomerang.
  • Berlino piena di manifesti in lingue straniere che incitano ai rimpatri volontari. Per chi se ne va, fino a 1.200 euro in contanti. Soldi pubblici tedeschi anche per il primo anno di alloggio nei Paesi d'origine, oltre agli eventuali costi per le ristrutturazioni.

Lo speciale contiene due articoli